Normativa e prassi

19 Marzo 2021

Contribuzione aggiuntiva sindacalisti: esce di scena la causale contributo

La causale contributo “ASOO” riguardante la contribuzione aggiuntiva dei sindacalisti in aspettativa, ai sensi dell’articolo 31 della legge n. 300/1970, dal prossimo 1° aprile non potrà più essere utilizzata nella sezione “Inps” del modello F24. A decretarne la soppressione la risoluzione n. 21/E del 19 marzo 2021 in seguito alla richiesta pervenuta dall’Inps.

La causale contributo “ASOO”, denominata “Contribuzione aggiuntiva sindacalisti di cui all’articolo 3, comma 5, del decreto legislativo 16 settembre 1996, n. 564”, era stata istituita con la risoluzione n. 37/E del 5 maggio 2016 (vedi articolo “Versamenti nelle casse dell’Inps: taglio nastro per altre due causali”) e consentiva all’ente previdenziale di riscuotere, tramite modello F24, i contributi per i lavoratori collocati in aspettativa per cariche sindacali, la cui disciplina è nell’articolo 5 del Dlgs 564/1996, che così cita: “A decorrere dal mese successivo alla data di entrata in vigore del presente decreto può essere versata, facoltativamente, una contribuzione aggiuntiva sull’eventuale differenza tra le somme corrisposte per lo svolgimento dell’attività sindacale ai lavoratori collocati in aspettativa ai sensi dell’art. 31 della citata legge n. 300  del 1970 e la retribuzione di riferimento per il calcolo del contributo figurativo di cui all’art. 8, ottavo comma, della citata legge n. 155 del 1981…”.

Condividi su:
Contribuzione aggiuntiva sindacalisti: esce di scena la causale contributo

Ultimi articoli

Attualità 15 Aprile 2021

Cessione credito o sconto in fattura. Countdown per la comunicazione

Scade oggi, 15 aprile 2021, il termine per comunicare, all’Agenzia delle entrate, la scelta per la cessione del credito o per lo sconto in fattura, al posto dell’utilizzo diretto del Superbonus nella propria dichiarazione dei redditi, in relazione alle spese sostenute nel 2020.

Attualità 14 Aprile 2021

Imposta di bollo sulle e-fatture, una guida al corretto adempimento

È online nella sezione “l’Agenzia informa”, all’interno dell’area tematica “Fattura elettronica e corrispettivi telematici” e su questa rivista la nuova guida “L’imposta di bollo sulle fatture elettroniche”, che segue il provvedimento del 4 febbraio scorso, siglato dal direttore dell’Agenzia delle entrate Ruffini, in materia di integrazione delle fatture elettroniche sulle quali è dovuta l’imposta di bollo e della messa a disposizione da parte dell’Agenzia per i soggetti Iva della relativa procedura web (vedi articolo “Imposta di bollo sulle e-fatture, il nuovo servizio per gli operatori”).

Normativa e prassi 14 Aprile 2021

Cucine arredate a Iva ordinaria, anche se tutt’uno con le case cedute

La cessione di cucine arredate, inglobate in unità abitative oggetto di compravendita (cessione “a corpo”), sconta l’Iva ordinaria “in tutti i sensi”, sia verso il cliente finale sia al passaggio dal produttore alla società immobiliare.

Normativa e prassi 14 Aprile 2021

Definite le specifiche tecniche per trasmettere i dati Irap 2021

Definite, con il provvedimento del 13 aprile 2021, siglato dal direttore dell’Agenzia Ruffini, le specifiche tecniche, in formato xml, da utilizzare, tramite l’Agenzia delle entrate, per la trasmissione alle Regioni e alle Province autonome di Trento e Bolzano dei dati relativi alla dichiarazione Irap 2021.

torna all'inizio del contenuto