Attualità

10 Dicembre 2020

Ristori e contributi a fondo perduto: il bilancio supera 9 miliardi di euro

Al 7 dicembre 2020, in totale, i contributi a fondo perduto e i ristori erogati dall’Agenzia delle entrate ammontano a più di 9 miliardi di euro, mentre la platea dei beneficiari è rappresentata da 2,4 milioni di partite Iva.
Nel calcolo rientrano i pagamenti di tutti i contributi automatici previsti dai 4 decreti “Ristori”, che sono stati completati per un importo complessivo che supera i 2,3 miliardi di euro, nei confronti di 613 mila contribuenti. A questi bonifici si aggiungono i 6,6 miliardi di euro, ossia gli accrediti che l’Agenzia delle entrate ha erogato in relazione al decreto “Rilancio”. Si conteggiano anche i primi 28mila contributi a fondo perduto partiti per gli esercizi aperti al pubblico nei centri storici delle città italiane più turistiche che hanno presentato istanza sulla piattaforma informatica presente sul sito dell’Agenzia.

Operazioni di accredito degli indennizzi: test della rapidità superato
Gli accrediti sono stati effettuati da un minimo di 4 giorni ad un massimo di 15 rispetto alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale dei relativi decreti.
Nello specifico, riguardo gli indennizzi del decreto “Rilancio”, dalla presentazione della domanda all’erogazione del contributo, l’Agenzia ha impiegato un paio di settimane, mentre i pagamenti automatici del primo decreto “Ristori”, sono stati conclusi dopo 9 giorni dall’entrata in vigore della norma. In pratica, 6 giorni prima rispetto alla data indicata dal Governo per chiudere i pagamenti, cioè il 15 novembre (vedi articolo “Contributo a fondo perduto da record: in nove giorni partiti oltre 211mila bonifici”). Complessivamente, ad oggi, l’Agenzia ha già erogato tutti i contributi automatici previsti dai diversi decreti “Ristori” che si sono succeduti, compreso l’ultimo, il quater, che risale al 1° dicembre. Inoltre, è stata aperta una procedura ad hoc per consentire a chi non aveva chiesto il contributo del decreto “Rilancio”, di inviare la propria richiesta per ricevere i contributi dei decreti “Ristori”.

I destinatari
Dall’ammontare complessivo, quasi 1,8 miliardi di indennizzi ha raggiunto il settore al quale sono stati destinati più fondi, quello della ristorazione (bar, ristoranti, pizzerie, eccetera). A seguire, oltre 1,3 miliardi di euro sono stati destinati al commercio al dettaglio (supermercati, discount, farmacie, edicole, eccetera), e quello all’ingrosso con 753 milioni.
E ancora, 528 milioni di contributi e ristori al settore dell’edilizia, ossia agli operatori e alle ditte che svolgono lavori di costruzione specializzati come, ad esempio, il completamento e la finitura di edifici o l’installazione di impianti elettrici o idraulici, e 460 milioni a chi svolge attività nel settore degli alloggi, tra cui alberghi, villaggi turistici, bed and breakfast e ostelli della gioventù.
 

  N° pagamenti Importo (milioni di euro)
DECRETO RILANCIO    2.393.018     6.636
     
DECRETI RISTORI (DA 1 A 4)    
Automatici nazionale       418.090     1.799
Automatici maggiorazioni arancioni e rosse         92.812        129
Automatici rosse       102.185        429
TOTALE DECRETI RISTORI AUTOMATICI       613.087     2.357
     
DECRETO AGOSTO – CENTRI STORICI         27.923          72
     
TOTALE CONTRIBUTI E RISTORI    3.034.028     9.065
Condividi su:
Ristori e contributi a fondo perduto: il bilancio supera 9 miliardi di euro

Ultimi articoli

Attualità 19 Gennaio 2021

Superbonus 110%: sul sito della Pcm il portale ad hoc con le informazioni

Approda sul sito della Presidenza del consiglio dei Ministri il portale dedicato al Superbonus 110% dove i cittadini interessati possono trovare tutte le notizie sui requisiti per l’accesso alla maxi-detrazione e una specifica sezione con risposte alle domande frequenti (faq) a cura dell’Agenzia delle entrate ed Enea.

Normativa e prassi 19 Gennaio 2021

Piani di risparmio a lungo termine, al via la consultazione pubblica

Disponibile sul sito dell’Agenzia delle entrate lo schema di circolare sui piani individuali di risparmio a lungo termine (Pir), che ripercorre le peculiarità dello strumento finanziario, a partire dalla sua costituzione e disciplina fiscale, fino alle novità apportate dal Dl n.

Normativa e prassi 19 Gennaio 2021

Acquisti in tema di fusione nucleare, per l’esenzione Iva serve il certificato

Per usufruire della non imponibilità Iva prevista per gli acquisti di beni e servizi inerenti l’attività di ricerca nel campo della fusione nucleare effettuati presso un’organizzazione internazionale avente sede in Francia, l’istante, rappresentante della società acquirente, dovrà necessariamente munirsi del certificato di esenzione Iva, secondo quanto previsto dal Regolamento comunitario n.

Analisi e commenti 19 Gennaio 2021

Legge di bilancio 2021 e Fisco – 12 Fisco più leggero per gli Enc

Tassazione dimezzata per gli enti non commerciali. Dal 1° gennaio 2021 sono esclusi dalla formazione del reddito imponibile ai fini Ires, il 50% degli utili percepiti dagli Enc residenti (articolo 73, comma 1, lettera c, del Tuir) o da una stabile organizzazione di enti non residenti (articolo 73, comma 1, lettera d, del Tuir), che esercitano, in Italia, senza scopo di lucro, in via esclusiva o principale, una o più attività di interesse generale con finalità civiche, solidaristiche e di utilità sociale svolte in specifici settori.

torna all'inizio del contenuto