Normativa e prassi

24 Dicembre 2020

Sottoscrizione modelli fiscali: valida la firma elettronica “Ade”

La sottoscrizione della dichiarazione da parte dell’intermediario, unicamente mediante la firma “Ade” – la firma elettronica basata sul certificato emesso dall’Agenzia delle entrate, apposta al momento di autentica del file da trasmettere – è conforme alle procedure in uso per adempiere agli obblighi in materia di firma, presentazione e conservazione dei modelli fiscali, stabiliti dall’articolo 3 del Dpr n 322/1998.
Con la risposta n. 619 del 23 dicembre 2020, l’Agenzia in sostanza ribadisce quanto già precisato in un suo precedente intervento di prassi – risposta n. 518/2019 (vedi “Dichiarazioni fiscali: precisazioni sulla procedura di conservazione”) e non solo.

Questa volta, l’intermediario istante, dopo aver descritto la procedura di sottoscrizione, trasmissione telematica, condivisione e conservazione delle dichiarazioni fiscali da lui utilizzata, ha chiesto, in particolare, chiarimenti sull’adeguatezza della modalità di autentica dei modelli (file) telematici da presentare.

Nel condividere la procedura prospettata dall’intermediario, l’amministrazione finanziaria ricorda che:
a) l’impegno, anche cumulativo, a trasmettere telematicamente all’Agenzia i dati della dichiarazione, è rilasciato al contribuente o al sostituto di imposta contestualmente alla ricezione della stessa o all’assunzione dell’incarico professionale (sottoscritto dal cliente) per la sua predisposizione
b) la sottoscrizione da parte dell’intermediario del riquadro relativo all’impegno alla presentazione telematica, presente nel frontespizio, precede l’invio telematico e, dunque, non è richiesta successivamente alla presentazione della dichiarazione
c) quindi, la dichiarazione inviata deve essere sottoscritta dal solo contribuente e/o sostituto e non anche dall’intermediario
d) gli obblighi di conservazione si differenziano a seconda dei soggetti coinvolti: contribuenti e sostituti d’imposta devono conservare l’originale sottoscritto (insieme ai documenti rilasciati dall’incaricato di predisporre/trasmettere la dichiarazione), mentre gli incaricati sono tenuti a “custodire” la copia della dichiarazione trasmessa.
Per l’ultimo punto, sono valide sia le modalità analogiche sia quelle elettroniche, fermo restando che, trattandosi di documenti fiscalmente rilevanti, la conservazione solo digitale implica il rispetto delle disposizioni contenute nel Dm 17 giugno 2014 e nel Codice dell’amministrazione digitale, il Cad.

Nel dettaglio, l’intermediario è autorizzato a sottoscrivere il file da trasmettere all’amministrazione finanziaria mediante firma elettronica “Ade”, quella basata sul certificato emesso dall’Agenzia delle entrate, apposta in sede di autentica dello stesso file. Tale sottoscrizione della dichiarazione è infatti conforme alle procedure in uso per adempiere agli obblighi disposti dall’articolo 3 del Dpr n. 322/1998.

Condividi su:
Sottoscrizione modelli fiscali: valida la firma elettronica “Ade”

Ultimi articoli

Attualità 19 Gennaio 2021

Superbonus 110%: sul sito della Pcm il portale ad hoc con le informazioni

Approda sul sito della Presidenza del consiglio dei Ministri il portale dedicato al Superbonus 110% dove i cittadini interessati possono trovare tutte le notizie sui requisiti per l’accesso alla maxi-detrazione e una specifica sezione con risposte alle domande frequenti (faq) a cura dell’Agenzia delle entrate ed Enea.

Normativa e prassi 19 Gennaio 2021

Piani di risparmio a lungo termine, al via la consultazione pubblica

Disponibile sul sito dell’Agenzia delle entrate lo schema di circolare sui piani individuali di risparmio a lungo termine (Pir), che ripercorre le peculiarità dello strumento finanziario, a partire dalla sua costituzione e disciplina fiscale, fino alle novità apportate dal Dl n.

Normativa e prassi 19 Gennaio 2021

Acquisti in tema di fusione nucleare, per l’esenzione Iva serve il certificato

Per usufruire della non imponibilità Iva prevista per gli acquisti di beni e servizi inerenti l’attività di ricerca nel campo della fusione nucleare effettuati presso un’organizzazione internazionale avente sede in Francia, l’istante, rappresentante della società acquirente, dovrà necessariamente munirsi del certificato di esenzione Iva, secondo quanto previsto dal Regolamento comunitario n.

Analisi e commenti 19 Gennaio 2021

Legge di bilancio 2021 e Fisco – 12 Fisco più leggero per gli Enc

Tassazione dimezzata per gli enti non commerciali. Dal 1° gennaio 2021 sono esclusi dalla formazione del reddito imponibile ai fini Ires, il 50% degli utili percepiti dagli Enc residenti (articolo 73, comma 1, lettera c, del Tuir) o da una stabile organizzazione di enti non residenti (articolo 73, comma 1, lettera d, del Tuir), che esercitano, in Italia, senza scopo di lucro, in via esclusiva o principale, una o più attività di interesse generale con finalità civiche, solidaristiche e di utilità sociale svolte in specifici settori.

torna all'inizio del contenuto