Normativa e prassi

7 Settembre 2020

Autonomi con ritenute sospese: c’è il codice per la restituzione

Istituito con la risoluzione n. 50 del 7 settembre il codice di tributo per versare le ritenute d’acconto non versate dal sostituto d’imposta nel periodo  compreso tra il 17 marzo 2020 e il 31 maggio 2020.

La sospensione del versamento, disposta dall’articolo 19 del dl n. 23/2020, il decreto liquidità, valeva per i titolari di reddito da lavoro autonomo e di provvigioni per rapporti di commissione, agenzia, mediazione, rappresentanza di commercio e procacciamento d’affari,  con ricavi o compensi fino a 400mila euro nel periodo d’imposta precedente a quello in corso al 17 marzo.

La restituzione degli importi sospesi doveva avvenire entro il 31 luglio ed è stata prorogata dall’articolo 126, comma 2, del dl n. 34 Rilancio. Con il decreto Agosto (articolo 97) le modalità per il pagamento degli importi dovuti è stato di ulteriormente rivisto: il versamento delle ritenute può essere effettuato in un’unica soluzione, nella misura del 50% dell’importo da restituire, entro il 16 settembre 2020, ovvero in quattro rate mensili di pari importo, con il versamento della prima entro la stessa data.
Il rimanente 50% potrà essere versato, senza applicazione di sanzioni e interessi, con rateizzazione fino a un massimo di 24 rate. La prima rata di questa seconda tranche andrà versata entro il 16 gennaio del 2021.

Per consentire il pagamento, da effettuare per mezzo del modello F24, l’Agenzia delle entrate ha istituito, con la risoluzione n. 50, il codice tributo “4050” denominato “Ritenute d’acconto non operate versate dai lavoratori autonomi – art. 19, comma 1, D.L. 8 aprile 2020, n. 23“.
Nella compilazione del modello F24 il codice tributo deve essere esposto nella sezione “erario” in corrispondenza delle somme indicate nella colonna “Importi a debito versati“. Nel campo “Anno di riferimento” andrà inserito l’anno d’imposta a cui si riferisce la ritenuta, nel formato “AAAA“. Nel campo “Rateazione/regione/prov./mese rif.” andranno indicate le informazioni relative all’eventuale rateazione del pagamento, nel formato “NNRR“, dove “NN” deve riportare il numero della rata in pagamento e “RR” indica il numero complessivo delle rate. In caso di pagamento in un’unica soluzione, il suddetto campo è valorizzato con “0101“.

Condividi su:
Autonomi con ritenute sospese: c’è il codice per la restituzione

Ultimi articoli

Normativa e prassi 27 Gennaio 2021

Unico edificio, due abitazioni: proprietario ammesso al Superbonus

I lavori da eseguire su un unico stabile, ad uso abitazione, composto da due unità immobiliari di cui una è di piena proprietà dell’istante, l’altra è detenuta dallo stesso istante a titolo di nuda proprietà, con usufrutto a favore del padre, potranno fruire del Superbonus.

Attualità 27 Gennaio 2021

F24 Ep: dal prossimo 8 febbraio tempi allineati all’ordinario F24

I versamenti effettuati tramite F24 Ep dagli enti individuati dalla tabella A allegata alla legge n.

Attualità 27 Gennaio 2021

Tax credit sale cinematografiche: ulteriori istruttorie ritoccano i bonus

In seguito all’esito delle nuove attività istruttorie e di controllo effettuate dall’Istituto Luce–Cinecittà, con il decreto direttoriale del 26 gennaio 2021, disponibile sul sito della direzione generale Cinema e Audiovisivo del Mibact, sono stati rettificati i crediti d’imposta, inseriti nei precedenti decreti direttoriali, destinati agli esercenti delle sale cinematografiche per il potenziamento della programmazione nei loro cinema (articolo 18, legge n.

Analisi e commenti 27 Gennaio 2021

Legge di bilancio 2021 e Fisco – 17 Agevolazioni per cultura e turismo

La legge di bilancio 2021 non può non tenere conto di quanto l’anno appena passato, colpito dalle conseguenze della pandemia da Coronavirus, abbia impattato fortemente sul settore turistico e della cultura e spettacolo.

torna all'inizio del contenuto