Normativa e prassi

24 Aprile 2020

Senza Spazio economico europeo non c’è posto per il forfetario

Un avvocato residente all’estero che svolge la professione in Italia con un guadagno complessivo inferiore ai 65mila euro annui non può fruire del regime forfetario, in quanto lo Stato in cui risiede, pur facendo parte dell’Efta, non è aderente allo Spazio economico europeo, requisito necessario per i residenti esteri che intendono utilizzare la tassazione agevolata prevista dalla legge n. 190/2014.

Con la risposta n. 119 del 24 aprile 2020, l’Agenzia delle entrate chiarisce così il dubbio di una contribuente iscritta, dal primo gennaio 2020, all’albo pubblico degli avvocati degli Stati membri dell’Unione europea e dell’Associazione europea di libero scambio (Aels) che intende avvalersi del regime forfettario per i redditi prodotti in Italia.
Il documento di prassi in esame ricorda che il regime forfetario è una tassazione agevolata rivolta alle persone fisiche che esercitano attività di impresa, arti o professioni  in possesso di determinati requisiti (articolo 1, commi 54-89, legge n. 190/2014).

Successivamente, la legge di Bilancio 2019, ha modificato, con portata estensiva, l’ambito di applicazione del regime (articolo 1, commi da 9 a 11, della legge n. 145/2018) e la legge di Bilancio 2020 ha previsto alcune cause ostative (articolo 1, comma 692 della legge n. 160/2019).
In particolare, con riferimento al dubbio dell’istante, in base al comma 57, lettera b), articolo 1 della legge n. 190/2014 non possono avvalersi di tale regime i soggetti non residenti, a meno che non risiedano in uno degli Stati Ue o in uno Stato aderente all’Accordo sullo Spazio economico europeo che assicuri un adeguato scambio di informazioni e che producano in Italia almeno il 75% del reddito complessivo.

Alla luce di questa causa ostativa, l’Agenzia ritiene che l’istante non possa fruire del regime desiderato, in quanto il Paese in cui risiede appartiene all’Efta (European fair trade association), ma diversamente dagli altri Stati membri dell’associazione di libero scambio, non fa parte dello Spazio economico europeo, non avendo sottoscritto il relativo accordo.
Pertanto, la contribuente, conclude l’Agenzia, non può applicare il regime agevolativo, finché permane la condizione di residenza extra-Ue e fermo restando, in ogni caso, la produzione di reddito in Italia in misura prevalente rispetto al reddito complessivamente prodotto.

Condividi su:
Senza Spazio economico europeo non c’è posto per il forfetario

Ultimi articoli

Normativa e prassi 28 Ottobre 2020

Sì al modello 770 per l’ente autonomo che ha versato le ritenute Irpef con F24Ep

Un istituto autonomo del Mibact che ha effettuato, come sostituto di imposta, le ritenute Irpef sui redditi di lavoro autonomo versandole con gli F24Ep e comunicandole tramite le certificazioni uniche, è tenuto a presentare, il modello di dichiarazione 770.

Attualità 28 Ottobre 2020

Il virus ha ripreso la sua corsa: arriva il decreto “Ristori”

Corrono i contagi e corre l’Esecutivo ad alleviare la sofferenza recata alle attività economiche chiuse o “rallentate” dalle nuove misure restrittive.

Normativa e prassi 28 Ottobre 2020

Country by Country reporting, aggiornate le regole di compilazione

Nuova versione per le modalità di presentazione all’Agenzia delle entrate della rendicontazione Paese per paese in applicazione del decreto del Mef 23 febbraio 2017 in materia di scambio automatico obbligatorio di informazioni nel settore fiscale.

Normativa e prassi 28 Ottobre 2020

Fusione successiva al 1° gennaio 2020, esonero Irap con soglia individuale

Le società che a seguito di un’operazione di riorganizzazione aziendale sono state incorporate dalla controllante con efficacia giuridica, contabile e fiscale dal 1° gennaio 2020, devono determinare singolarmente e in via autonoma i ricavi relativi al periodo d’imposta 2019 per l’eventuale accesso all’esenzione del saldo Irap 2019 prevista dal Dl “Rilancio”.

torna all'inizio del contenuto