Normativa e prassi

23 Ottobre 2020

Consolidato interrotto e patent box: cosa fare per recuperare l’eccedenza

La risposta n. 498 del 23 ottobre 2020 illustra gli adempimenti dichiarativi da porre in essere per ottenere il riconoscimento dell’eccedenza di credito spettante, in relazione al minor reddito imponibile realizzato, a seguito della stipula dell’accordo “patent box”.
A sollecitare i chiarimenti, un’azienda che, negli anni 2015-2017, partecipava, come consolidata, assieme ad altre società dalla medesima partecipate, al regime di consolidato fiscale nazionale (articolo 117 e seguenti, Tuir), venuto meno nel 2018, a seguito di un’operazione di riorganizzazione societaria: dal 1° gennaio di quell’anno, la società è fuoriuscita dal gruppo.
La stessa, esercitando una nuova opzione, ha aderito, in qualità di capogruppo, a un nuovo consolidato, già dal 2018, con le società partecipate, già aderenti al precedente consolidato. Nell’anno in corso, ha siglato con il Fisco un accordo di ruling per la definizione dei metodi e criteri di calcolo del contributo economico in caso di utilizzo diretto dei beni immateriali (patent box – articolo 1, comma 37 e seguenti, legge n. 190/2014), in relazione ai periodi d’imposta dal 2015 al 2019.

Per quanto riguarda gli ultimi due periodi d’imposta oggetto di accordo (2019 e 2018), l’Agenzia delle entrate concorda con la soluzione prospettata dalla società interpellante:

  • per il 2019, l’agevolazione può essere fruita direttamente in sede di dichiarazione nel modello Redditi Sc 2020, che andrà presentato entro il prossimo 30 novembre
  • per il 2018, è possibile presentare – entro lo stesso termine del 30 novembre 2020 – una dichiarazione integrativa a favore, sia della società (Redditi Sc 2019) sia del consolidato (modello Cnm 2019). L’eventuale credito emergente è utilizzabile subito in compensazione.

Invece, relativamente ai periodi d’imposta 2015, 2016 e 2017, per evidenziare le variazioni in diminuzione conseguenti alla stipula dell’accordo, la società può integrare le proprie dichiarazioni e la ex consolidante può presentare le dichiarazioni integrative del modello Cnm, in modo da far emergere la maggior eccedenza in capo all’ex consolidato. Tale credito, però, non è cedibile ai sensi dell’articolo 43-ter, Dpr 602/1973, mancando le condizioni richieste dalla disposizione normativa; infatti, il consolidato si è interrotto e la ex consolidante non fa più parte del gruppo.

In base a quanto previsto dall’articolo 124, comma 4, Tuir, è la ex controllante a poter disporre del maggior credito emergente dalle dichiarazioni integrative e, quindi, a poterne chiedere il rimborso o a utilizzarlo in compensazione.
A tal proposito, è il caso di ricordare che l’articolo 2, comma 8-bis, Dpr n. 322/1998, differenzia le modalità di utilizzo del credito emergente dalle dichiarazioni integrative in funzione del momento della loro presentazione:

  • se l’integrativa è presentata entro i termini della dichiarazione relativa all’anno d’imposta successivo, il credito può essere subito compensato con debiti dello stesso periodo risultanti dalla dichiarazione presentata
  • se l’integrativa è presentata oltre i termini della dichiarazione relativa all’anno d’imposta successivo, il credito può essere speso solo per pagare debiti che matureranno a partire dal periodo d’imposta successivo a quello in cui è presentata l’integrativa. Lo stesso, inoltre, deve essere indicato nella dichiarazione relativa all’anno in cui è presentata l’integrativa e concorre alla liquidazione della corrispondente imposta.

La ex consolidante, se decide di chiedere il credito a rimborso, può cederlo alla società interpellante (articolo 43-bis, Dpr n. 602/1973).
Se, invece, vuole utilizzarlo in compensazione, può trasferire alla società una somma compensativa, pari all’eccedenza trattenuta; ciò, tra l’altro, impedisce che si generino plusvalenze tassabili in capo alla ex consolidante, qualora la società, a suo tempo, abbia fornito risorse finanziarie per assolvere i debiti prodotti in misura superiore a quanto effettivamente dovuto.

Condividi su:
Consolidato interrotto e patent box: cosa fare per recuperare l’eccedenza

Ultimi articoli

Attualità 5 Marzo 2021

Il lavoro agile in Agenzia delle entrate. Focus sull’esperienza del personale

Soddisfazione per le modalità di comunicazione con colleghi e capi, per i risultati raggiunti sul lavoro, per i nuovi equilibri nel bilanciamento tra vita professionale e personale.

Normativa e prassi 5 Marzo 2021

Bonus facciate per il palazzo all’interno del chiostro pubblico

La detrazione del 90% della spesa sostenuta per il recupero o il restauro della parte esterna del palazzo può essere fruita anche nel caso in cui la facciata messa a nuovo non sia visibile dalla strada ma dal chiostro interno al complesso monumentale, il cui suolo è pubblico e quindi accessibile dai cittadini.

Normativa e prassi 5 Marzo 2021

Struttura privata accreditata al Ssn, invio delle spese “svincolato”

La società privata accreditata al Ssn, tenuta alla comunicazione dei dati sanitari all’Agenzia delle entrate per la predisposizione delle dichiarazioni precompilate, che opera sia in regime di accreditamento mediante specifiche convenzioni con le varie Asl, sia in regime di libero mercato, fino a quando tale accreditamento perdura, comunicherà al Sistema Ts tutte le prestazioni sanitarie rese a partire dal 1° gennaio 2020, senza indicazione della modalità di pagamento e indipendentemente dalla modalità di pagamento utilizzata.

Normativa e prassi 5 Marzo 2021

Iva ordinaria per il capanno non demaniale su area demaniale

Alla cessione del capanno da pesca non di proprietà dello Stato, anche se situato su un’area demaniale data in concessione, va applicata l’aliquota ordinaria del 22%, perché l’operazione realizzata si configura, per il concessionario che subentra, come trasferimento di diritto reale di godimento del bene acquistato, assimilato al diritto di superficie.

torna all'inizio del contenuto