Attualità

23 Novembre 2018

Check-in tramite smartphonee poi, spediti, verso lo sportello

Attualità

Check-in tramite smartphone
e poi, spediti, verso lo sportello

Nessun biglietto da ritirare al front office né ulteriori autenticazioni rispetto alle informazioni già inserite al momento della prenotazione, è tutto già scritto sul cellulare

immagine della schermata dell'app
L’Agenzia delle entrate taglia ancora i tempi di attesa. Niente più sosta al banco di prima informazione per chi prenota un appuntamento in ufficio tramite smartphone o tablet. È infatti attiva la nuova funzionalità dell’app mobile “AgenziaEntrate”, che consente all’utente di effettuare il check-in on line e di visualizzare sul cellulare il proprio ticket virtuale.
 
L’Amministrazione finanziaria, insomma, non resta ferma e, con il costante aggiornamento dei suoi sistemi digitali, rende sempre più “spedito” il percorso per ricevere assistenza e chiarimenti presso gli uffici territoriali. Tra gli strumenti messi a disposizione per velocizzare e semplificare la richiesta di consulenza, ricordiamo, ad esempio, il servizio web-ticket, attraverso il quale è possibile prenotare un appuntamento per il giorno stesso, da mobile o tramite internet.
 
Tornando all’ultima innovazione, la nuova versione dell’app permette all’utente di:

  • visionare gli appuntamenti del giorno
  • visualizzare le informazioni di dettaglio
  • vedere i numeri dei ticket in attesa di essere chiamati
  • effettuare il check-in.  

In sintesi, questo il “percorso” da seguire dalla richiesta di assistenza fino all’arrivo in ufficio:

  1. una volta lanciata l’app, l’utente prenota l’incontro attraverso la funzione “Prenota appuntamento” dal pulsante “Appuntamenti”
  2. arrivata la data stabilita, l’utente troverà traccia dell’appuntamento nella nuova funzionalità attivabile dal pulsante “Effettua il check in”
  3. a questo punto, comparirà una schermata con gli appuntamenti prenotati dall’utente per quel giorno
  4. espandendo l’appuntamento desiderato, saranno visibili le informazioni di dettaglio e il pulsante per il “check in”
  5. premuto il pulsante “check in” (ma solo all’interno dell’ufficio), l’utente visualizzerà sul dispositivo mobile il suo biglietto “elimina code”.

L’applicazione può essere scaricata gratuitamente su smartphone o tablet, dagli store Ios, Google e Microsoft e consente, riassumendo, di:

  • richiedere il Pin necessario per l’utilizzo dei servizi telematici Fisconline ed Entratel
  • accedere al cassetto fiscale e alla dichiarazione precompilata
  • prenotare un appuntamento presso un ufficio dell’Agenzia e visualizzare le prenotazioni effettuate
  • prenotare online il ticket per andare in ufficio lo stesso giorno evitando inutili attese
  • controllare esattamente quando è il proprio turno allo sportello
  • effettuare il check-in
  • visualizzare sul proprio dispositivo, anche se non si è presenti in sala di attesa, il display di sala che mostra lo stato della coda in tempo reale.

pubblicato Venerdì 23 Novembre 2018

Condividi su:
Check-in tramite smartphonee poi, spediti, verso lo sportello

Ultimi articoli

Normativa e prassi 25 Settembre 2020

Acquisti on line con lo sconto Reddito zero per il dipendente

La riduzione sul prezzo dei beni acquistati dal dipendente attraverso una piattaforma web in base a uno specifico accordo tra e-commerce e datore di lavoro non genera reddito imponibile, in quanto, il prezzo scontato, versato dal dipendente corrisponde al “valore normale” del prodotto.

Normativa e prassi 25 Settembre 2020

Contributi a Ente bilaterale: non imponibili se obbligatori

I versamenti effettuati da un datore di lavoro a un Ente bilaterale non vanno assoggettati a ritenuta se il contratto, l’accordo o il regolamento aziendale prevedono soltanto l’obbligo per il datore di fornire prestazioni assistenziali e questo sceglie di garantirsi una copertura economica iscrivendosi all’Ente.

Normativa e prassi 25 Settembre 2020

Contratto con i cittadini stranieri: i codici per il contributo forfettario

Istituiti tre codici tributo “CFZP”, “CFAS” e “CFLD” da utilizzare per il versamento, tramite il modello F24 Elide, dei contributi forfettari previsti per l’emersione del lavoro irregolare, rispettivamente  nel campo dell’agricoltura,  nei settori assistenza alla persona e nel lavoro domestico.

Normativa e prassi 25 Settembre 2020

Piano di welfare aziendale Il benefit alla prova fiscale

Le utilità a carattere premiale legate al raggiungimento di uno specifico obiettivo economico di fatturato, dettagliatamente specificate nei Regolamenti aziendali di welfare ed erogate da una società ai dipendenti, non concorrono (quasi in toto) alla formazione del reddito di lavoro dipendente, perché destinate a beneficiari indistinti.

torna all'inizio del contenuto