Attualità

Negozi, magazzini, capannoni e uffici, online il primo report degli scambi 2020

Il 2020 si apre con una flessione consistente e repentina per il settore immobiliare non residenziale, così come fotografato dalle Statistiche del I trimestre 2020, realizzate dall’Osservatorio del mercato immobiliare e disponibili sul sito dell’Agenzia delle entrate. Sono evidenti i primi effetti delle misure di contenimento della pandemia da Covidd-19, soprattutto nei volumi di compravendita terziario-commerciale.

Settori
di mercato
I
2019
II
2019
III
2019
IV
2019
I
2020
Var % NTN
IV 19/IV 18
Var % NTN
I 20/I 19
TCO 23.074 26.643 22.953 31.147 19.277 6,2% -16,5%
PRO 2.529 2.995 2.681 3.920 1.951 1,5% -22,8%
AGR 577 752 520 868 432 11,0% -25,2%
ALT 13.491 16.160 14.218 18.943 11.294 3,1% -16,3%
Totale 39.671 46.550 40.372 54.877 32.954 4,9% -16,9%

Tabella riepilogativa dati settore non residenziale

Per comprendere meglio quanto rilevato in questo trimestre, basta analizzare i dati per mese: mentre a gennaio e febbraio 2020 i tassi di scambio mantenevano il segno positivo, in particolare nel segmento degli immobili a destinazione terziario-commerciale, a marzo, in concomitanza con il lockdown dovuto all’emergenza Coronavirus, l’inversione di tendenza è brusca e a doppia cifra.

Il settore terziario-commerciale
Il calo è più evidente soprattutto nei volumi di compravendita del settore terziario-commerciale, che aveva registrato un solo tasso negativo nelle precedenti 20 rilevazioni. Nello specifico, sono state poco più di 19mila le unità scambiate, con un tasso pari al -16,5% rispetto allo stesso trimestre del 2019. Si tratta di una flessione uniforme, che interessa tutto il territorio nazionale, con tassi tendenziali compresi tra il -16% del Centro e il -17% nelle Isole.

Vediamo ora il dettaglio dei principali segmenti: uffici e studi privati, negozi e laboratori, depositi commerciali e autorimesse. Oltre la metà degli scambi è costituita da depositi commerciali e autorimesse (55% circa del totale), con una concentrazione elevata al Sud e nelle Isole, dove questa tipologia di immobili rappresenta oltre il 60% del totale delle compravendite del settore. Anche nelle principali città italiane si conferma il calo tendenziale, con l’unica eccezione di Torino (+21%), in controtendenza anche in termini di superficie degli immobili (+25%), insieme a Napoli (+9,1%).
A fronte di un calo consistente, è sempre al Nord che si concentra il maggior numero di scambi di uffici e studi privati; mentre al Nord Ovest (+4,5%) e al Centro (+14,5%) cresce la superficie degli immobili compravenduti. In questo segmento fanno eccezione Napoli, con +30,2% di volumi scambiati, e Palermo (+16,1%); i mercati più consistenti restano quelli di Milano (183 Ntn, -9,3% rispetto al I trimestre 2019) e Roma (80 Ntn, -16% rispetto al I trimestre 2019). Nella capitale, inoltre, si registra un aumento della superficie degli uffici compravenduti nel I trimestre 2020: +67% rispetto allo stesso trimestre del 2019.
Segno negativo anche per negozi e laboratori, con un picco al Nord Est, sia in termini di volume degli scambi (-21,7%) e di superfici (- 31,5%). Gli unici segni positivi si osservano a Palermo, dove le compravendite nel I trimestre 2020 sono in rialzo del 14,4%, e a Torino, dove, a fronte di un calo contenuto degli scambi (-3,4%), aumenta dell’1,7% la superficie complessiva degli immobili.

Il settore produttivo
Con 1.951 unità compravendute nel primo trimestre 2020, il settore produttivo, costituito prevalentemente da capannoni e industrie, è quello dove il calo si fa più consistente (-22,8% rispetto al 2019). La flessione è a doppia cifra in tutta Italia, dal -18,2% nel Nord Ovest al -46,4% nelle Isole. Va segnalato come anche per questo segmento i dati di gennaio e febbraio 2020 alternavano i segni negativo e positivo (rispettivamente, -16% a gennaio e +1,5% a febbraio), prima dello shock di marzo.

Il settore produttivo agricolo e altre destinazioni
Anche il settore produttivo agricolo (immobili di categoria catastale D/10) registra un calo dei volumi scambiati, con un tasso pari a -25,2%, con picchi negativi al Centro e nel Nord Est. Resta in linea con la dinamica del settore non residenziale, infine, il volume degli scambi delle unità immobiliari che non rientrano nei settori già analizzati (-16,3%); oltre il 97% di queste appartiene alle categorie catastali del gruppo F.