Attualità

1 Dicembre 2020

I dati dell’Agenzia per Pa ed enti: un catalogo per conoscerli e accedere

Le informazioni custodite nel cervellone dell’Anagrafe tributaria dall’Agenzia, relative alla situazione fiscale dei contribuenti, nonché quelle reddituali, cartografiche e ipotecarie, gli atti soggetti a registrazione, messe a disposizione degli stessi, sono consultabili anche da parte di una vasta platea di amministrazioni pubbliche ed enti che svolgono attività di interesse pubblico. A questi, per agevolarne l’accesso, è dedicata la nuova guida “L’accesso ai dati dell’Agenzia delle entrate per Pubbliche amministrazioni ed enti”, online sul sito delle Entrate.
L’Agenzia ha realizzato un processo standard di messa a disposizione dei dati incentrato su tre concetti-base: la definizione di classi di servizi per tipologia di dato, le diverse modalità di accesso, la classificazione degli enti in base a categorie da gestire uniformemente. Sulla base di tale struttura è stato definito il catalogo dei servizi standard di cooperazione informatica dell’Agenzia, che espone tutti i servizi con la relativa modalità di erogazione.
 
Il manuale illustra, in maniera sintetica ma esaustiva, i servizi attraverso i quali le Pa e gli enti possono acquisire agevolmente, in sintonia con il principio “one only” (secondo il quale l’amministrazione non richiede al cittadino e all’impresa le informazioni e i dati di cui è già in possesso), quelle informazioni necessarie al raggiungimento di finalità istituzionali, ad esempio, per l’acquisizione d’ufficio e per i controlli sulle autocertificazioni o per velocizzare la concessione di benefici.
Il tutto anche per dare attuazione alle indicazioni contenute nell’articolo 264 del Dl “Rilancio”, il quale ha previsto che le pubbliche amministrazioni che detengono i dati ne assicurino la fruizione alle altre pubbliche amministrazioni attraverso accordi quadro.
 
In quest’ottica, per l’accesso ai dati, la guida propone un processo che parte dalla classificazione dei servizi per tipologia di dato (demografico, anagrafico, reddituale, catastale, eccetera. In totale 11). Per ciascuna tipologia, poi, individua gli ulteriori dettagli informativi incrementali messi a disposizione (ad esempio, i servizi reddituali, con le informazioni sulle dichiarazioni dei redditi, che possono suddividersi in “sintetici”, “analitici” ed “evoluti).
 
Continua con le modalità di fruizione dei descritti servizi: via web, tramite flussi massivi o in cooperazione applicativa (per integrazione tra sistemi informativi) e conclude con la descrizione delle procedure di accreditamento di Pa ed enti, di avvio dell’iter di convenzionamento, di gestione dell’iter di convenzionamento e di gestione della convenzione. 
 
In buona sostanza, la nuova guida rappresenta il catalogo dei servizi standard di cooperazione informatica dell’Agenzia delle entrate, nel quale sono esposti, come anticipato, tutti i servizi con la relativa modalità di erogazione.

Condividi su:
I dati dell’Agenzia per Pa ed enti: un catalogo per conoscerli e accedere

Ultimi articoli

Normativa e prassi 22 Gennaio 2021

Dati delle spese sanitarie 2020: gli operatori hanno 8 giorni in più

Più tempo per trasmettere i dati 2020 relativi alle spese sanitarie.

Normativa e prassi 22 Gennaio 2021

Rivalutazione partecipazioni e terreni: nuove regole e nuovi chiarimenti

Con la circolare n.1 del 22 gennaio 2021, firmata dal direttore Ernesto Maria Ruffini, l’Agenzia delle entrate, alla luce dell’evoluzione della normativa e delle recenti decisioni delle sezioni unite della Cassazione, fornisce ulteriori chiarimenti in tema di rideterminazione del valore di partecipazioni non negoziate in mercati regolamentati e di terreni edificabili e con destinazione agricola, fornendo un quadro sistematico della materia e sciogliendo i dubbi specifici sull’argomento.

Analisi e commenti 22 Gennaio 2021

Legge di bilancio 2021 e Fisco – 15 Bonus mobili con tetto maggiorato

La detrazione Irpef del 50% per gli acquisti di mobili e di grandi elettrodomestici nuovi, destinati all’arredo di immobili oggetto di interventi edilizi, spetta anche per quelli effettuati nel 2021, sempre che l’intervento di ristrutturazione sia iniziato in data non anteriore al 1° gennaio 2020.

Attualità 22 Gennaio 2021

Account Twitter dell’Agenzia: settimo compleanno da festeggiare

Con un pubblico di circa 50mila “affezionati”, fin dal principio si è connotato come un prezioso termometro della percezione dell’utenza e un bacino di raccolta delle segnalazioni costruttive dei cittadini.

torna all'inizio del contenuto