Normativa e prassi

2 Aprile 2020

Imposta “mista” pagata all’estero: sì al credito per quella sul reddito

La quota riferibile al reddito, dell’imposta “mista” straniera Fct (la “Foreign contractor tax”), pagata oltre confine dalla stabile organizzazione di una società residente, può essere sottratta dall’imposta sui redditi dovuta in Italia, attraverso il meccanismo del credito d’imposta, come previsto dall’articolo 165 del Tuir. Questo anche se la Fct è stata introdotta successivamente alla stipula della Convenzione contro le doppie imposizioni, con il Paese estero “teatro” della tassazione, e quindi non è elencata tra le imposte considerate nel Trattato.

È la sintesi della risposta n. 100/E del 2 aprile 2020, con la quale l’Agenzia delle entrate ha fornito l’auspicato chiarimento a una società italiana che, tramite la sua stabile organizzazione, ha sottoscritto, con un ente pubblico straniero, un contratto per la fornitura, l’installazione e la manutenzione di un sistema di monitoraggio idro-meteorologico e, sul “ricavato” dell’operazione, deve versare la richiamata tassa locale Foreign contractor tax. Un’imposta “mista”, costituita da una parte relativa all’Iva e da un’altra riferibile alla tassazione del reddito dell’attività di impresa, nella forma di “enterprise income taxation“, sulla quale appunto la contribuente, per disinnescare la doppia imposizione, chiede di poter fruire del credito d’imposta per le imposte assolte all’estero.

In particolare, la Fct è un’imposta applicabile alle società ed enti non residenti che svolgono un’attività d’impresa o producono un reddito in qualità di “foreign contractors“, ossia di un soggetto estero (sia società che persona fisica), operante in tale Paese sulla base di un contratto concluso tra lo stesso o un subappaltatore estero e una controparte estera.

Partendo dal presupposto che la stessa Convenzione prevede che le sue disposizioni si applichino anche alle imposte di natura identica o analoga istituite dopo la sua firma, in aggiunta o in sostituzione delle imposte esistenti, l’Agenzia effettua una ricognizione del tributo straniero, appurando la natura di imposta sui redditi della componente diversa dall’Iva della Fct, per la successiva fruizione del credito per le imposte pagate all’estero dalla società. 

Poi, dall’esame della documentazione presentata dall’istante, rileva che, nel caso, ricorre anche un altro requisito previsto dall’articolo 165, primo comma del Tuir, cioè che, per essere scomputate in detrazione dell’imposta netta dovuta le imposte pagate all’estero sui redditi devono essere versate a titolo definitivo. Negli atti, infatti si evince che entrambe le componenti della Fct sono riscosse mediante ritenuta operata dalla società residente, prima dell’effettuazione del pagamento nei confronti della controparte contrattuale estera e poi quest’ultima attua la rifusione degli importi corrispondenti a favore della prima entità, che ha operato in veste di sostituto d’imposta.

In tema di requisiti, inoltre, l’amministrazione richiama anche un suo documento di prassi, la circolare n. 9/E del 2015, nella quale ha precisato che le condizioni richieste per il beneficio del credito d’imposta (articolo 165, Tuir) sono la produzione di un reddito estero, il suo concorso alla formazione del reddito complessivo del contribuente e il pagamento delle imposte all’estero a titolo definitivo. 

In particolare, con riguardo al requisito del concorso del reddito estero alla formazione del reddito complessivo del contribuente, il documento di prassi chiarisce che l’operatività dell’istituto è limitata ai tributi stranieri che si sostanziano in un’imposta sul reddito o, quanto meno, in tributi con natura similare, ritenendo accreditabili, ai fini dell’articolo 165 Tuir anche le prestazioni patrimoniali dovute ex lege e il cui presupposto consista nel possesso di un reddito.
Tanto premesso, l’Agenzia ritiene verificato anche tale presupposto, in quanto la componente riferita all’imposta sul reddito della Fct si configura come una prestazione patrimoniale coattiva, prelevata in ragione del possesso di un reddito, in capo alla società italiana. 
Nel caso, infatti, “il reddito deriva dalla stipula di un contratto d’appalto per la fornitura, installazione e manutenzione di un sistema di monitoraggio idro-meteorologico, mediante lo svolgimento di un’attività d’impresa in…. attraverso un cantiere la cui durata è, in base a quanto riferito nell’istanza, idonea a configurare l’esistenza di una stabile organizzazione nel Paese estero. Nel presupposto, pertanto, che l’attività d’impresa sia effettivamente svolta in …. Mediante una stabile organizzazione e che il pagamento delle imposte ivi dovute per tale attività avvenga a titolo definitivo, si ritiene che l’istante possa fruire del credito … nei limiti e alle condizioni dell’articolo 165, Tuir”.

Condividi su:
Imposta “mista” pagata all’estero: sì al credito per quella sul reddito

Ultimi articoli

Attualità 27 Settembre 2022

Bonus digitalizzazione tour operator, autorizzazioni al via da fine mese

Fissati, in un avviso del 21 settembre 2022, pubblicato sul sito del Mit, i termini di presentazione delle ulteriori richieste di autorizzazione all’utilizzo del bonus digitalizzazione destinato ad agenzie turistiche e tour operator.

Analisi e commenti 26 Settembre 2022

“Aiuti ter” – 1: a novembre un nuovo bonus di 150 euro

Un ulteriore aiuto economico per le famiglie alle prese con l’aumento dei prezzi al consumo.

Attualità 26 Settembre 2022

Bonus per il rientro dei “cervelli”, proroga entro il 27 settembre

I ricercatori e i docenti iscritti all’Aire o cittadini Ue, tornati in Italia prima del 2020, che al 31 dicembre 2019 risultavano beneficiari del bonus fiscale, introdotto per incentivare il rientro dei “cervelli” nel nostro Paese, e che entro il 31 dicembre 2021 hanno concluso il primo periodo di fruizione dell’agevolazione, hanno tempo fino a domani, martedì 27 settembre, per versare l’una tantum necessaria a prorogare il regime agevolato.

Normativa e prassi 24 Settembre 2022

In Gazzetta il “decreto Aiuti ter”, altre misure contro il caro energia

Articolo Contenuto 1 Bonus energetici alle impreseProrogati temporalmente e potenziati quantitativamente i contributi straordinari alle imprese per l’acquisto di energia e gas, riconosciuti sotto forma di credito d’imposta: per quelle “energivore”, il bonus è pari al 40% delle spese sostenute per la componente energetica acquistata e utilizzata nei mesi di ottobre e novembre 2022 (per il periodo luglio-settembre è stato al 25%); per le “gasivore”, il bonus è pari al 40% della spesa sostenuta per l’acquisto del gas naturale, consumato nei mesi di ottobre e novembre 2022, per usi energetici diversi da quelli termoelettrici (per il terzo trimestre è stato al 25%); per le imprese “non energivore” dotate di contatori con potenza pari almeno a 4,5 kW (in questo caso, è anche ampliata la platea dei beneficiari, in quanto, precedentemente, il limite era fissato a 16,5 kW), il bonus è pari al 30% della spesa sostenuta per l’acquisto della componente energetica utilizzata nei mesi di ottobre e novembre 2022 (per il trimestre luglio-settembre è stato al 15%); per le imprese “non gasivore”, il bonus è pari al 40% della spesa sostenuta per l’acquisto del gas naturale, consumato nei mesi di ottobre e novembre 2022, per usi energetici diversi da quelli termoelettrici (per il terzo trimestre è stato al 25%).

torna all'inizio del contenuto