Bilancio e contabilità

10 Settembre 2020

Osservatorio sulle partite Iva, on line aprile-giugno 2020

Segno meno per le partite Iva nel secondo trimestre dell’anno, con una flessione che sfiora il 60% nel mese di aprile. Riduzione più lieve a giugno che si attesta al  4 per cento.
Il 74,8% delle nuove aperture è attribuito alle persone fisiche, il 19,2% alle società di capitali, il 2,7% alle società di persone. Sul sito del Mef la sintesi dei mesi di aprile, maggio e giugno 2020.

Rispetto al secondo trimestre del 2019, il documento evidenzia oltre alla diminuzione di avviamenti a causa dell’emergenza sanitaria, un aumento dei soggetti “non residenti” nel mese di aprile e un aumento del 2,5% per le società di capitali nel mese di giugno.

Riguardo alla ripartizione territoriale, il 40,8% delle nuove aperture è localizzato al Nord, il
21,3% al Centro e il 37,3% al Sud e Isole. Fra le regioni maggiormente in calo la Valle d’Aosta (-37,5%), il Molise invece ha registrato la flessione minore (-12,9 per cento).
Da sottolineare anche gli incrementi di aumenti nel mese di giugno, attestati a +10% in Molise

In base alla classificazione per settore produttivo, il commercio è in testa con il
maggior numero di avviamenti con il 19,2% del totale delle partite Iva. Seguono le attività
professionali con il 15,6% e l’agricoltura (14,7%).
I settori in maggiore crisi, rispetto al secondo trimestre 2019, sono quello delle attività di intrattenimento (-55,1%) e quello dell’alloggio e ristorazione (-54,6%).
L’agricoltura cala del 4,2% nel trimestre in esame ma registra un aumento del 40% nel mese di giugno..
Relativamente alle persone fisiche, la ripartizione di genere mostra una prevalenza della quota
maschile, pari al 64,5% del totale. Il 46,8% appartiene ai giovani under 35, circa il 31% alla fascia dai 36 ai 50 anni. Per tutte le classi di età si evidenzia un calo di apertura, con un’incidenza maggiore per quella 36-50 anni che ha registrato -33,5 per cento

Un altro dato interessante è il 14,8% delle aperture sono operate da soggetti nati all’estero.

Nel periodo in esame 44.357 soggetti (46%) hanno aderito al regime forfetario, con una diminuzione del 33% rispetto allo stesso trimestre del 2019. Solo il settore dell’agricoltura, nel mese di giugno ha totalizzato +86% di adesioni al regime forfetario.

Condividi su:
Osservatorio sulle partite Iva, on line aprile-giugno 2020

Ultimi articoli

Attualità 27 Novembre 2020

Fondo di garanzia vs rischio usura: 32,7 milioni per famiglie e imprese

Sono 32,7 i milioni di euro che, entro la fine dell’anno, saranno distribuiti a Confidi, Associazioni e Fondazioni dal Fondo per la prevenzione del fenomeno dell’usura, istituito nel lontano 1996 presso il dipartimento del Tesoro del Mef (articolo 15, legge n.

Normativa e prassi 26 Novembre 2020

Meccanismi transfrontalieri, le regole quando c’è l’obbligo di notifica

Le istruzioni, dedicate a intermediari e contribuenti, sulle informazioni fiscali relative ai meccanismi transfrontalieri soggetti a obbligo di notifica da comunicare all’Agenzia.

Attualità 26 Novembre 2020

Bonus pubblicità: arrivano in rete “prenotati” e importo assegnato

Pubblicato sul sito del Dipartimento per l’informazione e l’editoria l’elenco dei richiedenti il credito d’imposta sugli investimenti pubblicitari per l’anno 2020 inviato dall’Agenzia delle entrate quale canale di “transito” delle domande presentate.

Normativa e prassi 26 Novembre 2020

L’Inps chiede, l’Agenzia provvede: abolita la causale contributo “Foin”

Con la risoluzione n. 74/E del 26 novembre 2020, in risposta alla specifica richiesta dell’Inps, l’Agenzia delle entrate ha soppresso la causale contributo che consentiva ai datori di lavoro di versare, tramite F24,  le quote di Tfr al Fondinps per queii lavoratori che non hanno espresso la volontà di aderire alla previdenza complementare, nei settori in cui non sono operativi i fondi negoziali previsti dagli accordi o dai contratti collettivi.

torna all'inizio del contenuto