Attualità

23 Dicembre 2020

Aggiornamento variazioni colturali: disponibile l’elenco dei comuni

Puntuale come ogni anno è stato pubblicato in Gazzetta, con la serie generale n. 317 del 22 dicembre 2020, il comunicato dell’Agenzia delle entrate con la lista dei comuni per i quali sono state completate le operazioni di aggiornamento della banca dati del catasto, sulla  base  del  contenuto delle dichiarazioni rese dagli interessati, nel 2020, agli organismi pagatori, riconosciuti  ai fini dell’erogazione dei contributi agricoli, e  messe  a  disposizione dall’Agenzia per le erogazioni in agricoltura (Agea). L’oggetto delle variazioni sono le particelle censuarie relative ai terreni agricoli che hanno subito cambiamenti del tipo di coltura, che determinano la modifica del reddito dominicale, nel corso del 2020. Nell’elenco i comuni interessati sono riportati in ordine alfabetico, per provincia. 

I soggetti che nel corso dell’anno effettuano variazioni della coltura praticata sulle particelle di terreno agricolo, rispetto a quella censita nella banca dati del Catasto terreni, hanno l’obbligo di dichiarare queste variazioni al competente ufficio provinciale-Territorio dell’Agenzia delle entrate, utilizzando l’apposito Software DOCTE 2.0 oppure presentando in ufficio la dichiarazione cartacea compilata sul modello Dichiarazione variazione coltura disponibile sul sito dell’Agenzia.
L’obbligo della comunicazione agli uffici dell’Agenzia, previsto dall’articolo 30 del Tuir, viene meno solo nel caso in cui la variazione colturale sia correttamente dichiarata a uno degli Organismi pagatori riconosciuti ai fini dell’erogazione dei contributi agricoli prevista dalla Pac, la Politica agricola comunitaria.

Sulla base di queste dichiarazioni, che contengono le informazioni censuarie necessarie, infatti, l’Agea comunica annualmente all’Agenzia delle entrate l’aggiornamento della banca dati del catasto terreni.
L’elenco delle particelle oggetto delle variazioni è consultabile, per 60 giorni dalla data di pubblicazione del presente comunicato, presso le competenti Direzioni provinciali e gli uffici provinciali-Territorio dell’Agenzia delle entrate, nei comuni interessati o per mezzo del servizio di consultazione online del sito delle Entrate.

In caso di incongruenze tra la qualità colturale dichiarata dal titolare a un Organismo pagatore e quella presente nella banca dati del catasto terreni, gli utenti interessati possono presentare ricorso alla Commissione tributaria provinciale competente per territorio. Il ricorso va presentato entro 120 giorni dalla pubblicazione in Gazzetta del comunicato che rende noto l’aggiornamento relativo alle variazioni colturali.

Il riesame dell’atto di accertamento della variazione colturale può essere richiesto anche con un’istanza di autotutela, utilizzando l’apposito modulo pubblicato sul sito dell’Agenzia. L’istanza di autotutela, ricordiamo, non interrompe o sospende il termine per la proposizione di un eventuale ricorso alla giurisdizione tributaria.
 

Condividi su:
Aggiornamento variazioni colturali: disponibile l’elenco dei comuni

Ultimi articoli

Normativa e prassi 16 Aprile 2021

Vendite a distanza Ue con doppia Iva, le regole per ottenere il rimborso

Una ditta che effettua vendite online di videogiochi, alla quale viene notificato dal Paese estero di destinazione dei beni un avviso di versamento Iva, in quanto ha superato la soglia di 100mila euro, potrà chiedere il rimborso per gli anni accertati, cioè 2015 e 2016, presentando istanza entro due anni dal ricevimento dell’avviso.

Normativa e prassi 16 Aprile 2021

“Affitti”: il fatturato dell’acquirente nella cessione d’azienda con riserva

Una società che nel 2019 cede un bar con riserva e nel 2020 lo riacquisisce dal gestore inadempiente, per la riduzione del fatturato che dà diritto alla fruizione del bonus locazioni dovrà computare la quota del medesimo fatturato derivante dell’azienda oggetto di trasferimento per i mesi di riferimento del credito.

Attualità 16 Aprile 2021

Record di contributi “Sostegni”: il totale erogato supera i 3 miliardi

Più di 1 milione i pagamenti eseguiti dall’Agenzia delle entrate a favore di imprese e lavoratori autonomi, per un importo complessivo che supera i 3 miliardi di euro (3.

Normativa e prassi 16 Aprile 2021

Il fine previdenziale è d’obbligo per fruire della sostitutiva al 7%

Il residente nel Regno Unito, titolare di polizze assicurative estere, che trasferisce la residenza in uno dei Comuni individuati dall’articolo 24-ter del Tuir, non può beneficiare del regime fiscale agevolato previsto dallo stesso articolo (applicazione di un’imposta sostitutiva del 7% per 10 anni): le polizze sono investimenti finanziari che non hanno una finalità previdenziale.

torna all'inizio del contenuto