Attualità

16 Aprile 2020

Osservatorio mercato immobiliare: è in rete il calendario del 2020

L’Osservatorio del mercato immobiliare dell’Agenzia delle Entrate ha reso disponibile il calendario delle pubblicazioni che verranno diffuse nel corso dell’anno. Si tratta di una vera e propria road map che permette di conoscere i vari appuntamenti con le statistiche, i report e gli approfondimenti curati dalla direzione centrale Servizi estimativi e Osservatorio mercato immobiliare che riguardano il mercato del mattone e, più in generale, l’immobiliare in Italia.

Gli appuntamenti di maggio
Nel mese di maggio l’Omi diffonderà due report di riepilogo dell’andamento del mercato immobiliare nel 2019. In particolare, il 21 maggio verrà pubblicato il Rapporto immobiliare residenziale, un’analisi completa del mercato delle abitazioni (comprese le pertinenze) dove vengono illustrati i dati di consuntivo annuo dei volumi di compravendita, delle superfici, dei valori di scambio, degli acquisti assistiti da mutui ipotecari e delle locazioni. Il 28 maggio, invece, sarà la volta del Rapporto immobiliare non residenziale, una fotografia del trend di mercato di negozi, uffici e capannoni che rappresentano il comparto immobiliare commerciale, terziario e produttivo. Anche in questo caso vengono riportate analisi territoriali dello stock, dei volumi di compravendita e delle quotazioni delle diverse tipologie immobiliari.

Le statistiche trimestrali e i sondaggi congiunturali
Il 5 giugno prossimo verranno diffusi i primi dati ufficiali sull’andamento del mercato immobiliare italiano nel 2020 e, in particolare, del primo trimestre dell’anno. Si tratta di due pubblicazioni, una per il settore residenziale e una per quello non residenziale, che incrociano e analizzano i dati desunti dalle note di trascrizione degli atti di compravendita, registrati presso gli uffici di Pubblicità Immobiliare dell’Agenzia, con gli archivi del Catasto edilizio urbano. All’interno delle Statistiche trimestrali si trovano approfondimenti e dettagli per aree geografiche, capoluoghi e grandi città, oltre ad una panoramica del contesto economico del periodo oggetto di analisi. I dati relativi al secondo trimestre dell’anno verranno diffusi il 15 settembre, mentre il 3 dicembre saranno pubblicati quelli relativi al terzo trimestre.
Le Statistiche trimestrali vengono anticipate di qualche settimana da un’altra pubblicazione, realizzata dalla Banca d’Italia in collaborazione con Omi e Tecnoborsa. Si tratta del Sondaggio congiunturale sul mercato delle abitazioni in Italia, che raccoglie le opinioni degli agenti immobiliari e degli operatori del settore sull’andamento del mercato nel trimestre di riferimento, con riferimento alle compravendite realizzate, ai prezzi, ai canoni e alle loro attese per il futuro.

Gli appuntamenti dell’estate
Il 19 giugno arrivano le Statistiche regionali sul mercato delle abitazioni, realizzate dalle direzioni regionali e dagli uffici provinciali – Territorio dell’Agenza in collaborazione con la direzione centrale Seomi. Ogni report approfondisce i vari mercati locali, mettendo in evidenza la composizione, la dinamica e indagando a fondo i dati dei singoli mercati provinciali. In questo caso il periodo di riferimento è l’interno anno 2019.
Il 21 luglio saranno poi pubblicate le Statistiche catastali, una sintesi completa dell’intero patrimonio immobiliare italiano (circa 72 milioni di immobili) così come censito nella banca dati del Catasto edilizio urbano, aggiornato al 31 dicembre di ogni anno.

Il rapporto sui mutui ipotecari
Da qualche anno l’Osservatorio del mercato immobiliare rende disponibile una nuova pubblicazione tutta dedicata ai mutui ipotecari. Il Rapporto mutui ipotecari, che verrà pubblicato il 15 ottobre, analizza i dati desunti dagli atti di iscrizione ipotecaria a garanzia dei mutui e contiene informazioni sul numero di immobili ipotecati, sul capitale finanziato, sui tassi di interesse applicati alla prima rata e le durate dei finanziamenti, mediante una classificazione per tipo di atto e per aree geografiche.

L’aggiornamento delle banche dati
Come ogni anno, gli aggiornamenti della banca dati OMI dei volumi delle compravendite seguono la pubblicazione delle Statistiche trimestrali. L’ultimo aggiornamento, invece, della banca dati delle quotazioni è avvenuto il 13 marzo, mentre il prossimo sarà il 15 ottobre.

I quaderni dell’Osservatorio chiudono l’anno
Le pubblicazioni Omi per il 2020 si chiudono con i Quaderni dell’Osservatorio, che saranno online appena prima di Natale. Si tratta di approfondimenti che non trovano spazio nelle consuete pubblicazioni ma che offrono comunque nuovi spunti di riflessione. Inoltre, ospita al suo interno importanti contributi sul mercato immobiliare italiano scritti da esperti del settore.

Condividi su:
Osservatorio mercato immobiliare: è in rete il calendario del 2020

Ultimi articoli

Attualità 28 Settembre 2020

Elenchi cinque per mille 2020, ultima chance: remissione in bonis

Scade il prossimo mercoledì 30 settembre il tempo per tutti gli enti, non inseriti negli elenchi permanenti e comunque interessati a partecipare alla ripartizione del beneficio nelle diverse categorie individuate, che non hanno assolto in tutto o in parte entro i termini di scadenza gli adempimenti previsti per l’ammissione al contributo, relativo al 2020.

Normativa e prassi 25 Settembre 2020

Acquisti on line con lo sconto Reddito zero per il dipendente

La riduzione sul prezzo dei beni acquistati dal dipendente attraverso una piattaforma web in base a uno specifico accordo tra e-commerce e datore di lavoro non genera reddito imponibile, in quanto, il prezzo scontato, versato dal dipendente corrisponde al “valore normale” del prodotto.

Normativa e prassi 25 Settembre 2020

Contributi a Ente bilaterale: non imponibili se obbligatori

I versamenti effettuati da un datore di lavoro a un Ente bilaterale non vanno assoggettati a ritenuta se il contratto, l’accordo o il regolamento aziendale prevedono soltanto l’obbligo per il datore di fornire prestazioni assistenziali e questo sceglie di garantirsi una copertura economica iscrivendosi all’Ente.

Normativa e prassi 25 Settembre 2020

Contratto con i cittadini stranieri: i codici per il contributo forfettario

Istituiti tre codici tributo “CFZP”, “CFAS” e “CFLD” da utilizzare per il versamento, tramite il modello F24 Elide, dei contributi forfettari previsti per l’emersione del lavoro irregolare, rispettivamente  nel campo dell’agricoltura,  nei settori assistenza alla persona e nel lavoro domestico.

torna all'inizio del contenuto