Normativa e prassi

20 Aprile 2020

Specifiche tecniche e-fatture: un aggiornamento e un rinvio

Doppia chance per la trasmissione delle fatture elettroniche tramite Sdi. Il provvedimento del 20 aprile 2020 oltre ad aggiornare le specifiche tecniche approvate lo scorso 28 febbraio, stabilisce che il loro utilizzo è consentito a partire dal 1° ottobre 2020 ma che, fino al 31 dicembre 2020, è ancora possibile effettuare l’invio secondo il tracciato approvato il 30 aprile 2018.

I nuovi termini rispondono alle esigenze sorte a seguito dell’emergenza epidemiologica Covid-19 e vanno incontro alle istanze degli operatori e delle associazioni di categoria che hanno chiesto più tempo per adeguarsi ai nuovi tracciati. Il provvedimento del 28 febbraio, ricordiamo, faceva scattare l’utilizzo delle nuove regole di trasmissione a partire dal 4 maggio 2020 pur consentendo, fino al 30 settembre 2020, anche l’utilizzo del tracciato approvato il 30 aprile 2018.

In pratica, dal prossimo 1° ottobre e fino al 31 dicembre 2020, il Sistema di interscambio, per garantire la continuità dei servizi e il graduale adeguamento alle nuove specifiche, accetterà sia le fatture elettroniche e note di variazione predisposte secondo le specifiche tecniche allegate al provvedimento odierno sia quelle trasmesse con lo schema attualmente in vigore.
Dal 1° gennaio 2021 il doppio binario non sarà più percorribile e sarà valido soltanto il tracciato informatico approvato oggi.
Il provvedimento precisa, inoltre, che, accogliendo le istanze degli operatori e delle associazioni di categoria, nella nuova versione delle specifiche tecniche sono state aggiornate le date di fine validità per alcuni codici e modificata la data di entrata in vigore di alcuni controlli.

Condividi su:
Specifiche tecniche e-fatture: un aggiornamento e un rinvio

Ultimi articoli

Normativa e prassi 4 Agosto 2020

Accesso ai documenti dell’Agenzia: tracciate le tre strade percorribili

Con il provvedimento del 4 agosto 2020, siglato dal direttore dell’Agenzia delle entrate Ernesto Maria Ruffini, sono delineati i criteri e le modalità per l’esercizio, presso l’Amministrazione, dei tre tipi di accesso – documentale, civico semplice e civico generalizzato – e definiti la procedura da seguire, i soggetti legittimati a presentare la richiesta e i casi di esclusione o diniego.

Normativa e prassi 4 Agosto 2020

Microimprese e “Oic adopter”: “imputazione fiscale” dell’indennizzo

Con la risposta alla consulenza giuridica n. 9 del 4 agosto 2020, l’istante ha chiesto la corretta individuazione del periodo di competenza dei componenti reddituali diversi dalle cessioni di beni o prestazione di servizi, per le microimprese e per gli “Oic adopter” (quei soggetti, cioè, che non adottano i principi contabili internazionali Ifrs).

Normativa e prassi 4 Agosto 2020

Cessione di fabbricato da ultimare, non può fruire dell’esenzione Iva

Con la risposta n. 241 del 4 agosto 2020, l’Agenzia delle entrate ha fornito dei chiarimenti sul corretto trattamento fiscale ai fini Iva, Ires e delle imposte di registro e ipo-catastali da applicare a un contratto di compravendita di un ex albergo acquistato dall’istante, di cui un terzo sarà demolito e adibito ad area verde, un terzo sarà trasformato in residenza per anziani e un terzo sarà destinato alla realizzazione di un complesso residenziale abitativo.

Normativa e prassi 3 Agosto 2020

Niente esenzione Iva per la gestione “parziale” della casa di riposo

Le prestazioni di servizi svolte dalla società presso una Rsa non sono esenti da Iva se, precisa la risposta n.

torna all'inizio del contenuto