Attualità

29 Marzo 2021

Iscrizione regimi Iva Oss e Ioss dal 1° aprile sul sito delle Entrate

Tutto pronto per la partenza dei regimi Iva Oss e Ioss prevista per il prossimo 1° luglio 2021. Per consentire a operatori e intermediari di registrarsi ai fini di tali regimi speciali si potrà effettuare l’iscrizione sul sito dell’Agenzia delle entrate a partire dal prossimo 1° aprile. Lo rende noto il dipartimento delle Finanze con il comunicato di oggi, 29 marzo 2021.

Dal 1° luglio 2021 entreranno in vigore le modifiche alla direttiva Iva 2006/112/Ce, introdotte per semplificare gli obblighi Iva dei soggetti passivi, comprese le interfacce elettroniche, impegnati nel commercio transfrontaliero nei confronti di consumatori finali, che saranno recepite nell’ordinamento nazionale mediante un decreto legislativo, approvato in esame preliminare dal Consiglio dei ministri il 26 febbraio 2021 e attualmente all’esame delle commissioni parlamentari.

Le nuove disposizioni stabiliscono che il regime semplificato Moss (Mini One Stop Shop) di identificazione Iva dello sportello unico attualmente previsto per le prestazioni di servizi di telecomunicazione, teleradiodiffusione ed elettronici rese a consumatori finali, verrà esteso alle vendite a distanza e alle prestazioni di servizi rese a consumatori finali.
In particolare, sarà introdotto il regime Oss (One Stop Shop), per le vendite a distanza di beni spediti a partire da uno Stato membro e a destinazione di consumatori finali di altro Stato membro dell’Unione europea e per le prestazioni di servizi rese a consumatori finali assoggettate all’Iva nello Stato membro di consumo, e il regime Ioss (Import One Stop Shop), per le vendite a consumatori finali di beni importati da paesi terzi in spedizioni di valore non superiore a 150 euro.

La normativa europea prevede che gli Stati membri autorizzino i soggetti passivi e gli intermediari che agiscono per loro conto a registrarsi ai fini dei regimi speciali Oss e Ioss a partire dal 1° aprile 2021, per poterli rendere effettivamente operativi dal prossimo 1° luglio 2021.

L’Agenzia delle entrate ha predisposto le funzionalità telematiche che consentono ai soggetti passivi, residenti e non residenti che intendono aderire ai regimi speciali Oss e Ioss, di effettuare la registrazione on-line sul proprio sito.
In particolare, a partire dal 1° aprile 2021 potranno registrarsi:

  • i soggetti passivi extra-Ue privi di stabile organizzazione nel territorio dell’Unione europea al regime “OSS non-UE”, compilando un modulo disponibile in italiano e in inglese nella sezione a libero accesso del sito dell’Agenzia delle entrate
  • i soggetti passivi domiciliati e residenti in Italia, i soggetti passivi extra-Ue con una stabile organizzazione in Italia e i soggetti extra-Ue privi di stabile organizzazione nel territorio dell’Unione europea che spediscono o trasportano beni a partire dall’Italia al regime “OSS UE”, attraverso i servizi telematici dell’Agenzia delle entrate
  • i soggetti passivi domiciliati e residenti in Italia, i soggetti passivi extra-Ue con una stabile organizzazione in Italia e i soggetti passivi extra-Ue privi di stabile organizzazione nel territorio dell’Unione europea al regime “IOSS”, compilando il modulo disponibile in italiano e inglese nella sezione a libero accesso del sito dell’Agenzia delle entrate. I soggetti passivi stabiliti in Italia possono, inoltre, registrarsi sul sito dell’Agenzia delle entrate per svolgere le funzioni dell’intermediario Ioss.

Ulteriori informazioni sui singoli regimi sono disponibili sul sito dell’Agenzia delle entrate nelle sezioni ad essi dedicate.

Condividi su:
Iscrizione regimi Iva Oss e Ioss dal 1° aprile sul sito delle Entrate

Ultimi articoli

Attualità 20 Ottobre 2021

Tax credit servizi digitali 2021, le domande da oggi, 20 ottobre

Al via da oggi, 20 ottobre, e fino alla mezzanotte del 20 novembre 2021 le domande al dipartimento per l’Informazione e l’Editoria per accedere al credito d’imposta riconosciuto alle imprese editrici di quotidiani e periodici per l’acquisizione di servizi digitali.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

Il contratto non lascia dubbi è una permuta di beni pubblici

Il contratto di trasferimento di un immobile dal Demanio, che agisce per conto dello Stato, a un ente territoriale, in attuazione di un accordo di programma quadro, se contiene l’elenco dei beni immobili reciprocamente trasferiti con il relativo valore e presenta gli elementi tipici dell’operazione, può essere considerato una permuta di beni pubblici e beneficiare dei relativi regimi di favore previsti per le imposte di registro, ipo-catastali e bollo.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

I registratori di cassa telematici non sono “iperammortizzabili”

L’interconnessione dei registratori di cassa telematici con il sistema informativo aziendale non comporta, di per sé, l’automatico riconoscimento dell’agevolazione prevista dalla legge di bilancio 2017 (articolo 1, comma 9) e più volte prorogata (articolo 1, comma 30, Bilancio 2018 e articolo 1, comma 60, Bilancio 2019), meglio conosciuta come “iperammortamento”.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

Bonus “Restauro” edifici storici, le istanze partono a febbraio 2022

È pari al 50% delle spese sostenute nel 2021 e 2022 il credito d’imposta previsto per la manutenzione, la protezione o il restauro degli immobili di interesse storico e artistico.

torna all'inizio del contenuto