Attualità

24 Settembre 2020

Consultazione cartografia catastale: da oggi viaggia con una nuova licenza

Rilevanti novità per i servizi online di consultazione della cartografia catastale dell’Agenzia delle entrate, amministrazione titolare dei dati, che da oggi assicurano un maggiore livello di fruibilità delle informazioni grazie all’adozione di una nuova licenza d’uso dei servizi, denominata CC-BY versione 4.0. La nuova licenza consente l’utilizzo gratuito del servizio di consultazione cartografica da parte di chiunque, senza alcuna limitazione se non l’onere di citazione della fonte, anche per realizzare nuovi servizi o applicazioni a valore aggiunto.
 
I servizi online di “Consultazione cartografia catastale”
L’amministrazione catastale in attuazione della Direttiva europea 2007/2/CE INSPIRE (Infrastructure for Spatial Information in the European Community) ha realizzato l’infrastruttura per la consultazione gratuita online, in maniera dinamica, di un imponente patrimonio cartografico digitale, costituito da oltre 300 mila mappe in cui sono rappresentate oltre 85 milioni di particelle e 18 milioni di fabbricati, che viene costantemente aggiornato in modalità automatica e in tempo reale attraverso gli atti tecnici predisposti dai professionisti abilitati. Sono quotidianamente circa 1.500 gli atti geometrici di aggiornamento presentati su piattaforma telematica e movimentano circa 3.000 particelle catastali.
Nell’anno 2017, ha attivato il servizio WMS per la consultazione della cartografia catastale, basato sullo standard Web Map Service 1.3.0, fruibile utilizzando un qualunque software GIS (Geographic Information System) o specifiche applicazioni a disposizione dell’utente, che consentono di visualizzare la cartografia catastale integrata con altri dati territoriali.
Nel 2018, per consentire a tutti i cittadini la libera ricerca e la visualizzazione delle particelle presenti sulla mappa del catasto in modalità semplice,  ha pubblicato anche il Geoportale cartografico catastale . Quest’ultimo servizio di consultazione è accessibile, gratuitamente, anche attraverso l’applicazione mobile “AgenziaEntrate”, scaricabile su smartphone o tablet.
 
L’utilizzo dei dati cartografici catastali
Nella fase di avvio dei servizi di consultazione online, l’amministrazione catastale ha ritenuto opportuno adottare una specifica licenza d’uso tra quelle standard definite dall’organizzazione internazionale no profit Creative Commons, che si occupa degli aspetti legali connessi ai diritti d’autore e alla condivisione, riutilizzo e remix dei dati. In sede di prima applicazione, l’Agenzia ha adottato la licenza CC BY-NC-ND 4.0, che prevede condizioni di utilizzo particolarmente restrittive, quali, in estrema sintesi, l’obbligo di citazione della fonte (clausola BY), il divieto di commercializzazione (clausola NC), il divieto di distribuzione del materiale modificato o rielaborato (clausola ND).
A quasi tre anni dall’avvio, i servizi online di consultazione vengono utilizzati da un crescente numero di utenti; oggi sono oltre 10 mila gli utenti giornalieri – cittadini, professionisti o istituzioni pubbliche e private – che effettuano oltre 10 milioni di richieste di mappa. Le prestazioni tecnologiche sono costantemente monitorate per garantire gli idonei livelli di qualità del servizio e, per dare totale trasparenza, nella sezione “Dati e statistiche” dei servizi online l’Agenzia espone grafici quotidianamente aggiornati che rendicontano sui livelli di utilizzo dei servizi.
I report quantitativi e qualitativi restituiscono la reale testimonianza di una fruizione sempre più rilevante delle informazioni cartografiche e catastali da parte degli utenti, ciò impegna l’amministrazione ad adoperarsi sia per il miglioramento progressivo della qualità dei dati geografici sia per cogliere tutte le opportunità offerte dalle innovazioni tecnologiche, necessarie per rendere disponibili servizi sempre più evoluti.
 
La nuova licenza d’uso dei dati
Per rispondere alle crescenti necessità di utilizzo del patrimonio cartografico catastale e ampliare le possibilità di fruizione da parte degli utenti, l’Agenzia, rimanendo comunque l’amministrazione titolare dei dati, ha ritenuto opportuno adottare per i servizi di consultazione la nuova licenza d’uso CC-BY versione 4.0, con la quale sono stati rimossi tutti i vincoli della precedente licenza, mantenendo il solo obbligo della menzione di paternità adeguata.
Da oggi, quindi oltre che navigare dinamicamente le mappe catastali, è anche possibile realizzare nuovi servizi o applicazioni a valore aggiunto. Con l’adozione della nuova licenza i dati potranno essere impiegati con maggiore facilità in molteplici ambiti di applicazione, dalla fiscalità locale al governo del territorio e all’urbanistica, dalla valutazione degli immobili ai trasferimenti di diritti reali, dalla gestione delle emergenze alla tutela e valorizzazione dell’ambiente e dei beni culturali.
Un altro passo in avanti quindi affinché la cartografia catastale possa costituire un’infrastruttura innovativa al servizio del Paese, in grado di supportare i processi decisionali connessi con il patrimonio immobiliare.
 
A cura del Settore Servizi cartografici
 

Condividi su:
Consultazione cartografia catastale: da oggi viaggia con una nuova licenza

Ultimi articoli

Normativa e prassi 16 Agosto 2022

Soggetta a Iva l’attività in Italia anche con iscrizione all’Aire

La costituzione nel territorio italiano del domicilio fiscale, pur in presenza della residenza in un Paese terzo, come il Regno Unito, non impedisce di considerare la cittadina italiana, chiaramente intenzionata ad avviare la sua unica attività professionale, quale soggetto passivo Iva alla stregua di un qualsiasi altro residente.

Normativa e prassi 16 Agosto 2022

Cambi delle valute estere: online le medie di luglio 2022

È in Rete, sul sito dell’Agenzia delle entrate, il provvedimento del 16 agosto del direttore dell’Agenzia, con il quale sono accertate le medie dei cambi delle valute estere per il mese di luglio 2022, calcolati a titolo indicativo dalla Banca d’Italia sulla base di quotazioni di mercato.

Analisi e commenti 16 Agosto 2022

Il rilascio del falso “visto leggero” è sanzionabile penalmente

Al fine di contrastare i fenomeni “patologici” collegati alle compensazioni di crediti inesistenti e alle indebite cessioni di credito d’imposta non spettanti, e al fine di garantire ai contribuenti il corretto adempimento degli obblighi tributari e, conseguentemente, agevolare l’amministrazione finanziaria nei successivi controlli, il legislatore tributario, con il decreto legislativo n.

Normativa e prassi 12 Agosto 2022

Rilascio obbligatorio delle frequenze, l’indennizzo è contributo in c/capitale

Con la risposta n. 427 del 12 agosto 2022, l’Agenzia chiarisce che il contributo percepito nell’anno corrente dalla società e previsto ex lege per la rottamazione obbligatoria delle frequenze inerenti al servizio televisivo digitale terrestre va qualificato come sopravvenienza attiva e, essendo ricompreso nell’articolo 88, comma 3, lettera b) del Tuir, concorre alla determinazione del reddito nell’esercizio in cui è stato incassato e nei successivi, ma non oltre il quarto.

torna all'inizio del contenuto