Normativa e prassi

7 Agosto 2020

Quotazione in borsa delle Pmi: nel bonus l’Iva con pro-rata a zero

L’imposta sul valore aggiunto relativa alle singole operazioni di acquisto, se totalmente indetraibile, concorre alla formazione dell’importo del tax credit spettante per le spese di consulenza relative alla quotazione delle piccole e medie imprese. Non rileva, invece, per la determinazione del valore degli investimenti, l’Iva parzialmente indetraibile, per effetto del pro-rata considerata come un costo generale, restando, invece, salva la possibilità di includere nei costi rilevanti ai fini dell’agevolazione l’Iva totalmente indetraibile derivante dal pro-rata pari a zero. È quanto precisa l’Agenzia delle entrate con la risposta n. 257 del 7 agosto 2020.

La Pmi istante svolge un’attività esente da Iva (cessioni di oro) e dal 1° agosto 2019 si è quotata sul mercato Aim. La società ritiene di aver diritto al credito d’imposta previsto per le spese di consulenza sostenute per entrare in Borsa; inoltre specifica che emette fatture sempre in esenzione da Iva e non detrae l’imposta su nessun acquisto.
Descritte le caratteristiche che configurano l’attività dell’impresa, chiede se può includere l’Iva indetraibile (articolo 19, Dpr n. 633/1972) a concorrenza dei costi di consulenza relativi alla quotazione e quindi agevolabili.

Il bonus oggetto dell’interpello, introdotto dalla legge di bilancio 2018 (articolo 1, comma 89, legge n. 205/2017), riconosce alle piccole e medie imprese, che intraprendono una procedura di ammissione alla quotazione in un mercato regolamentato o in sistemi multilaterali di uno Stato Ue o dello Spazio economico europeo, un credito d’imposta, fino ad un importo massimo di 500mila euro, pari al 50% dei costi di consulenza sostenuti fino al 31 dicembre 2020 per centrare tale obiettivo. In Italia l’Aim è uno tra i sistemi multilaterali di negoziazione autorizzati dalla Consob e gestiti da Borsa italiana Spa.

Le modalità per accedere al contributo sono state definite con il decreto 23 aprile 2018 del Mise di concerto con il Mef. Il Dm, tra l’atro, mette in chiaro che partecipano al conto dell’importo agevolabile soltanto i costi direttamente connessi allo svolgimento delle attività e prestate da consulenti esterni, come servizi non continuativi o periodici e al di fuori dei costi di esercizio ordinari dell’impresa connessi ad attività regolari (come ad esempio quelli relativi alla consulenza fiscale, legale o alla pubblicità).

Come proposto dall’istante, il documento di prassi ritiene che per trovare la giusta soluzione al dubbio sollevato nell’interpello si può fare riferimento ai chiarimenti forniti dall’Agenzia con la circolare n. 44/2009 a proposito dell’agevolazione Tremonti-ter (articolo 5, Dl n. 78/2009).
In particolare, la circolare menzionata precisa che ai fini del calcolo dell’importo rilevante per l’agevolazione, va considerata anche l’Iva relativa alle singole operazioni di acquisto, totalmente indetraibile per il tipo di operazione. Resta fuori da totale delle spese utili ai fini del tax credit, invece, l’Iva parzialmente indetraibile, corrispondente al rapporto tra l’ammontare delle operazioni che danno diritto alla detrazione e le operazioni esenti secondo le previsioni dell’articolo 19, comma 5, del Dpr n. 633/1972. Infatti, spiega la circolare, l’Iva parzialmente indetraibile per effetto del pro-rata, “non può essere considerata come costo afferente le singole operazioni d’acquisto ma è una massa globale (…) che si qualifica come costo generale”, ma “resta salva, ovviamente, la possibilità di computare nel valore degli investimenti l’IVA totalmente indetraibile derivante dal pro rata pari a zero”.

Circoscritto il quadro normativo e di prassi connesso al caso esaminato, l’Agenzia conclude affermando che, rispetto all’ipotesi prospettata, può rientrare tra i costi rilevanti ai fini dell’agevolazione anche l’Iva indetraibile assolta dall’istante a patto che la società abbia realmente un pro-rata di detraibilità pari a zero. 

Condividi su:
Quotazione in borsa delle Pmi: nel bonus l’Iva con pro-rata a zero

Ultimi articoli

Attualità 5 Marzo 2021

Il lavoro agile in Agenzia delle entrate. Focus sull’esperienza del personale

Soddisfazione per le modalità di comunicazione con colleghi e capi, per i risultati raggiunti sul lavoro, per i nuovi equilibri nel bilanciamento tra vita professionale e personale.

Normativa e prassi 5 Marzo 2021

Bonus facciate per il palazzo all’interno del chiostro pubblico

La detrazione del 90% della spesa sostenuta per il recupero o il restauro della parte esterna del palazzo può essere fruita anche nel caso in cui la facciata messa a nuovo non sia visibile dalla strada ma dal chiostro interno al complesso monumentale, il cui suolo è pubblico e quindi accessibile dai cittadini.

Normativa e prassi 5 Marzo 2021

Struttura privata accreditata al Ssn, invio delle spese “svincolato”

La società privata accreditata al Ssn, tenuta alla comunicazione dei dati sanitari all’Agenzia delle entrate per la predisposizione delle dichiarazioni precompilate, che opera sia in regime di accreditamento mediante specifiche convenzioni con le varie Asl, sia in regime di libero mercato, fino a quando tale accreditamento perdura, comunicherà al Sistema Ts tutte le prestazioni sanitarie rese a partire dal 1° gennaio 2020, senza indicazione della modalità di pagamento e indipendentemente dalla modalità di pagamento utilizzata.

Normativa e prassi 5 Marzo 2021

Iva ordinaria per il capanno non demaniale su area demaniale

Alla cessione del capanno da pesca non di proprietà dello Stato, anche se situato su un’area demaniale data in concessione, va applicata l’aliquota ordinaria del 22%, perché l’operazione realizzata si configura, per il concessionario che subentra, come trasferimento di diritto reale di godimento del bene acquistato, assimilato al diritto di superficie.

torna all'inizio del contenuto