Analisi e commenti

14 Settembre 2020

Il fisco nel decreto “Agosto” – 7 Sostegno a turismo e spettacolo

Niente seconda rata Imu 2020 per alberghi, stabilimenti e luoghi dello spettacolo e, a favore di cinema e teatri, esenzione dal tributo municipale per ulteriori due anni; torna il “bonus alberghi” del 65% per incentivare la riqualificazione e il miglioramento delle strutture ricettive turistico-alberghiere, incluse quelle che erogano cure termali; esteso di un mese il credito d’imposta per la locazione degli immobili ad uso non abitativo.
Sono le principali misure fiscali a favore del comparto turistico e dello spettacolo contenute nel Dl n. 104/2020.

Esenzione Imu estesa a tutto il 2020
Per sostenere economicamente gli operatori del settore turistico e dello spettacolo, l’articolo 78 del decreto “Agosto” amplia, sia sotto l’aspetto temporale sia per quanto riguarda l’ambito soggettivo, le agevolazioni in materia di imposta municipale propria già riconosciute dal decreto “Rilancio” (articolo 177, Dl n. 34/2020).
Tale ultima norma ha sancito l’esenzione dal pagamento della prima rata dell’Imu 2020 per: gli immobili adibiti a stabilimenti balneari marittimi, lacuali e fluviali, nonché quelli degli stabilimenti termali; gli immobili rientranti nella categoria catastale D/2 (alberghi e pensioni con fini di lucro), gli immobili degli agriturismi, dei villaggi turistici, degli ostelli della gioventù, dei rifugi di montagna, delle colonie marine e montane, degli affittacamere per brevi soggiorni, delle case e appartamenti per vacanze, dei bed & breakfast, dei residence e dei campeggi, a condizione che i relativi proprietari siano anche gestori delle attività ivi esercitate; gli immobili della categoria catastale D usati da imprese esercenti attività di allestimenti di strutture espositive nell’ambito di eventi fieristici o manifestazioni.

Il nuovo intervento legislativo:

  • estende l’esenzione alla seconda rata dell’Imu per il 2020, in scadenza il prossimo 16 dicembre
  • con riferimento ai fabbricati D/2, estende l’esenzione dalla seconda rata dell’Imu 2020 alle relative pertinenze
  • estende l’esenzione dalla seconda rata dell’Imu 2020 agli immobili di categoria D/3 destinati a spettacoli cinematografici, teatri e sale per concerti e spettacoli, e a quelli destinati a discoteche, sale da ballo, night-club. L’agevolazione spetta a condizione che i proprietari degli immobili siano anche gestori delle attività che vi si esercitano
  • per i soli immobili D/3 destinati a spettacoli cinematografici, teatri e sale per concerti e spettacoli, estende l’esenzione agli anni 2021 e 2022, sempre che ci sia coincidenza tra proprietari e gestori delle attività (trattandosi di un aiuto di Stato, l’efficacia della norma è subordinata all’autorizzazione della Comunità europea).

Torna il bonus riqualificazione
L’articolo 79 del Dl n. 104/2020 ripropone, con qualche modifica, l’agevolazione introdotta, per gli anni 2014-2016, dall’articolo 10 del Dl n. 83/2014 e reiterata, per il biennio 2017-2018, dall’articolo 1, comma 4, della legge n. 232/2016, consistente in un credito di imposta per la riqualificazione e il miglioramento delle strutture ricettive turistico-alberghiere. Possono beneficiarne anche le strutture che svolgono attività agrituristica e quelle che erogano cure termali, queste ultime anche per la realizzazione di piscine e per l’acquisizione di attrezzature e apparecchiature necessarie per lo svolgimento delle attività termali, nonché le strutture ricettive all’aria aperta.
Il bonus è riconosciuto nella misura del 65% (anziché l’originario 30%) delle spese sostenute nei due periodi di imposta successivi a quello in corso alla data del 31 dicembre 2019; quindi, per i contribuenti con esercizio coincidente con l’anno solare, si tratta del 2020 e del 2021. È utilizzabile soltanto in compensazione, tramite modello F24 (articolo 17, Dlgs n. 241/1997), e non è soggetto alla ripartizione in tre quote annuali di pari importo, prevista dal comma 3 della norma che l’ha istituito. Inoltre, non concorre alla formazione né del reddito imponibile né del valore della produzione ai fini Irap e non rileva ai fini del rapporto di cui agli articoli 61 (deducibilità degli interessi passivi) e 109, comma 5 (deducibilità dei componenti negativi), del Tuir.

