Normativa e prassi

21 Dicembre 2020

Didattica a distanza: le donazioni sono finalizzate alla gestione della pandemia

Con la risoluzione n. 80/E del 21 dicembre 2020, l’Agenzia chiarisce che le donazioni effettuate da persone fisiche, enti non commerciali, enti religiosi civilmente riconosciuti e titolari di reddito d’impresa volte a sostenere l’acquisto di dispositivi informatici (personal computer e tablet), per permettere agli studenti di accedere alla didattica a distanza (Dad), rientrano nell’ambito degli incentivi previsti dall’articolo 66 del decreto “Cura Italia”. Tali donazioni, inoltre, possono essere effettuate tramite Comuni o Protezione civile, ma non possono essere erogate direttamente agli istituti scolastici, che non rientrano tra i soggetti previsti dalla norma agevolativa autorizzati a ricevere le erogazioni liberali.

L’articolo 66 del “Cura Italia” prevede una detrazione dall’imposta lorda ai fini dell’imposta sul reddito pari al 30% per un importo non superiore a 30mila euro, per le erogazioni liberali in denaro e in natura finalizzate a finanziare gli interventi in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19, effettuate nel 2020, da persone fisiche ed enti non commerciali, compresi gli enti religiosi civilmente riconosciuti, in favore dello Stato, delle Regioni, degli enti locali territoriali, di enti o istituzioni pubbliche, di fondazioni e associazioni legalmente riconosciute senza scopo di lucro. Il comma 2 dello stesso articolo, estende alle erogazioni liberali effettuate da titolari di reddito di impresa quanto previsto per le donazioni in denaro effettuate in favore delle popolazioni colpite da eventi di calamità pubblica o da altri eventi straordinari tramite di fondazioni, associazioni comitati ed enti (cfr. circolare n. 8/2020, risoluzioni nn. 21/2020 e 25/2020).

L’Agenzia ritiene che, nell’ambito dell’intera disciplina agevolativa contenuta nell’articolo 66 finalizzata a incentivare le erogazioni liberali volte a finanziare gli interventi per la gestione dell’emergenza epidemiologia, rientrano anche le donazioni effettuate da persone fisiche, enti non commerciali, enti religiosi civilmente riconosciuti e titolari di reddito d’impresa che abbiano ad oggetto misure di sostenimento della didattica a distanza per gli studenti che frequentano istituti scolastici di ogni ordine e grado, sia pubblici che privati. La Dad, infatti, può essere considerata una metodologia didattica attuata come conseguenza diretta della gestione epidemiologica in atto, purché i beneficiari di tali donazioni rientrino in quelli previsti dall’articolo 66 e le erogazioni rispettino tutti i requisiti di tracciabilità e di documentazione stabiliti dalla normativa e dalla prassi in materia.

L’Agenzia, inoltre, precisa che tali donazioni, in denaro o in natura, possono essere effettuate per il tramite di Comuni o della Protezione civile, ma che non possono essere erogate direttamente agli istituti scolastici, in quanto tali istituti non rientrano nel novero dei soggetti previsti dalla norma agevolativa autorizzati a ricevere le erogazioni liberali.

L’Agenzia, ricorda che per le erogazioni effettuate dalle persone fisiche a favore degli istituti scolastici è prevista una detrazione del 19% della donazione stessa senza limiti di importo (articolo 15, comma 1, lett. i–octies), del Tuir) e per i titolari di reddito di impresa, invece, è prevista la deducibilità delle donazioni liberali finalizzate all’innovazione tecnologica, all’edilizia scolastica e all’ampliamento dell’offerta formativa, nel limite del 2% del reddito d’impresa dichiarato e comunque nella misura massima di 70mila euro annui (articolo 100, comma 2, lettera o-bis) del Tuir).
Resta ferma la non cumulabilità delle agevolazioni relativamente alla stessa spesa, nel rispetto dei principi generali di alternatività di fruizione delle agevolazioni.

Condividi su:
Didattica a distanza: le donazioni sono finalizzate alla gestione della pandemia

Ultimi articoli

Normativa e prassi 15 Gennaio 2021

Modelli 730, Cu, Iva e 770: online i definitivi per il 2021

Superato il collaudo iniziato lo scorso 23 dicembre con la pubblicazione delle bozze, sono approvate, con quattro distinti provvedimenti, firmati il 15 gennaio 2021 dal direttore dell’Agenzia, le versioni definitive di 730, Certificazione unica, Iva e 770, con le relative istruzioni.

Analisi e commenti 15 Gennaio 2021

Legge di bilancio 2021 e Fisco – 10 Potenziato il credito d’imposta ReS

L’articolo 1 della legge n. 178/2020 interviene, con le lettere da a) ad h) del comma 1064, sulla disciplina del credito d’imposta per investimenti in ricerca e sviluppo, in transizione ecologica, in innovazione tecnologica 4.

Attualità 15 Gennaio 2021

Brexit, Irlanda del Nord e Ue creato un identificativo Iva ad hoc

Profili fiscali e doganali dopo Brexit: arrivano chiarimenti in un comunicato stampa di oggi, 15 gennaio 2021 del dipartimento delle Finanze.

Normativa e prassi 15 Gennaio 2021

Servitù su terreni agricoli: l’imposta di registro è al 9%

L’imposta di registro da applicare alla costituzione di servitù su terreno agricolo a favore di soggetti diversi dai coltivatori diretti e imprenditori agricoli è quella del 9% e non del 15% prevista in caso di trasferimento del bene.

torna all'inizio del contenuto