Bilancio e contabilità

18 Settembre 2020

Meno contenzioso su tutti i fronti: l’istantanea del II trimestre 2020

Tra aprile e giugno 2020 le liti fiscali pendenti registrano un calo del 3,5% su base annuale e, in conseguenza dell’adozione delle misure emergenziali Covid-19, una forte diminuzione dei flussi delle controversie. Tra gli altri, rispetto agli stessi mesi dello scorso anno, i nuovi ricorsi si riducono del 41,6% e le definizioni del 61 per cento. Lo dice il rapporto sul contenzioso tributario, online sul sito del dipartimento delle Finanze.
 
In particolare, al 30 giugno scorso, l’asticella delle controversie tributarie pendenti, pari a 356.287, si è fermata a meno 3,49% rispetto allo stesso giorno del 2019, anche se, in confronto al primo trimestre del 2020, le liti sono cresciute del 3,67 per cento. In ogni caso, come detto, le controversie avviate nel secondo trimestre 2020, pari a 35.278, segnano una flessione del 41,62% rispetto all’analogo periodo del 2019. Un crollo, chiarisce il dipartimento, dovuto alla normativa di emergenza, che ha previsto la sospensione dei depositi degli atti processuali e delle notifiche degli atti tributari da parte degli enti impositori e che, naturalmente ha influito anche sulla definizione di contese già in corso. Queste sono state 22.655, meno 61,08% rispetto al medesimo periodo del 2019.
 
In numeri
I nuovi ricorsi presentati, nel secondo trimestre dell’anno in primo grado, nelle Commissioni tributarie provinciali (Ctp) sono stati 25.359, in diminuzione del 45,91%, mentre quelli definiti, pari a 15.455, hanno segnato una flessione del 63,94 per cento.
Nelle Commissioni tributarie regionali (Ctr), gli appelli pervenuti nello stesso periodo (9.919), sono diminuiti del 26,78%, i definiti (7.200), meno 53,10 per cento, rispetto allo stesso periodo 2019.   
 
Il bilancio
Tra le righe del rapporto si evince che, quasi nel 50% dei casi, i giudizi – sia di primo sia di secondo grado – sono favorevoli completamente all’ente impositore; le decisioni che invece danno ragione del tutto al contribuente si fermano al 28% in Ctp, al 32% in Ctr. “Verdetti” intermedi al 12% in primo grado, al 9% in secondo. Infine, gli altri esiti e la conciliazione rappresentano il 12% del totale in Ctp e il 9% in Ctr.

Condividi su:
Meno contenzioso su tutti i fronti: l’istantanea del II trimestre 2020

Ultimi articoli

Normativa e prassi 20 Ottobre 2020

Lenti a contatto a Iva ridottissima: conta soltanto l’effetto correttivo

Alle cessioni di lenti a contatto correttive si applica l’Iva al 4%, a prescindere dal colore delle lenti.

Bilancio e contabilità 20 Ottobre 2020

Mercato delle abitazioni verso case più grandi e indipendenti

Durante il lockdown e nei primi mesi di convivenza con il virus Covid-19 il mercato immobiliare ha subìto una battuta d’arresto e adesso cerca di riprendere fiato.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2020

Credito d’imposta canoni di affitto esteso alla sublocazione dell’Asd

Un’associazione sportiva dilettantistica iscritta al Coni potrà accedere al bonus affitti previsto dall’articolo 28 del decreto “Rilancio”, per i canoni corrisposti sulla base di un contratto di sublocazione, purché sussistano tutte le altre condizioni previste dalla norma agevolativa.

Attualità 20 Ottobre 2020

Tax credit produzione cinema 2020: stop alle richieste per la 2^ sessione

Con un proprio avviso la direzione generale Cinema e Audiovisivo del ministero per i Beni e delle attività culturali e per il Turismo informa gli interessati che la parte di sessione riguardante la linea di intervento di credito per la produzione cinematografica, la cui apertura era prevista dal 19 ottobre 2020, non apre a causa dell’esaurimento delle risorse disponibili, dovuto al notevole numero di richieste pervenute.

torna all'inizio del contenuto