Analisi e commenti

11 Gennaio 2021

Legge di bilancio 2021 e Fisco – 6 Corrispettivi: errori un po’ meno cari

Scende al 90% il “costo” della mancata o non tempestiva memorizzazione o trasmissione dei corrispettivi ovvero della memorizzazione o trasmissione con dati incompleti o non veritieri. Disciplinati anche i casi di violazioni riguardanti i registratori telematici: mancato o irregolare funzionamento, mancata tempestiva richiesta di manutenzione, omessa installazione, manomissione. Le nuove disposizioni si applicano a decorrere dal 1° gennaio 2021. Slitta invece al 1° luglio la semplificazione prevista per coloro che utilizzano sistemi evoluti di incasso.
È questo, in estrema sintesi, il contenuto delle disposizioni dettate dalla legge di bilancio 2021 in tema di memorizzazione e trasmissione telematica dei corrispettivi (articolo 1, commi 1109-1115, legge n. 178/2020). A tal fine, il legislatore è intervenuto sulla norma che regolava il previgente regime sanzionatorio (articolo 2, comma 6, Dlgs n. 127/2015) e su quelle dalla stessa richiamate, contenute nel Dlgs 471/1997 di riforma delle sanzioni tributarie.
 
L’adempimento
I commercianti al minuto e assimilati (articolo 22, Dpr n. 633/1972) sono obbligati a memorizzare elettronicamente e a trasmettere telematicamente all’Agenzia delle entrate i dati relativi ai corrispettivi giornalieri. La trasmissione può avvenire al massimo entro dodici giorni dall’effettuazione dell’operazione, mentre la memorizzazione deve essere giornaliera.
Nel primo semestre di vigenza dell’obbligo di memorizzazione e trasmissione, decorrente dal 1° luglio 2019 per i soggetti con volume di affari superiore a 400mila euro e fino al 1° gennaio 2021 per gli altri soggetti, non si applicano sanzioni se la trasmissione avviene entro il mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione, restando comunque fermi i termini di liquidazione dell’Iva (articolo 2, Dlgs n. 127/2015).
 
Sanzioni ad hoc
Per le violazioni inerenti alla memorizzazione e trasmissione telematica dei corrispettivi, abrogato il rinvio al regime sanzionatorio dettato per quelle in materia di scontrini e ricevute fiscali (in virtù del quale si rendeva applicabile la sanzione pari al 100% dell’imposta corrispondente all’importo non documentato prevista nel caso di mancata emissione di ricevute, scontrini o documenti di trasporto ovvero di emissione di tali documenti per importi inferiori a quelli reali e nelle ipotesi di omessa annotazione sul registro dei corrispettivi o di irregolare funzionamento dei misuratori fiscali), è stata introdotta una disciplina specifica.
 
In tutte le ipotesi di mancata o non tempestiva memorizzazione o trasmissione dei dati, ovvero di memorizzazione o trasmissione con dati incompleti o non veritieri, è ora prevista una sanzione pari al 90% dell’imposta corrispondente all’importo non memorizzato o trasmesso (la nuova misura riguarda anche le violazioni commesse dagli operatori che ancora emettono ricevute, scontrini o documenti di trasporto). Nella relazione illustrativa del Ddl di bilancio si legge che, a fronte di violazioni inerenti i due diversi momenti (memorizzazione e trasmissione), si applica un’unica sanzione, in quanto l’adempimento è da considerare unitario (articolo 2, comma 1, Dlgs n. 127/2015). Pertanto, ad esempio, scatta una sola sanzione per l’infedele memorizzazione di un corrispettivo seguita da trasmissione tardiva od omessa.
A queste violazioni si applica anche la sanzione accessoria della sospensione della licenza o dell’autorizzazione all’esercizio dell’attività ovvero dell’esercizio dell’attività medesima (da tre giorni a un mese oppure, se l’importo complessivo dei corrispettivi contestati supera i 50mila euro, da uno a sei mesi), già prevista in materia di scontrini e ricevute fiscali in caso di quattro distinte violazioni in giorni diversi all’interno di un quinquennio.
 
La stessa sanzione del 90% si applica anche in caso di mancato o irregolare funzionamento dei registratori telematici, ossia gli strumenti deputati alla memorizzazione elettronica e alla trasmissione telematica dei corrispettivi.
Invece, qualora non vi siano omesse annotazioni, la mancata tempestiva richiesta di intervento per la manutenzione o l’omessa verifica periodica dei registratori è punita con una sanzione da 250 a 2mila euro.
 
