Attualità

10 Dicembre 2020

Ristori e contributi a fondo perduto: il bilancio supera 9 miliardi di euro

Al 7 dicembre 2020, in totale, i contributi a fondo perduto e i ristori erogati dall’Agenzia delle entrate ammontano a più di 9 miliardi di euro, mentre la platea dei beneficiari è rappresentata da 2,4 milioni di partite Iva.
Nel calcolo rientrano i pagamenti di tutti i contributi automatici previsti dai 4 decreti “Ristori”, che sono stati completati per un importo complessivo che supera i 2,3 miliardi di euro, nei confronti di 613 mila contribuenti. A questi bonifici si aggiungono i 6,6 miliardi di euro, ossia gli accrediti che l’Agenzia delle entrate ha erogato in relazione al decreto “Rilancio”. Si conteggiano anche i primi 28mila contributi a fondo perduto partiti per gli esercizi aperti al pubblico nei centri storici delle città italiane più turistiche che hanno presentato istanza sulla piattaforma informatica presente sul sito dell’Agenzia.

Operazioni di accredito degli indennizzi: test della rapidità superato
Gli accrediti sono stati effettuati da un minimo di 4 giorni ad un massimo di 15 rispetto alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale dei relativi decreti.
Nello specifico, riguardo gli indennizzi del decreto “Rilancio”, dalla presentazione della domanda all’erogazione del contributo, l’Agenzia ha impiegato un paio di settimane, mentre i pagamenti automatici del primo decreto “Ristori”, sono stati conclusi dopo 9 giorni dall’entrata in vigore della norma. In pratica, 6 giorni prima rispetto alla data indicata dal Governo per chiudere i pagamenti, cioè il 15 novembre (vedi articolo “Contributo a fondo perduto da record: in nove giorni partiti oltre 211mila bonifici”). Complessivamente, ad oggi, l’Agenzia ha già erogato tutti i contributi automatici previsti dai diversi decreti “Ristori” che si sono succeduti, compreso l’ultimo, il quater, che risale al 1° dicembre. Inoltre, è stata aperta una procedura ad hoc per consentire a chi non aveva chiesto il contributo del decreto “Rilancio”, di inviare la propria richiesta per ricevere i contributi dei decreti “Ristori”.

I destinatari
Dall’ammontare complessivo, quasi 1,8 miliardi di indennizzi ha raggiunto il settore al quale sono stati destinati più fondi, quello della ristorazione (bar, ristoranti, pizzerie, eccetera). A seguire, oltre 1,3 miliardi di euro sono stati destinati al commercio al dettaglio (supermercati, discount, farmacie, edicole, eccetera), e quello all’ingrosso con 753 milioni.
E ancora, 528 milioni di contributi e ristori al settore dell’edilizia, ossia agli operatori e alle ditte che svolgono lavori di costruzione specializzati come, ad esempio, il completamento e la finitura di edifici o l’installazione di impianti elettrici o idraulici, e 460 milioni a chi svolge attività nel settore degli alloggi, tra cui alberghi, villaggi turistici, bed and breakfast e ostelli della gioventù.
 

  N° pagamenti Importo (milioni di euro)
DECRETO RILANCIO    2.393.018     6.636
     
DECRETI RISTORI (DA 1 A 4)    
Automatici nazionale       418.090     1.799
Automatici maggiorazioni arancioni e rosse         92.812        129
Automatici rosse       102.185        429
TOTALE DECRETI RISTORI AUTOMATICI       613.087     2.357
     
DECRETO AGOSTO – CENTRI STORICI         27.923          72
     
TOTALE CONTRIBUTI E RISTORI    3.034.028     9.065
Condividi su:
Ristori e contributi a fondo perduto: il bilancio supera 9 miliardi di euro

Ultimi articoli

Normativa e prassi 7 Maggio 2021

Servizi più agili e priorità ai rimborsi, linee guida e indirizzi operativi 2021

Pronte le linee guida per le attività 2021: con la circolare n.

Normativa e prassi 7 Maggio 2021

Nuovo soggetto in un Gruppo Iva, profili di ingresso in itinere

Con la risoluzione n. 30 del 7 maggio 2021 l’Agenzia delle entrate fornisce precisi chiarimenti sul caso di ingresso in itinere di una società già esistente alla data di costituzione del Gruppo Iva, rispetto alla quale si sono successivamente instaurati i vincoli finanziario, economico e organizzativo previsti dal legislatore.

Normativa e prassi 7 Maggio 2021

Precompilata in dirittura d’arrivo, definite le regole per il 2021

Dal 10 maggio, accesso e visualizzazione online dei modelli 730 e Redditi 2021 precompilati, dal mercoledì successivo, il 19 maggio, la dichiarazione dei redditi potrà essere modificata, integrata e presentata telematicamente, e ancora dopo una settimana, dal 26 maggio, parte la compilazione “assistita” del quadro E del 730/2021.

Attualità 7 Maggio 2021

La rete dei mobility manager dell’Agenzia tutela l’ambiente

Pur operando in un settore a basso impatto ambientale, l’Agenzia delle entrate è costantemente impegnata sul fronte della tutela dell’ambiente, attraverso il monitoraggio e la riduzione delle emissioni, ad esempio nell’ambito della mobilità degli spostamenti casa-lavoro dei propri dipendenti.

torna all'inizio del contenuto