Tax credit affitti prorogato di un mese
Prolungato per un altro mese il credito d’imposta sui canoni di locazione degli immobili a uso non abitativo destinati allo svolgimento dell’attività industriale, commerciale, artigianale, agricola, di interesse turistico o all’esercizio abituale e professionale dell’attività di lavoro autonomo, introdotto dall’articolo 28 del Dl n. 34/2020 (decreto “Rilancio”) a favore degli esercenti attività d’impresa, arte o professione.
Pertanto, a seguito dell’intervento operato dall’articolo 77 del decreto “Agosto”, il bonus spetta, in via generalizzata, in relazione alle somme effettivamente versate nel 2020 per ciascuno dei mesi di marzo, aprile, maggio e giugno; invece, per le strutture turistico ricettive con attività solo stagionale, va riferito a ciascuno dei mesi di aprile, maggio, giugno e luglio.
Inoltre, è stabilito che il credito spetta indipendentemente dal volume di ricavi/compensi registrato nel periodo d’imposta precedente non più soltanto alle strutture alberghiere e agrituristiche, alle agenzie di viaggio e turismo e ai tour operator, ma anche alle strutture termali.
Ricordiamo che il bonus è pari al 60% dell’ammontare mensile del canone di locazione, leasing o concessione ovvero al 30% in caso di contratti di servizi a prestazioni complesse o di affitto d’azienda.

continua
La prima puntata è stata pubblicata giovedì 27 agosto 2020
La seconda puntata è stata pubblicata lunedì 31 agosto 2020
La terza puntata è stata pubblicata giovedì 3 settembre 2020
La quarta puntata è stata pubblicata lunedì 7 settembre 2020
La quinta puntata è stata pubblicata mercoledì 9 settembre 2020
La sesta puntata è stata pubblicata venerdì 11 settembre 2020

Condividi su:
Il fisco nel decreto “Agosto” – 7 Sostegno a turismo e spettacolo

Ultimi articoli

Normativa e prassi 28 Settembre 2020

Superbonus 110% tra condomini, limiti di spesa comuni e individuali

Una risposta per ogni singolo intervento, parte di un piano di lavori finalizzati all’efficienza energetica e alla riduzione del rischio sismico, che i condomini di un piccolo edificio, composto da quattro unità immobiliari, intendono effettuare.

Attualità 28 Settembre 2020

Elenchi cinque per mille 2020, ultima chance: remissione in bonis

Scade il prossimo mercoledì 30 settembre il tempo per tutti gli enti, non inseriti negli elenchi permanenti e comunque interessati a partecipare alla ripartizione del beneficio nelle diverse categorie individuate, che non hanno assolto in tutto o in parte entro i termini di scadenza gli adempimenti previsti per l’ammissione al contributo, relativo al 2020.

Normativa e prassi 25 Settembre 2020

Acquisti on line con lo sconto Reddito zero per il dipendente

La riduzione sul prezzo dei beni acquistati dal dipendente attraverso una piattaforma web in base a uno specifico accordo tra e-commerce e datore di lavoro non genera reddito imponibile, in quanto, il prezzo scontato, versato dal dipendente corrisponde al “valore normale” del prodotto.

Normativa e prassi 25 Settembre 2020

Contributi a Ente bilaterale: non imponibili se obbligatori

I versamenti effettuati da un datore di lavoro a un Ente bilaterale non vanno assoggettati a ritenuta se il contratto, l’accordo o il regolamento aziendale prevedono soltanto l’obbligo per il datore di fornire prestazioni assistenziali e questo sceglie di garantirsi una copertura economica iscrivendosi all’Ente.

torna all'inizio del contenuto