Attualità

21 Luglio 2020

Bonus vacanze: pochi e facili step per cedere il credito acquisito

Le strutture ricettive, che hanno accettato il bonus vacanze, possono visualizzare gli sconti d’imposta maturati sulla “Piattaforma Cessione Crediti” e, partendo da questa, nella quale è possibile gestire anche altri crediti, cedere il beneficio guadagnato a terzi. Nel “Manuale cessione crediti”, disponibile online sul sito dell’Agenzia nell’area tematica dedicata al bonus vacanze, è illustrato il semplice tracciato da seguire per effettuare l’operazione.

La brochure esorta a imboccare, all’interno dell’area riservata del sito dell’Agenzia, il percorso “la mia scrivania / Servizi per / Comunicare”, per poi aprire il collegamento alla “Piattaforma Cessione Crediti”, dove sono esposti tutti gli eventuali crediti d’imposta cedibili della stessa struttura ricettiva, e trovarsi di fronte a quattro funzioni più che intuitive (monitoraggio crediti, cessione crediti, accettazione crediti, lista movimenti)
In ciascuna di esse, il manuale indica, puntualmente, come muoversi, utilizzando le immagini che via via appariranno sullo schermo dell’interessato e, al contempo, fornendo le dovute precisazioni e sciogliendo anche qualche possibile dubbio.

Da oggi, in rete anche la guida “Bonus vacanze” aggiornata disponibile nella sezione del sito che ospita le guide fiscali “L’Agenzia informa” e su questa rivista.

Condividi su:
Bonus vacanze: pochi e facili step per cedere il credito acquisito

Ultimi articoli

Normativa e prassi 18 Gennaio 2021

Dal 2021 Tefa e Tari si separano e nascono nuovi codici tributo

Istituiti nuovi codici tributo, da utilizzare tramite F24 e F24Ep, per il versamento del “Tefa”, il tributo sulla tutela ambientale che, a partire dal 2021, dovrà essere versato distintamente dalla Tari.

Normativa e prassi 18 Gennaio 2021

Uso parziale bonus “prima casa”, l’agevolazione non è riutilizzabile

Nel caso in cui il redito d’imposta “prima casa” venga speso soltanto in parte per il pagamento del Registro dovuto per l’atto in cui il credito è maturato, l’importo residuo potrà essere speso in diminuzione dall’Irpef o in compensazione delle somme dovute, ma non in diminuzione delle imposte di registro, ipo-catastale, sulle successioni e donazioni, per gli atti presentati dopo l’acquisizione del credito, per le quali il credito deve essere utilizzato integralmente.

Normativa e prassi 18 Gennaio 2021

Riqualificazione energetica di edificio, non si tratta di intervento trainato

Il lavoro di riqualificazione energetica globale di un fabbricato non potrà fruire del Superbonus trattandosi di un intervento a se stante, inteso come un unicum, e non “trainato”, come prospettato dall’istante.

Normativa e prassi 18 Gennaio 2021

Sì al regime speciale “impatriati” se al distacco segue una nuova attività

Per usufruire del regime speciale impatriati, la nuova attività aziendale del lavoratore distaccato che rientra in Italia non deve porsi in continuità rispetto al rapporto ante-trasferimento all’estero, ossia le condizioni del nuovo contratto, quali prestazione di lavoro, termine e retribuzione, devono richiedere un nuovo rapporto obbligatorio in sostituzione del precedente, con nuove e autonome situazioni giuridiche e mutamento sostanziale dell’oggetto della prestazione e del titolo del rapporto.

torna all'inizio del contenuto