Normativa e prassi

24 Dicembre 2020

Sottoscrizione modelli fiscali: valida la firma elettronica “Ade”

La sottoscrizione della dichiarazione da parte dell’intermediario, unicamente mediante la firma “Ade” – la firma elettronica basata sul certificato emesso dall’Agenzia delle entrate, apposta al momento di autentica del file da trasmettere – è conforme alle procedure in uso per adempiere agli obblighi in materia di firma, presentazione e conservazione dei modelli fiscali, stabiliti dall’articolo 3 del Dpr n 322/1998.
Con la risposta n. 619 del 23 dicembre 2020, l’Agenzia in sostanza ribadisce quanto già precisato in un suo precedente intervento di prassi – risposta n. 518/2019 (vedi “Dichiarazioni fiscali: precisazioni sulla procedura di conservazione”) e non solo.

Questa volta, l’intermediario istante, dopo aver descritto la procedura di sottoscrizione, trasmissione telematica, condivisione e conservazione delle dichiarazioni fiscali da lui utilizzata, ha chiesto, in particolare, chiarimenti sull’adeguatezza della modalità di autentica dei modelli (file) telematici da presentare.

Nel condividere la procedura prospettata dall’intermediario, l’amministrazione finanziaria ricorda che:
a) l’impegno, anche cumulativo, a trasmettere telematicamente all’Agenzia i dati della dichiarazione, è rilasciato al contribuente o al sostituto di imposta contestualmente alla ricezione della stessa o all’assunzione dell’incarico professionale (sottoscritto dal cliente) per la sua predisposizione
b) la sottoscrizione da parte dell’intermediario del riquadro relativo all’impegno alla presentazione telematica, presente nel frontespizio, precede l’invio telematico e, dunque, non è richiesta successivamente alla presentazione della dichiarazione
c) quindi, la dichiarazione inviata deve essere sottoscritta dal solo contribuente e/o sostituto e non anche dall’intermediario
d) gli obblighi di conservazione si differenziano a seconda dei soggetti coinvolti: contribuenti e sostituti d’imposta devono conservare l’originale sottoscritto (insieme ai documenti rilasciati dall’incaricato di predisporre/trasmettere la dichiarazione), mentre gli incaricati sono tenuti a “custodire” la copia della dichiarazione trasmessa.
Per l’ultimo punto, sono valide sia le modalità analogiche sia quelle elettroniche, fermo restando che, trattandosi di documenti fiscalmente rilevanti, la conservazione solo digitale implica il rispetto delle disposizioni contenute nel Dm 17 giugno 2014 e nel Codice dell’amministrazione digitale, il Cad.

Nel dettaglio, l’intermediario è autorizzato a sottoscrivere il file da trasmettere all’amministrazione finanziaria mediante firma elettronica “Ade”, quella basata sul certificato emesso dall’Agenzia delle entrate, apposta in sede di autentica dello stesso file. Tale sottoscrizione della dichiarazione è infatti conforme alle procedure in uso per adempiere agli obblighi disposti dall’articolo 3 del Dpr n. 322/1998.

Condividi su:
Sottoscrizione modelli fiscali: valida la firma elettronica “Ade”

Ultimi articoli

Normativa e prassi 7 Maggio 2021

Servizi più agili e priorità ai rimborsi, linee guida e indirizzi operativi 2021

Pronte le linee guida per le attività 2021: con la circolare n.

Normativa e prassi 7 Maggio 2021

Nuovo soggetto in un Gruppo Iva, profili di ingresso in itinere

Con la risoluzione n. 30 del 7 maggio 2021 l’Agenzia delle entrate fornisce precisi chiarimenti sul caso di ingresso in itinere di una società già esistente alla data di costituzione del Gruppo Iva, rispetto alla quale si sono successivamente instaurati i vincoli finanziario, economico e organizzativo previsti dal legislatore.

Normativa e prassi 7 Maggio 2021

Precompilata in dirittura d’arrivo, definite le regole per il 2021

Dal 10 maggio, accesso e visualizzazione online dei modelli 730 e Redditi 2021 precompilati, dal mercoledì successivo, il 19 maggio, la dichiarazione dei redditi potrà essere modificata, integrata e presentata telematicamente, e ancora dopo una settimana, dal 26 maggio, parte la compilazione “assistita” del quadro E del 730/2021.

Attualità 7 Maggio 2021

La rete dei mobility manager dell’Agenzia tutela l’ambiente

Pur operando in un settore a basso impatto ambientale, l’Agenzia delle entrate è costantemente impegnata sul fronte della tutela dell’ambiente, attraverso il monitoraggio e la riduzione delle emissioni, ad esempio nell’ambito della mobilità degli spostamenti casa-lavoro dei propri dipendenti.

torna all'inizio del contenuto