Attualità

7 Novembre 2020

Contributo a fondo perduto da record: in nove giorni partiti oltre 211mila bonifici

Sono trascorsi solo nove giorni dall’emanazione del decreto “Ristori” e il direttore dell’Agenzia delle entrate, Ernesto Maria Ruffini, ha già dato disposizione alle proprie strutture operative di inviare i primi mandati di pagamento per accreditare il contributo a fondo perduto agli operatori economici maggiormente colpiti dalle misure di contenimento della seconda ondata dell’epidemia Covid-19, per un importo totale di 964,8 milioni di euro a favore di 211.488 imprese.
L’erogazione dei contributi in tempi record, in soli nove giorni, è stata possibile grazie alla procedura informatica gestita dal partner tecnologico Sogei, e senza chiedere alcun adempimento ai contribuenti coinvolti che vedranno accreditarsi le somme maggiorate direttamente sul conto corrente indicato nella domanda relativa al primo contributo a fondo perduto previsto dal decreto “Rilancio”.

A livello territoriale, sono 32mila i beneficiari con sede nel territorio della Lombardia, più di 20mila nel Lazio, 17mila circa in quattro regioni: Veneto, Campania, Toscana ed Emilia Romagna. Circa 13mila in Sicilia e Puglia, oltre 5mila in Calabria e Marche.
Riguardo alla tipologia di attività, a ricevere i contributi sono anche 154mila bar, pasticcerie, gelaterie e ristoranti per un importo di oltre 726 milioni di euro e 25mila operatori dell’ospitalità per 106 milioni di euro.

Regione per regione
Guardando nel dettaglio la distribuzione dei contributi sul territorio nazionale, sono ben 32.345 i beneficiari che svolgono la loro attività in Lombardia; seguono il Lazio con 20.571 operatori economici, il Veneto con 17.947, l’Emilia-Romagna con 17.154, e la Campania con 17.055. Tra le altre regioni, si fanno notare i numeri della Toscana con 16.637 beneficiari, il Piemonte con 14.294, la Puglia con 13.064, e la Sicilia con 12.908.
 
Per tipologia di attività
Tra i settori economici, per 154mila bar, pasticcerie, gelaterie e ristoranti sono stati disposti bonifici per un importo di oltre 726 milioni di euro; circa 25mila sono i soggetti che offrono servizi di alloggio, per i quali è stato disposto il pagamento di oltre 106 milioni di euro. Sono circa 9mila i beneficiari che operano nelle attività sportive e di intrattenimento e nel trasporto. Tra le altre attività con più erogazioni spiccano quelle artistiche, 2.935, quelle di supporto alle imprese, 1.482, e quelle professionali, 1.206.

In una tabella predisposta dall’Agenzia delle entrate il dettaglio della distribuzione del contributo  a fondo perduto per regione.

Condividi su:
Contributo a fondo perduto da record: in nove giorni partiti oltre 211mila bonifici

Ultimi articoli

Normativa e prassi 11 Giugno 2021

Conferitaria e conferente, per l’Irap sono soggetti diversi

Nell’ambito di una riorganizzazione d’azienda avvenuta nel 2019, la conferitaria non può usufruire dell’agevolazione Irap prevista dal decreto “Rilancio” e determinare l’acconto “figurativo” 2020 da scomputare dal calcolo dell’imposta da versare a saldo per lo stesso anno, facendo riferimento alla dichiarazione della conferente.

Normativa e prassi 11 Giugno 2021

Sostegno per la riduzione della Tari, deve essere assoggettato a Iva

Un Comune che, a seguito della pandemia, ha applicato le riduzioni Tari per alcune categorie di utenze non domestiche, sulla base di una quantità ridotta di rifiuti prodotti, dovrà far concorrere il contributo elargito per compensare tali perdite alla base imponibile Iva, in quanto esiste il nesso di reciprocità fra lo stesso Comune e il gestore beneficiario, che giustifica l’applicazione dell’imposta.

Attualità 11 Giugno 2021

Estensione del bonus affitti, arriva una faq dedicata

Per utilizzare in compensazione il credito d’imposta spettante per i canoni di locazione degli immobili ad uso non abitativo e affitto d’azienda, introdotto dall’articolo 28 del decreto “Rilancio” per contenere gli effetti negativi collegati all’emergenza epidemiologica, anche a seguito delle successive disposizioni che ne hanno esteso il periodo di applicazione, il beneficiario deve indicare nel modello F24 il codice tributo 6920, istituito con la risoluzione n.

Analisi e commenti 11 Giugno 2021

Dl Sostegni bis – 6: farmaci innovativi, premiata l’attività di ricerca

Il Dl n. 73/2021, meglio noto come decreto Sostegni-bis, seguendo la linea già intrapresa con il precedente decreto “Sostegni”, prevede alcune misure finalizzate a incentivare l’attività di ricerca e nello sviluppo di farmaci innovativi da utilizzare nel contrasto alla  pandemia da Sars-Cov-2.

torna all'inizio del contenuto