Normativa e prassi

16 Marzo 2021

Sostegno per pesca e acquacoltura, contributi esclusi da tassazione

Con la risposta n. 180 del 16 marzo 2021, l’Agenzia delle entrate chiarisce che i contributi in favore delle imprese di pesca e del settore acquacoltura per l’emergenza Covid-19, in fase di erogazione non sono da assoggettare a ritenuta alla fonte a titolo di acconto Ires (articolo 28 del Dpr n. 600/1973) e, di conseguenza, non sono imponibili nei confronti dei percettori. Tale previsione è contenuta nell’articolo 10-bis del decreto “Ristori”.

Il dubbio sorge a un ministero, che chiede lumi in merito al regime fiscale da applicare ai contributi erogati, per l’emergenza epidemiologica, alle imprese di pesca. Per tali misure di sostegno, precisa l’istante, contrariamente a quanto disposto per analoghe fattispecie, non è stata prevista una specifica disposizione di esenzione ai fini delle imposte sui redditi.

Con decreto del Ministro delle politiche agricole, alimentari e forestali del 17 luglio 2020, emanato ai sensi dell’articolo 78, comma 2 del “Cura Italia” sono state definite le modalità di calcolo dei contributi stanziati a favore delle imprese di pesca e del settore acquacoltura per l’emergenza Covid-19.
La norma in questione ha previsto che “Per far fronte ai danni diretti e indiretti subiti dalle imprese della pesca e dell’acquacoltura a causa dell’emergenza da Covid-19, nello stato di previsione del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali è istituito un fondo con una dotazione di 20 milioni di euro per l’anno 2020 per la sospensione dell’attività economica delle imprese del settore della pesca e dell’acquacoltura”.
In particolare, il Fondo è destinato per la copertura totale degli interessi passivi su finanziamenti bancari destinati al capitale circolante e alla ristrutturazione dei debiti, per la copertura dei costi sostenuti per interessi maturati negli ultimi due anni su mutui contratti dalle imprese agricole, della pesca e dell’acquacoltura e per l’arresto temporaneo dell’attività di pesca.

Riguardo al regime fiscale del beneficio economico in esame, l’Agenzia richiama il comma 1 dell’articolo 10-bis del decreto “Ristori”, che cita che “I contributi e le indennità di qualsiasi natura erogati in via eccezionale a seguito dell’emergenza epidemiologica da Covid-19 e diversi da quelli esistenti prima della medesima emergenza, da chiunque erogati e indipendentemente dalle modalità di fruizione e contabilizzazione, spettanti ai soggetti esercenti impresa, arte o professione, nonché ai lavoratori autonomi, non concorrono alla formazione del reddito imponibile ai fini delle imposte sui redditi e del valore della produzione ai fini dell’imposta regionale sulle attività produttive (IRAP) e non rilevano ai fini del rapporto di cui agli articoli 61 e 109, comma 5, del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917”.

Il legislatore, pertanto, con tale disposizione, ha voluto riconoscere a tutti i contributi erogati per l’emergenza epidemiologica Covid-19, spettanti agli esercenti attività di impresa, arte o professione, nonché ai lavoratori autonomi, il regime esentativo previsto espressamente per alcune tipologie di aiuti economici (articoli 27 del decreto “Cura Italia” e 25 del decreto “Rilancio”).

Condividi su:
Sostegno per pesca e acquacoltura, contributi esclusi da tassazione

Ultimi articoli

Attualità 20 Ottobre 2021

Tax credit servizi digitali 2021, le domande da oggi, 20 ottobre

Al via da oggi, 20 ottobre, e fino alla mezzanotte del 20 novembre 2021 le domande al dipartimento per l’Informazione e l’Editoria per accedere al credito d’imposta riconosciuto alle imprese editrici di quotidiani e periodici per l’acquisizione di servizi digitali.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

Il contratto non lascia dubbi è una permuta di beni pubblici

Il contratto di trasferimento di un immobile dal Demanio, che agisce per conto dello Stato, a un ente territoriale, in attuazione di un accordo di programma quadro, se contiene l’elenco dei beni immobili reciprocamente trasferiti con il relativo valore e presenta gli elementi tipici dell’operazione, può essere considerato una permuta di beni pubblici e beneficiare dei relativi regimi di favore previsti per le imposte di registro, ipo-catastali e bollo.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

I registratori di cassa telematici non sono “iperammortizzabili”

L’interconnessione dei registratori di cassa telematici con il sistema informativo aziendale non comporta, di per sé, l’automatico riconoscimento dell’agevolazione prevista dalla legge di bilancio 2017 (articolo 1, comma 9) e più volte prorogata (articolo 1, comma 30, Bilancio 2018 e articolo 1, comma 60, Bilancio 2019), meglio conosciuta come “iperammortamento”.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

Bonus “Restauro” edifici storici, le istanze partono a febbraio 2022

È pari al 50% delle spese sostenute nel 2021 e 2022 il credito d’imposta previsto per la manutenzione, la protezione o il restauro degli immobili di interesse storico e artistico.

torna all'inizio del contenuto