Attualità

20 Maggio 2020

Emergenza Covid-19: una bussola per chi deve corrispettivi telematici

E’ online, nella sezione guide fiscali “l’Agenziainforma” del sito delle Entrate e su questa rivista, “L’emergenza coronavirus e i corrispettivi telematici”, un vademecum destinato agli esercenti e ai loro intermediari fiscali, per agevolarli nel risolvere disagi e problematiche connessi alle relazioni con gli uffici dell’Agenzia.
L’emergenza da Coronavirus vede, infatti, i titolari di esercizi commerciali tra i soggetti più colpiti dalle disposizioni per il contenimento del contagio.
In queste fasi, date le necessarie misure di distanziamento sociale, l’esercente può incontrare difficoltà nel rivolgersi agli uffici dell’Agenzia delle entrate per risolvere i molti dubbi che emergono nella situazione eccezionale. Cioè, per esempio, quali adempimenti sono previsti per la chiusura dell’esercizio? Cosa succede se si guasta il registratore telematico? Come rispettare i termini di invio dei corrispettivi in caso di problemi nella connessione a internet o se il commercialista non è facilmente contattabile?

Nella guida, pubblicata nelle aree tematiche “Emergenza Coronavirus” e “Fattura elettronica e corrispettivi telematici”, vengono fornite tutte le indicazioni necessarie per ridurre al minimo i disagi e alleggerire per quanto possibile le preoccupazioni degli esercenti e dei loro intermediari sugli adempimenti fiscali legati ai corrispettivi telematici.

Il vademecum, anzitutto, illustra ai contribuenti che svolgono attività per le quali è disposta la chiusura, le due possibilità fornite dal registratore telematico e dal portale “Fatture e corrispettivi”, mediante le quali, fino alla riapertura, non avranno alcun onere legato ai corrispettivi telematici.
Passa, poi, in rassegna le eventuali problematiche che possono insorgere nell’uso del registratore telematico all’interno degli esercizi autorizzati a rimanere aperti, in questo periodo nel quale l’esercente può avere difficoltà a ottenere un pronto intervento dei tecnici sul dispositivo che non funziona a dovere o del provider sulla linea internet. L’Agenzia fornisce le indicazioni per risolvere tali situazioni o adottare comportamenti che annullino il rischio di conseguenze negative.

La guida illustra inoltre i più recenti differimenti, previsti nel decreto Rilancio (Dl n. 34/2020) in considerazione delle oggettive difficoltà di esercenti e distributori di registratori telematici: l’estensione fino al 1° gennaio 2021 della fase transitoria per gli esercenti che ancora emettono scontrini e ricevute e non sono dotati di registratore telematico e, conseguentemente, lo slittamento alla stessa data dell’inizio della lotteria dei corrispettivi.

Infine, la guida ripercorre tutte le sospensioni dei termini legati ai corrispettivi telematici disposti dai Dpcm succedutisi in materia di emergenza da Covid-19, suddivisi tra quelli di invio dei corrispettivi e le scadenze legate alle verificazioni periodiche da effettuare sul registratore telematico o di cassa. Infatti, come le altre categorie coinvolte, gli esercenti, i loro intermediari e i laboratori di assistenza abilitati possono disporre di un congruo lasso di tempo per completare regolarmente gli adempimenti.

Condividi su:
Emergenza Covid-19: una bussola per chi deve corrispettivi telematici

Ultimi articoli

Attualità 26 Febbraio 2021

Bonus pubblicità, marzo è il mese per prenotare il tax credit 2021

Dal 1° al 31 marzo 2021 sarà possibile presentare la comunicazione che consente l’accesso al credito d’imposta per investimenti pubblicitari, realizzati o ancora da realizzare nel 2021, utilizzando i servizi resi disponibili nell’area riservata del sito dell’Agenzia delle entrate, a cui si può accedere mediante tramite Spid, Carta nazionale dei servizi (CNS) o Carta d’identità elettronica (CIE), e con Entratel e Fisconline.

Attualità 26 Febbraio 2021

Bonus quotazione Pmi, dalla proroga le nuove scadenze per le domande

Le piccole e medie imprese che intendono sfruttare il credito d’imposta pari al 50% delle spese di consulenza, fino a un massimo di 500mila euro, sostenute per quotarsi sui mercati regolamentati o in sistemi multilaterali di negoziazione di uno Stato membro dell’Unione europea o dello Spazio economico europeo, avranno tempo per presentare le domande relative ai costi sopportati fino al prossimo 31 marzo, per quelli 2020 e, dal 1° ottobre 2021 al 31 marzo 2022, per le spese 2021.

Analisi e commenti 26 Febbraio 2021

Consolidato nazionale e mondiale. Tutte le novità del modello 2021

Con provvedimento del direttore dell’Agenzia delle entrate del 29 gennaio scorso è stato approvato il modello “Consolidato nazionale e mondiale 2021” (Cnm 2021), con le relative istruzioni, da presentare nell’anno 2021 ai fini della dichiarazione dei soggetti ammessi alla tassazione di gruppo di imprese controllate residenti nonché dei soggetti ammessi alla determinazione dell’unica base imponibile per il gruppo di imprese non residentiIl Tuir disciplina gli istituti del consolidato nazionale e del consolidato mondiale (si vedano gli articoli da 117 a 142).

Attualità 26 Febbraio 2021

Gianni Marongiu: l’etica del tributo e il rispetto del contribuente

Nella notte tra domenica 14 e lunedì 15 febbraio ci ha lasciato Gianni Marongiu.

torna all'inizio del contenuto