Attualità

30 Dicembre 2020

Piano nazionale transizione 4.0: bonus sganciati dalla comunicazione al Mise

Non costituisce condizione necessaria all’applicazione delle agevolazioni e all’utilizzo in compensazione dei relativi bonus collegati al “Piano nazionale transizione 4.0”, il mancato invio al Mise della comunicazione prevista dalla legge di bilancio 2020 (legge n. 160/2019). Infatti, come previsto espressamente dalla norma, l’invio della comunicazione, che è funzionale a monitorare la diffusione e l’efficacia delle misure agevolative all’acquisizione, avviene da parte delle imprese su base volontaria e in ottica collaborativa.
È quanto ribadisce l’avvertenza pubblicata ieri, 29 dicembre 2020, sul sito del ministero dello Sviluppo economico.

Il chiarimento è diretto alle imprese che usufruiscono dei crediti d’imposta per investimenti in beni strumentali indicati negli allegati A e B della legge n. 232/2016, investimenti in attività di ricerca e sviluppo, di innovazione tecnologica e di design e ideazione estetica, e per le spese di formazione 4.0.

La precisazione intende tranquillizzare i beneficiari di tali incentivi, con l’avvicinarsi del 31 dicembre 2020, ovvero della scadenza per la “prenotazione” degli investimenti in beni strumentali, e, in generale, della chiusura del periodo d’imposta agevolabile per gli altri tax credit. Sono molte, infatti, fa sapere il Mise, le richieste di chiarimento pervenute sui contenuti, la tempistica e la portata della comunicazione.

Il ministero ricorda, che come già precisato nella precedente “avvertenza” disponibile nella sezione del portale istituzionale dedicata al Piano, l’accesso ai bonus in questione non sono in alcun modo subordinati all’invio della suddetta comunicazione. Riguardo al modello da utilizzare, è in corso di predisposizione il decreto direttoriale che ne definisce il contenuto, le modalità e la data, nel corso del 2021, a partire dalla quale le imprese potranno effettuare l’invio della comunicazione.

Condividi su:
Piano nazionale transizione 4.0: bonus sganciati dalla comunicazione al Mise

Ultimi articoli

Attualità 6 Maggio 2021

Bonus pubblicità, online l’elenco per gli investimenti sulla stampa

Pubblicato, sul sito del dipartimento per l’Informazione e l’Editoria l’elenco, trasmesso dall’Agenzia delle entrate, dei soggetti che hanno “prenotato” il credito d’imposta per gli investimenti pubblicitari.

Analisi e commenti 6 Maggio 2021

La stabile organizzazione – 1 dal modello Ocse al nostro Tuir

La stabile organizzazione rappresenta il criterio di collegamento o soglia minima che consente di ripartire la potestà impositiva tra stato della fonte e della residenza.

Dati e statistiche 5 Maggio 2021

Entrate tributarie gennaio-marzo 2021. Ancora sotto l’effetto della pandemia

Nel primo trimestre del 2021 le entrate tributarie hanno registrato un recupero dello 0,8% portando 803 milioni di euro in più nelle casse dello Stato rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, per un totale di 99.

Attualità 5 Maggio 2021

Crescita digitale obiettivo prioritario. Ne ha parlato oggi il direttore Ruffini

Si è svolta stamattina, 5 maggio 2021, presso la Commissione parlamentare di vigilanza sull’Anagrafe tributaria l’audizione del direttore dell’Agenzia, Ernesto Maria Ruffini, sui progetti di digitalizzazione e innovazione tecnologica delle banche dati fiscali.

torna all'inizio del contenuto