Attualità

8 Novembre 2018

Sport bonus, on line i beneficiari.Dieci giorni per fare le erogazioni

Attualità

Sport bonus, on line i beneficiari.
Dieci giorni per fare le erogazioni

Gli enti destinatari delle liberalità, ricevuta la somma, entro il 27 novembre dovranno comunicare all’Ufficio dello sport, tramite apposito modulo, l’avvenuto versamento

Sport bonus, on line i beneficiari.|Dieci giorni per fare le erogazioni
Disponibile, sul sito della presidenza del Consiglio dei ministri, Ufficio per lo sport, l’elenco delle imprese ammesse al credito d’imposta previsto dalla legge di stabilità 2018 (articolo 1, commi da 363 a 366, legge 205/2017) per le erogazioni liberali in denaro effettuate per interventi di restauro o ristrutturazione degli impianti sportivi pubblici. Si tratta di coloro che hanno richiesto l’accesso al bonus utilizzando la “seconda finestra” prevista dalla norma (vedi “Sport bonus, seconda finestra: al via le domande tramite Pec”).
 
I beneficiari, identificati con il codice seriale, per non perdere l’opportunità, dovranno realizzare le donazioni entro il prossimo 17 novembre tramite bonifico bancario, bollettino postale, carte di debito, di credito e prepagate, oppure assegni bancari o circolari. Le modalità applicative del bonus sono state stabilite con il Dpcm 23 aprile 2018 (vedi “Disciplina dello sport bonus: arrivano le norme attuative”).
 
La scadenza successiva riguarda gli enti destinatari delle erogazioni liberali che, entro il 27 novembre 2018, dovranno comunicare all’Ufficio per lo sport l’avvenuto versamento in denaro, compilando l’apposito modulo e inviandolo per posta elettronica, preferibilmente certificata, a: ufficiosport@pec.governo.it.
 
L’ultima tappa è prevista per il prossimo 17 dicembre, che segna la scadenza per la pubblicazione, da parte dell’Ufficio per lo sport, della lista definitiva delle imprese a cui è riconosciuto il bonus.
 
Il credito d’imposta, ricordiamo, è utilizzabile in compensazione tramite F24, da presentare esclusivamente attraverso i servizi telematici dell’Agenzia delle entrate. Va indicato il codice tributo “6892”. Il bonus è riconosciuto, nel limite del 3 per mille dei ricavi annui, nella misura del 50% delle erogazioni fino a 40mila euro, ed è sfruttabile in tre quote annuali di pari importo in ciascuno degli esercizi finanziari 2018, 2019 e 2020.
 
Il primo elenco delle imprese beneficiarie dello “sport bonus” è stato pubblicato lo scorso 14 settembre.

pubblicato Giovedì 8 Novembre 2018

Condividi su:
Sport bonus, on line i beneficiari.Dieci giorni per fare le erogazioni

Ultimi articoli

Normativa e prassi 22 Settembre 2020

Split payment e reverse charge dentro la soglia del 10 per cento

Nel calcolo della soglia del 10 per cento dell’ammontare dei ricavi o compensi, tra i versamenti, deve essere considerata l’Iva relativa alle operazioni rese dalle imprese appaltatrici, affidatarie o subappaltatrici alla Pa, obbligata allo split payment, e anche l’Iva assolta dal committente in regime di inversione contabile.

Attualità 22 Settembre 2020

Superbonus 110%: nell’area ad hoc quattordici “domande frequenti”

Sul sito dell’Agenzia, nella sezione dedicata alla maxi-agevolazione del Superbonus 110% (vedi articolo “Superbonus 110%: in un click informazioni a “ciclo continuo”) dove è descritto tutto quello che c’è da sapere sullo sconto d’imposta introdotto dal Dl “Rilancio” per specifici interventi antisismici e di efficienza energetica, sono online le domande più frequenti sull’argomento con le relative risposte.

Normativa e prassi 22 Settembre 2020

Split payment e reverse charge rientrano nella soglia del 10 per cento

Nel calcolo della soglia del 10 per cento dell’ammontare dei ricavi o compensi, tra i versamenti, deve essere considerata l’Iva relativa alle operazioni rese dalle imprese appaltatrici, affidatarie o subappaltatrici alla Pa, obbligata allo split payment, e anche l’Iva assolta dal committente in regime di inversione contabile.

Normativa e prassi 22 Settembre 2020

Tax credit per beni strumentali, via libera al Comune senza Ires

Anche se fuori dal perimetro Ires, il Comune, nella sua attività di produzione e distribuzione di energia elettrica, può beneficiare del nuovo credito di imposta sugli investimenti in beni strumentali nuovi, istituito dalla legge di bilancio per il 2020 in sostituzione delle precedenti agevolazioni dell’iper e super ammortamento.

torna all'inizio del contenuto