Attualità

23 Dicembre 2020

Aggiornamento variazioni colturali: disponibile l’elenco dei comuni

Puntuale come ogni anno è stato pubblicato in Gazzetta, con la serie generale n. 317 del 22 dicembre 2020, il comunicato dell’Agenzia delle entrate con la lista dei comuni per i quali sono state completate le operazioni di aggiornamento della banca dati del catasto, sulla  base  del  contenuto delle dichiarazioni rese dagli interessati, nel 2020, agli organismi pagatori, riconosciuti  ai fini dell’erogazione dei contributi agricoli, e  messe  a  disposizione dall’Agenzia per le erogazioni in agricoltura (Agea). L’oggetto delle variazioni sono le particelle censuarie relative ai terreni agricoli che hanno subito cambiamenti del tipo di coltura, che determinano la modifica del reddito dominicale, nel corso del 2020. Nell’elenco i comuni interessati sono riportati in ordine alfabetico, per provincia. 

I soggetti che nel corso dell’anno effettuano variazioni della coltura praticata sulle particelle di terreno agricolo, rispetto a quella censita nella banca dati del Catasto terreni, hanno l’obbligo di dichiarare queste variazioni al competente ufficio provinciale-Territorio dell’Agenzia delle entrate, utilizzando l’apposito Software DOCTE 2.0 oppure presentando in ufficio la dichiarazione cartacea compilata sul modello Dichiarazione variazione coltura disponibile sul sito dell’Agenzia.
L’obbligo della comunicazione agli uffici dell’Agenzia, previsto dall’articolo 30 del Tuir, viene meno solo nel caso in cui la variazione colturale sia correttamente dichiarata a uno degli Organismi pagatori riconosciuti ai fini dell’erogazione dei contributi agricoli prevista dalla Pac, la Politica agricola comunitaria.

Sulla base di queste dichiarazioni, che contengono le informazioni censuarie necessarie, infatti, l’Agea comunica annualmente all’Agenzia delle entrate l’aggiornamento della banca dati del catasto terreni.
L’elenco delle particelle oggetto delle variazioni è consultabile, per 60 giorni dalla data di pubblicazione del presente comunicato, presso le competenti Direzioni provinciali e gli uffici provinciali-Territorio dell’Agenzia delle entrate, nei comuni interessati o per mezzo del servizio di consultazione online del sito delle Entrate.

In caso di incongruenze tra la qualità colturale dichiarata dal titolare a un Organismo pagatore e quella presente nella banca dati del catasto terreni, gli utenti interessati possono presentare ricorso alla Commissione tributaria provinciale competente per territorio. Il ricorso va presentato entro 120 giorni dalla pubblicazione in Gazzetta del comunicato che rende noto l’aggiornamento relativo alle variazioni colturali.

Il riesame dell’atto di accertamento della variazione colturale può essere richiesto anche con un’istanza di autotutela, utilizzando l’apposito modulo pubblicato sul sito dell’Agenzia. L’istanza di autotutela, ricordiamo, non interrompe o sospende il termine per la proposizione di un eventuale ricorso alla giurisdizione tributaria.
 

Condividi su:
Aggiornamento variazioni colturali: disponibile l’elenco dei comuni

Ultimi articoli

Normativa e prassi 16 Gennaio 2021

Imposta sui servizi digitali: pronte le regole per partire

Chiusa la fase di consultazione pubblica e raccolti i suggerimenti inviati da professionisti, associazioni di categoria e operatori, sono state definite, con il provvedimento del 15 gennaio 2021, firmato dal direttore dell’Agenzia delle entrate, Ernesto Maria Ruffini, le regole operative dell’imposta sui servizi digitali, introdotta dalla legge di bilancio 2019 (articolo 1, commi da 35 a 50, legge n.

Normativa e prassi 15 Gennaio 2021

Modelli 730, Cu, Iva e 770: online i definitivi per il 2021

Superato il collaudo iniziato lo scorso 23 dicembre con la pubblicazione delle bozze, sono approvate, con quattro distinti provvedimenti, firmati il 15 gennaio 2021 dal direttore dell’Agenzia, le versioni definitive di 730, Certificazione unica, Iva e 770, con le relative istruzioni.

Analisi e commenti 15 Gennaio 2021

Legge di bilancio 2021 e Fisco – 10 Potenziato il credito d’imposta ReS

L’articolo 1 della legge n. 178/2020 interviene, con le lettere da a) ad h) del comma 1064, sulla disciplina del credito d’imposta per investimenti in ricerca e sviluppo, in transizione ecologica, in innovazione tecnologica 4.

Attualità 15 Gennaio 2021

Brexit, Irlanda del Nord e Ue creato un identificativo Iva ad hoc

Profili fiscali e doganali dopo Brexit: arrivano chiarimenti in un comunicato stampa di oggi, 15 gennaio 2021 del dipartimento delle Finanze.

torna all'inizio del contenuto