Attualità

21 Maggio 2020

Ancora in aumento, nelle grandi città, gli scambi degli immobili residenziali

I dati di consuntivo del mercato residenziale nel 2019 sono da oggi disponibili sul sito internet dell’Agenzia nel “Rapporto immobiliare 2020 – Settore residenziale”, curato dall’ufficio Statistiche e Studi della direzione centrale Servizi estimativi e Osservatorio del mercato immobiliare delle Entrate.
Di grande interesse sono gli approfondimenti sulle principali città italiane, che dal 2014 registrano un costante incremento nel numero delle compravendite di abitazioni. Per il 2019 è confermata la fase espansiva nazionale, con maggiore evidenza a Milano (+6,9%) e a Bologna (+6,2%); più contenuto l’incremento a Genova (+3,7%), Palermo (+2,0%), Roma (+2,0%) e Torino (+1%), ma sono in netta controtendenza, per il primo anno dal 2014, Firenze (-7,5%) e Napoli (-2,4%).

grafico elborato dai dati esposti nel testo

Milano vede anche la maggiore dinamicità di mercato, con un Indice di mobilità immobiliare (Imi – numero di unità compravendute sul totale delle abitazioni residenziali censite) pari a 3,26%, una quota quasi doppia rispetto all’indice nazionale (1,76%).
Ma è ancora Roma a registrare il numero assoluto di compravendite più elevato, con 32.759 (il 31,4% del totale delle grandi città) abitazioni acquistate nel 2019.
Se consideriamo invece i comuni delle otto province, esclusi i capoluoghi, quello di Milano si conferma il mercato più vivace sia in termini relativi (Imi 2,73%) che assoluti (Ntn pari a 36.806). Anche in provincia è il territorio di Firenze a segnare un tasso negativo, sia per le compravendite (-3,2%) che per l’Imi (-0,07), mentre a Napoli, in provincia si registra +3,3% per Ntn, +0,04 per Imi.

La tipologia più compravenduta in sei delle otto grandi città è l’abitazione con superficie compresa tra 50 m2 e 85 m2, mentre a Palermo e Napoli prevale di poco il numero di immobili appartenenti alla fascia compresa tra 85 m2 e 115 m2.
La superficie media delle unità acquistate negli otto capoluoghi è di 90,6 m2. È lì che si è concentrato oltre un quarto del valore del fatturato nazionale, con un valore stimato che ammonta complessivamente a oltre 25 miliardi di euro, in aumento del 2,2% rispetto al 2018; a segnare un calo in termini di fatturato sono le città di Roma (-1,2%), Napoli (-1,4%), e Firenze (-6,3%).
Milano è la città con il valore medio più elevato, 316.600 euro circa, seguita da Firenze, con 275.300 euro, e Roma, con 257.000 euro circa; Roma, Genova e Bologna segnano una diminuzione del fatturato medio.

Nel 2019, nei principali centri, il 53,4% delle abitazioni acquistate da persone fisiche risulta assistito da mutuo ipotecario, con una leggera flessione rispetto al 2018 (-0,7%) nelle città, con incremento positivo, seppure modesto, nel resto della provincia (+0,3%).
Per finanziare gli acquisti degli immobili residenziali, il capitale erogato per il complesso dei capoluoghi esaminati è pari a circa 8,8 miliardi, circa lo stesso valore registrato nel 2018.

Riguardo alle locazioni, nelle stesse città, occorre sottolineare come i valori di canone al metro quadro più elevati si registrino a Roma, Milano e Firenze, tutti al di sopra dei 120 euro al m2. Milano e Firenze, insieme a Torino, risultano anche i mercati più attivi, con un Iml (Intensità del mercato delle locazioni, calcolato come rapporto tra il numero di abitazioni locate e il numero di abitazioni potenzialmente locabili) che oscilla tra il 2 e il 3 per cento.. All’opposto Napoli e Palermo, anche in questa rilevazione, fanno segnare i canoni più bassi con il capoluogo partenopeo che registra anche la dinamica più debole, inferiore all’1%.

Condividi su:
Ancora in aumento, nelle grandi città, gli scambi degli immobili residenziali

Ultimi articoli

Normativa e prassi 27 Novembre 2020

Nuovi tributi, sanzioni e interessi fanno il loro ingresso nell’F24

L’utilizzo del modello F24 si allarga a macchia d’olio.

Attualità 27 Novembre 2020

Acconti Irpef, Ires e Irap prorogati, la scadenza slitta al 10 dicembre

Il ministero dell’Economia e delle Finanze, oggi con un comunicato stampa, anticipa che è in arrivo lo slittamento, da lunedì 30 novembre a giovedì 10 dicembre 2020, del termine per il versamento della seconda o unica rata dell’acconto delle imposte sui redditi e dell’Irap dovuta dagli operatori economici per il 2021.

Normativa e prassi 27 Novembre 2020

Senza Iva la fattura dell’associazione per la prestazione di ippoterapia

Rientrano tra le ipotesi di esenzione previste per le attività socio-sanitarie svolte nei confronti di determinati soggetti disagiati le prestazioni di terapia assistita con animali rese da un’associazione autorizzata, che per caratteristiche e statuto è qualificabile come un ente con finalità di assistenza sociale e che possiede i requisiti fissati dalle linee guida stabilite in materia.

Normativa e prassi 27 Novembre 2020

Il certificato successorio europeo va registrato: è valido ovunque

L’efficacia probatoria del certificato successorio europeo, estesa in tutti gli Stati membri dell’Unione, conferisce al documento natura di atto pubblico, redatto su richiesta delle parti interessate da un notaio, che è autorità pubblica in grado di attestare l’autenticità delle firme e del contenuto del certificato.

torna all'inizio del contenuto