Attualità

23 Ottobre 2020

Bonus librerie, scadenza rinviata: presentazione fino al 30 ottobre

Una settimana in più per richiedere il tax credit librerie relativo al 2019. A informare della proroga un avviso pubblicato sul sito della direzione generale Biblioteche e diritto d’autore del Mibact. Per effetto dello slittamento, le istanze potranno essere presentate non più entro oggi, 23 ottobre, ma fino al 30 ottobre, esclusivamente attraverso la procedura telematica attiva, sul portale dedicato, dallo scorso 24 settembre.
Prima di compilare la domanda è necessario registrarsi inserendo i dati relativi all’impresa (ragione sociale e codice fiscale) e al legale rappresentante (nome, cognome, codice fiscale ed e-mail). La registrazione al portale va rinnovata anche da coloro che hanno presentato istanza o effettuato l’accesso al portale nello scorso anno.
La Dg fa presente che alcuni dati riguardanti l’esercente o i punti vendita saranno confrontati con i sistemi informativi delle camere di commercio e consiglia, quindi, di tenerli costantemente aggiornati per non rischiare di perdere il beneficio.
 
Chi può chiedere il bonus
L’agevolazione, introdotta dalla legge di bilancio 2018 (articolo 1, commi da 319 a 321, legge n. 205/2017), è diretta agli esercenti che svolgono attività commerciale nel settore della vendita al dettaglio di libri, nuovi o usati, in esercizi specializzati.
I requisiti di accesso al credito d’imposta sono:

  • sede legale nello Spazio economico europeo
  • residenza fiscale in Italia o con stabile organizzazione nel territorio, riconducibile all’attività commerciale cui sono correlati i benefici
  • classificazione Ateco principale 47.61 (libri nuovi) o 47.79.1 (libri usati), come risultante dal registro delle imprese al momento di presentazione della domanda
  • avere avuto nell’esercizio finanziario precedente (2018) ricavi derivanti da cessione di libri, anche usati, pari ad almeno il 70% dei ricavi complessivamente dichiarati. 

Come calcolare il credito d’imposta
La misura del bonus riconosciuto è parametrato, per ogni singolo punto vendita, agli importi pagati, nell’anno precedente a quello della richiesta (2019), per Imu, Tasi, Tari, imposta sulla pubblicità, tassa per l’occupazione di suolo pubblico, spese per locazione al netto Iva, spese per mutuo e contributi previdenziali e assistenziali per il personale dipendente.
Per ciascun tributo è stabilito un massimale di costo, ai fini della parametrizzazione del credito di imposta teorico spettante (tabella 1, allegato al decreto attuativo 23 aprile 2018). Di seguito, nel dettaglio, i massimali previsti:
– Imu – 3mila euro)
– Tasi – 500 euro
– Tari – 1.500 euro
– imposta sulla pubblicità – 1.500 euro
– tassa per l’occupazione di suolo pubblico 1.000 euro
– spese per locazione – 8mila euro, al netto dell’Iva
– spese per mutuo – 3mila euro.
– contributi previdenziali e assistenziali per i dipendenti – 8mila euro.
 
Per quanto riguarda l’entità del contributo massimo concedibile, il legislatore ha mostrato un maggior occhio di riguardo per le piccole librerie, il bonus riconosciuto è, infatti, pari a 20mila euro per le librerie non appartenenti a gruppi editoriali, gestite direttamente dagli esercenti, e di 10mila euro per gli altri operatori.
 
Una guida online per non sbagliare
Istruzioni dettagliate per la compilazione della domanda sono consultabili nella guida disponibile sul sito della direzione generale Biblioteche e diritto d’autore, contenente i moduli esemplificativi delle istanze da presentare.
Nel caso di difficoltà, per la risoluzione rapida del problema basta inviare una e-mail ordinaria (non Pec) all’indirizzo taxcreditlibrerie@beniculturali.it.
La Dg ricorda, per evitare errori, che la richiesta di registrazione e la domanda di accesso al credito devono essere firmate dal legale rappresentante dell’impresa, mentre le dichiarazioni Rcd, Sit e Rai da un terzo certificatore (commercialista, Caf, eccetera).
 
Credito spendibile soltanto in compensazione
Il bonus può essere utilizzato esclusivamente in compensazione presentando il modello F24 attraverso i servizi telematici messi a disposizione dall’Agenzia delle entrate, pena lo scarto dell’operazione di versamento (codice tributo 6894). Il credito d’imposta assegnato deve essere indicato sia nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo di riconoscimento del credito, sia in quella relativa al periodo di imposta in cui la somma è utilizzata, evidenziando distintamente l’importo riconosciuto e maturato e quello speso.
Le modalità di fruizione del credito d’imposta, sono state definite con il provvedimento dell’Agenzia delle entrate del 12 dicembre 2018 (vedi articolo “Credito d’imposta per le librerie: messi a punto modalità e termini”).

Condividi su:
Bonus librerie, scadenza rinviata: presentazione fino al 30 ottobre

Ultimi articoli

Normativa e prassi 18 Maggio 2021

Isa “ritoccati” con decreto Mef – 1 revisione straordinaria per Covid

Con il decreto 30 aprile 2021 del ministero dell’Economia e delle Finanze, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 17 maggio 2021, sono state introdotte una serie di modifiche agli Indici sintetici di affidabilità fiscale (Isa) approvati con i decreti ministeriali 24 dicembre 2019 e 2 febbraio 2021, applicabili al periodo d’imposta 2020.

Normativa e prassi 17 Maggio 2021

Smartworking del distaccato in Francia, il reddito deve essere ricalcolato

Il sostituto d’imposta, nel caso in cui il lavoratore residente in Italia e distaccato in Francia lavori, a causa della pandemia, da remoto in Italia, è tenuto a rideterminare il reddito del lavoratore basato sulla “retribuzione convenzionale” prevista dal decreto del ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Il rientro in Italia, infatti, fa venir meno il requisito della permanenza all’estero necessario per l’applicazione della “retribuzione tabellare”.

Normativa e prassi 17 Maggio 2021

Piattaforme robotiche a Iva piena, la loro cessione non è accessoria

Iva ordinaria sulla fornitura di piattaforme robotiche per ortopedia protesica di anca e ginocchio, programmata da un Servizio sanitario regionale.

Normativa e prassi 17 Maggio 2021

Scritture in modalità elettronica, il corretto assolvimento del Bollo

Le regole per l’assolvimento dell’imposta di bollo per registri e libri contabili tenuti con sistemi informatici prevedono l’utilizzo esclusivo della modalità telematica, vale a dire il versamento tramite F24, con il codice tributo 2501 denominato “imposta di bollo su libri, registri ed altri documenti rilevanti ai fini tributari- articolo 6 del decreto 17 giugno 2014”.

torna all'inizio del contenuto