Attualità

16 Marzo 2021

Pronunce tributarie di merito, pubblicato il Massimario nazionale

È disponibile, sia in formato cartaceo che digitale, il primo Massimario nazionale della giurisprudenza tributaria di merito, che contiene una selezione delle massime relative alle più significative sentenze delle commissioni tributarie emesse sull’intero territorio nazionale. La raccolta fa seguito a quella pubblicata nel 2019, riguardante però le pronunce tributarie di legittimità (vedi articolo “Pronunce tributarie in Rete: dalla Cassazione alla collettività”).

L’opera, che nasce dalla considerazione della rilevanza assunta nel tempo dalla giustizia tributaria di merito, rappresenta il traguardo di un progetto ambizioso, finalizzato, attraverso la diffusione degli orientamenti delle Commissioni provinciali e regionali, a guidare cittadini e professionisti nella scelta di avviare o meno un contenzioso, tramite la valutazione dell’evoluzione, sostanziale e procedimentale, delle tematiche più rilevanti trattate dalla giurisprudenza tributaria di merito.

Ausilio indispensabile per i professionisti, la pubblicazione propone un indice analitico per una più facile individuazione degli argomenti presenti nelle diverse sezioni tematiche, in tutto sette (“Irpef: redditi fondiari, di capitale, di lavoro e diversi”, “Reddito d’impresa ed Irap”, “Iva e tributi doganali”, “Altre imposte indirette”, “Tributi locali e contenziosi catastali”, “Accertamento e riscossione”, “Il processo”), in cui sono riportate le singole massime dalle quali l’utente potrà risalire al testo delle relative sentenze, tutte pubblicate per esteso sul sito del Cerdef (Centro di ricerca documentazione economica e finanziaria).

Alla realizzazione dell’opera hanno partecipato il Consiglio di presidenza della Giustizia tributaria, il ministero dell’Economia e delle Finanze, l’Agenzia delle entrate, il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili e quello forense.

Condividi su:
Pronunce tributarie di merito, pubblicato il Massimario nazionale

Ultimi articoli

Normativa e prassi 29 Luglio 2021

Wallet utilizzabile ad ampio raggio, per l’Iva è un voucher multiuso

Le cessioni e le prestazioni di servizi pagate con un borsellino elettronico che consente di effettuare trasferimenti soggetti ad aliquote Iva differenti sono considerate realizzate quando avviene l’operazione e non all’emissione del buono, e devono essere documentate in quel momento con fattura o tramite memorizzazione elettronica e invio telematico dei corrispettivi giornalieri.

Normativa e prassi 29 Luglio 2021

Integratori alimentari liquidi: Iva al 10% se destinati alla salute

Le cessioni di integratori alimentari che si presentano in forma liquida e sono utilizzati per mantenere l’organismo in buona salute possono fruire dell’Iva ridotta, nella misura del 10%, non essendo i beni riconducibili alla categoria degli “sciroppi di qualsiasi natura” che è esclusa dall’applicazione dell’aliquota agevolata.

Normativa e prassi 29 Luglio 2021

Non paga Ires e Irap il contributo anti-Covid erogato dalla Regione

Il sostegno economico erogato dalla Regione in forma di sovvenzione del prestito ricevuto in banca per far fronte all’emergenza sanitaria e per non chiudere l’attività è assimilabile ai contributi a fondo perduto erogati con gli stessi scopi dallo Stato nel periodo della pandemia e, di conseguenza, non è rilevante ai fini dell’imponibile Ires e Irap.

Normativa e prassi 29 Luglio 2021

Crediti d’imposta “trasferiti”: le specifiche per richieste ed esiti

Approvate, con provvedimento del direttore dell’Agenzia del 29 luglio 2021, le specifiche tecniche per la trasmissione telematica massiva, alle Entrate, delle richieste di accettazione o rifiuto delle cessioni dei crediti presenti nella “Piattaforma cessione crediti”, accessibile dall’area riservata del sito dell’Agenzia, e per la comunicazione telematica, ai cessionari, degli esiti delle stesse richieste.

torna all'inizio del contenuto