Normativa e prassi

31 Luglio 2020

Canoni beni sequestrati, per l’Iva ci pensa l’amministratore giudiziario

In riferimento agli adempimenti Iva connessi alla riscossione dei canoni relativi a immobili sequestrati, è l’amministratore giudiziario, per l’intero periodo di affidamento dell’incarico disposto dal provvedimento del giudice, il soggetto tenuto ad adempiere agli obblighi di fatturazione, registrazione, liquidazione e presentazione della comunicazione delle liquidazioni periodiche e della dichiarazione annuale in sostituzione e per conto del locatore.
E ciò in quanto, spiega l’Agenzia delle entrate con il principio di diritto n. 11 del 31 luglio 2020:

  • il titolare dei beni, in attesa della confisca definitiva o della restituzione al proprietario, non è individuato a titolo definitivo e pertanto non ne non ha la disponibilità
  • il soggetto passivo d’imposta è colui che assume, con effetto retroattivo, la titolarità dei beni sequestrati e, quindi, il soggetto passivo d’imposta è individuato a posteriori, anche se con effetto ex tunc, nello Stato o nell’indiziato, a seconda che il procedimento si concluda con la confisca oppure con la restituzione dei beni
  • l’amministratore giudiziario, in pendenza di sequestro, non assume un’autonoma soggettività d’imposta, ma opera quale rappresentante in incertam personam, curando la gestione del patrimonio per conto di un soggetto non ancora individuato.
Condividi su:
Canoni beni sequestrati, per l’Iva ci pensa l’amministratore giudiziario

Ultimi articoli

Normativa e prassi 28 Ottobre 2020

Sì al modello 770 per l’ente autonomo che ha versato le ritenute Irpef con F24Ep

Un istituto autonomo del Mibact che ha effettuato, come sostituto di imposta, le ritenute Irpef sui redditi di lavoro autonomo versandole con gli F24Ep e comunicandole tramite le certificazioni uniche, è tenuto a presentare, il modello di dichiarazione 770.

Attualità 28 Ottobre 2020

Il virus ha ripreso la sua corsa: arriva il decreto “Ristori”

Corrono i contagi e corre l’Esecutivo ad alleviare la sofferenza recata alle attività economiche chiuse o “rallentate” dalle nuove misure restrittive.

Normativa e prassi 28 Ottobre 2020

Country by Country reporting, aggiornate le regole di compilazione

Nuova versione per le modalità di presentazione all’Agenzia delle entrate della rendicontazione Paese per paese in applicazione del decreto del Mef 23 febbraio 2017 in materia di scambio automatico obbligatorio di informazioni nel settore fiscale.

Normativa e prassi 28 Ottobre 2020

Fusione successiva al 1° gennaio 2020, esonero Irap con soglia individuale

Le società che a seguito di un’operazione di riorganizzazione aziendale sono state incorporate dalla controllante con efficacia giuridica, contabile e fiscale dal 1° gennaio 2020, devono determinare singolarmente e in via autonoma i ricavi relativi al periodo d’imposta 2019 per l’eventuale accesso all’esenzione del saldo Irap 2019 prevista dal Dl “Rilancio”.

torna all'inizio del contenuto