Normativa e prassi

16 Marzo 2021

“Miglia” tassate e non utilizzate. La sostitutiva in più va a rimborso

L’imposta sostitutiva versata in eccesso sulle “Miglia” accreditate ai passeggeri fedeli, non sfruttate a causa della pandemia e, pertanto, restituite agli stessi passeggeri come punti/premio, non può essere recuperata facendo ricorso alle modalità procedurali previste dalla disciplina Iva, bensì mediante richiesta di rimborso, che la società dovrà presentare all’ufficio delle Entrate competente, accompagnata dalla documentazione probatoria idonea a dimostrare l’ammontare della maggiore imposta pagata.

A differenza di quanto proposto dalla società istante, con la risposta n. 182 del 16 marzo 2021, l’Agenzia osserva che la norma alla base dell’imposta sostitutiva non prevede una modalità di recupero di quanto versato in eccesso. Si tratta dell’articolo 19 della legge n. 449/1997, il quale dispone, al comma 8, che “per le modalità di prelievo fiscale relativo a premi consistenti in beni e servizi non imponibili ai fini dell’imposta sul valore aggiunto, si applica una imposta sostitutiva del 20 per cento con esclusione dei biglietti delle lotterie nazionali e delle giocate del lotto”.

La società, partecipata al 100% da una compagnia aerea, che si occupa del programma di fidelizzazione dei clienti attraverso l’assegnazione di premi consistenti in biglietti aerei, ai quali applica la sostitutiva prevista dal richiamato articolo 19, auspica l’applicazione delle stesse regole valevoli per l’Iva, in quanto ha liquidato la sostitutiva conformemente ai chiarimenti forniti con la risoluzione n. 261/2009, ossia tramite modello F24, entro il sedicesimo giorno del mese successivo al pagamento del corrispettivo, o se precedente, alla data di emissione della fattura.

Come anticipato, l’amministrazione afferma che, in particolare, la preclusione all’utilizzo in via analogica della disciplina Iva, all’ipotesi di sostanziale determinazione del dovuto, deriva dalla circostanza che l’imposta sostitutiva in argomento non funziona con un sistema di rivalsa e detrazione come l’Iva. Diversamente, per risolvere la questione del versamento, l’applicazione analogica è possibile poiché riguarda esclusivamente l’individuazione di una data entro cui eseguire un adempimento già fissato dalla norma di riferimento; in tal senso è possibile valorizzare l’alternatività tra  l’Iva e l’imposta sostitutiva.
 
Ecco perché, nel caso in esame, la società potrà recuperare l’imposta versata in eccesso rispetto all’importo effettivamente dovuto mediante richiesta di rimborso (articolo 21, comma 2, del Dlgs n. 546/1992), da presentare all’ufficio competente.

Condividi su:
“Miglia” tassate e non utilizzate. La sostitutiva in più va a rimborso

Ultimi articoli

Normativa e prassi 16 Agosto 2022

Soggetta a Iva l’attività in Italia anche con iscrizione all’Aire

La costituzione nel territorio italiano del domicilio fiscale, pur in presenza della residenza in un Paese terzo, come il Regno Unito, non impedisce di considerare la cittadina italiana, chiaramente intenzionata ad avviare la sua unica attività professionale, quale soggetto passivo Iva alla stregua di un qualsiasi altro residente.

Normativa e prassi 16 Agosto 2022

Cambi delle valute estere: online le medie di luglio 2022

È in Rete, sul sito dell’Agenzia delle entrate, il provvedimento del 16 agosto del direttore dell’Agenzia, con il quale sono accertate le medie dei cambi delle valute estere per il mese di luglio 2022, calcolati a titolo indicativo dalla Banca d’Italia sulla base di quotazioni di mercato.

Analisi e commenti 16 Agosto 2022

Il rilascio del falso “visto leggero” è sanzionabile penalmente

Al fine di contrastare i fenomeni “patologici” collegati alle compensazioni di crediti inesistenti e alle indebite cessioni di credito d’imposta non spettanti, e al fine di garantire ai contribuenti il corretto adempimento degli obblighi tributari e, conseguentemente, agevolare l’amministrazione finanziaria nei successivi controlli, il legislatore tributario, con il decreto legislativo n.

Normativa e prassi 12 Agosto 2022

Rilascio obbligatorio delle frequenze, l’indennizzo è contributo in c/capitale

Con la risposta n. 427 del 12 agosto 2022, l’Agenzia chiarisce che il contributo percepito nell’anno corrente dalla società e previsto ex lege per la rottamazione obbligatoria delle frequenze inerenti al servizio televisivo digitale terrestre va qualificato come sopravvenienza attiva e, essendo ricompreso nell’articolo 88, comma 3, lettera b) del Tuir, concorre alla determinazione del reddito nell’esercizio in cui è stato incassato e nei successivi, ma non oltre il quarto.

torna all'inizio del contenuto