Attualità

22 Maggio 2020

Nuova interfaccia per Omi Mobile, l’app per la banca dati immobiliare

A poco meno di un anno di distanza dal suo approdo ufficiale negli store digitali, l’app Omi Mobile che permette di consultare le quotazioni dell’Osservatorio del mercato immobiliare dell’Agenzia delle Entrate su dispositivo mobile, si rifà il trucco e si presenta al pubblico con una versione completamente rinnovata e alcune novità. 

immagine di due schermate della applicazione

A partire da questo nuovo aggiornamento, gli utenti riconosceranno all’interno dell’app tutti gli elementi che caratterizzano il loro sistema operativo, con accorgimenti che puntano a migliorare l’esperienza d’uso e la velocità di accesso alle informazioni. Tutto questo grazie a uno sviluppo avvenuto su piattaforma nativa – specificamente per i sistemi operativi Ios e Android – che ha permesso di migliorare la fruizione del servizio e integrare completamente  le informazioni derivate dal servizio Geopoi, il framework cartografico disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

All’avvio dell’applicazione, è richiesta l’autorizzazione all’utilizzo della posizione del dispositivo e – solo al primo avvio – il consenso alla geolocalizzazione dell’utente tramite Gps. Nel pieno rispetto delle normative vigenti per la tutela della privacy, l’utilizzo dell’app non prevede assolutamente alcun tipo di archiviazione delle coordinate utente, né di alcun dato personale da parte dell’Agenzia delle Entrate. Se il dispositivo è abilitato alla condivisione della posizione, il Gps localizza l’utente all’interno del poligono rappresentativo della zona Omi di riferimento. Se l’utente rifiuta l’accesso alla propria posizione, il tasto che fornisce la funzionalità di geolocalizzazione viene disattivato; per riattivare i servizi di localizzazione, è sufficiente accedere alle impostazioni dell’app e selezionare l’apposita funzione.

L’utente, oltre a utilizzare le consuete modalità di ricerca testuale, può navigare la mappa sull’intero territorio nazionale usando la funzione pan che consente di spostarsi sullo schermo nella posizione desiderata. Per visualizzare una zona Omi è sufficiente effettuare una “pressione lunga” sullo schermo: in tale posizione, il sistema evidenzierà un’area di colore verde che rappresenta la zona Omi corrispondente.
Nella parte inferiore dello schermo sono visualizzate le informazioni descrittive della zona selezionata e l’indirizzo della posizione individuata; trascinando verso l’alto questo tab, è possibile consultare i valori delle quotazioni nel semestre corrente per le diverse tipologie di immobili (residenziale, terziario, commerciale e produttivo).

Per quanto riguarda la serie storica, sono presenti i dati a partire dal primo semestre 2016, mentre tra le novità, è possibile utilizzare la funzione POI Pubblici, che permette di attivare l’individuazione di strutture e servizi di pubblica utilità direttamente all’interno dell’app, per migliorare l’esperienza di navigazione e l’orientamento dell’utente tra le numerose informazioni cartografiche.

immagine con i loghi e il qr code della applicazione

Omi Mobile è sviluppata da Sogei ed è disponibile per il download gratuito su App Store e Google Play.

Condividi su:
Nuova interfaccia per Omi Mobile, l’app per la banca dati immobiliare

Ultimi articoli

Attualità 6 Maggio 2021

Bonus pubblicità, online l’elenco per gli investimenti sulla stampa

Pubblicato, sul sito del dipartimento per l’Informazione e l’Editoria l’elenco, trasmesso dall’Agenzia delle entrate, dei soggetti che hanno “prenotato” il credito d’imposta per gli investimenti pubblicitari.

Analisi e commenti 6 Maggio 2021

La stabile organizzazione – 1 dal modello Ocse al nostro Tuir

La stabile organizzazione rappresenta il criterio di collegamento o soglia minima che consente di ripartire la potestà impositiva tra stato della fonte e della residenza.

Dati e statistiche 5 Maggio 2021

Entrate tributarie gennaio-marzo 2021. Ancora sotto l’effetto della pandemia

Nel primo trimestre del 2021 le entrate tributarie hanno registrato un recupero dello 0,8% portando 803 milioni di euro in più nelle casse dello Stato rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, per un totale di 99.

Attualità 5 Maggio 2021

Crescita digitale obiettivo prioritario. Ne ha parlato oggi il direttore Ruffini

Si è svolta stamattina, 5 maggio 2021, presso la Commissione parlamentare di vigilanza sull’Anagrafe tributaria l’audizione del direttore dell’Agenzia, Ernesto Maria Ruffini, sui progetti di digitalizzazione e innovazione tecnologica delle banche dati fiscali.

torna all'inizio del contenuto