Inoltre, per l’omessa installazione del registratore telematico, si applica la stessa sanzione, da 1.000 a 4mila euro, vigente per l’omessa installazione degli apparecchi per l’emissione degli scontrini. Mentre nei confronti di chi manomette o altera i registratori oppure li utilizza manomessi o alterati o consente ad altri di usarli per eludere le norme in materia di memorizzazione e trasmissione telematica dei corrispettivi è prevista la sanzione da 3mila a 12mila euro, salvo che il fatto costituisca reato.
Per l’omessa installazione dei registratori telematici e per la loro manomissione o alterazione si applica anche la sanzione accessoria della sospensione della licenza o dell’autorizzazione all’esercizio dell’attività nei locali a essa destinati (da 15 giorni a due mesi e, in caso di recidiva, da due a sei mesi), già prevista in caso di omessa installazione degli apparecchi per l’emissione degli scontrini.
 
Nel caso, invece, l’omessa o tardiva trasmissione dei corrispettivi ovvero la trasmissione con dati incompleti o non veritieri non abbia inciso sulla corretta liquidazione del tributo (concretizzandosi, quindi, in una violazione formale), si applica una sanzione amministrativa meno onerosa, pari a 100 euro per ciascuna trasmissione, senza tener conto dell’articolo 12, Dlgs n. 472/1997 (“Concorso di violazioni e continuazione”).
 
Altre disposizioni

  • Viene precisato che la memorizzazione elettronica e, a richiesta del cliente, la consegna dei documenti attestanti l’operazione (documento commerciale, fattura) vanno effettuate non oltre il momento dell’ultimazione dell’operazione medesima
  • È differita dal 1° gennaio al 1° luglio 2021 l’operatività della disposizione (articolo 2, comma 5-bis, Dlgs n. 127/2015), secondo cui i commercianti al minuto che incassano i corrispettivi attraverso sistemi evoluti in grado di garantire la memorizzazione, l’inalterabilità e la sicurezza dei dati (carte di debito, di credito e altre forme di pagamento elettronico), possono assolvere all’obbligo di memorizzazione elettronica e di trasmissione telematica dei dati giornalieri tramite quei medesimi strumenti
  • Per i casi di omessa memorizzazione dei corrispettivi o di memorizzazione con dati incompleti o non veritieri, non è possibile avvalersi dell’istituto del ravvedimento operoso in caso di violazione già constatata, così come è previsto in tema di scontrini fiscali (articolo 13, comma 1, lettera b-quater), Dlgs n. 472/1997).

continua
La prima puntata è stata pubblicata giovedì 31 dicembre 2020
La seconda puntata è stata pubblicata lunedì 4 gennaio 2021
La terza puntata è stata pubblicata martedì 5 gennaio 2021
La quarta puntata è stata pubblicata giovedì 7 gennaio 2021
La quinta puntata è stata pubblicata venerdì 8 gennaio 2021

Condividi su:
Legge di bilancio 2021 e Fisco – 6 Corrispettivi: errori un po’ meno cari

Ultimi articoli

Normativa e prassi 15 Gennaio 2021

Modelli 730, Cu, Iva e 770: online i definitivi per il 2021

Superato il collaudo iniziato lo scorso 23 dicembre con la pubblicazione delle bozze, sono approvate, con quattro distinti provvedimenti, firmati il 15 gennaio 2021 dal direttore dell’Agenzia, le versioni definitive di 730, Certificazione unica, Iva e 770, con le relative istruzioni.

Analisi e commenti 15 Gennaio 2021

Legge di bilancio 2021 e Fisco – 10 Potenziato il credito d’imposta ReS

L’articolo 1 della legge n. 178/2020 interviene, con le lettere da a) ad h) del comma 1064, sulla disciplina del credito d’imposta per investimenti in ricerca e sviluppo, in transizione ecologica, in innovazione tecnologica 4.

Attualità 15 Gennaio 2021

Brexit, Irlanda del Nord e Ue creato un identificativo Iva ad hoc

Profili fiscali e doganali dopo Brexit: arrivano chiarimenti in un comunicato stampa di oggi, 15 gennaio 2021 del dipartimento delle Finanze.

Normativa e prassi 15 Gennaio 2021

Servitù su terreni agricoli: l’imposta di registro è al 9%

L’imposta di registro da applicare alla costituzione di servitù su terreno agricolo a favore di soggetti diversi dai coltivatori diretti e imprenditori agricoli è quella del 9% e non del 15% prevista in caso di trasferimento del bene.

torna all'inizio del contenuto