Normativa e prassi

6 Luglio 2018

Cessioni di gasolio e benzina:sono operativi i servizi digitali

Normativa e prassi

Cessioni di gasolio e benzina:
sono operativi i servizi digitali

Devono essere utilizzati per la memorizzazione elettronica e la trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi giornalieri. Il primo invio va eseguito entro il prossimo 31 agosto

Cessioni di gasolio e benzina:|sono operativi i servizi digitali
L’Agenzia delle dogane e dei Monopoli, con la Nota n. 73285 del 5 luglio 2018, ha impartito le istruzioni operative per l’utilizzo dei servizi digitali per la trasmissione dei corrispettivi relativi alle cessioni di benzina e di gasolio.
 
L’adempimento
La legge di bilancio 2018, per prevenire e contrastare l’evasione fiscale e le frodi nel settore dei prodotti energetici, ha introdotto una serie di adempimenti finalizzati al presidio digitale delle transazioni di filiera. In particolare, a partire dal 1° luglio 2018, è in vigore l’obbligo di memorizzazione elettronica e trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi giornalieri relativi alle cessioni di benzina o di gasolio destinati a essere utilizzati come carburanti per motori (articolo 1, comma 909, punto 8, lettera b, legge 205/2017).
 
Con il provvedimento 28 maggio 2018 sono stati definiti i termini e le modalità per il nuovo adempimento, stabilendo che:

  • dal 1° luglio 2018 sono obbligati i soggetti che gestiscono distributori di benzina e gasolio a elevata automazione, che erogano unicamente in self-service prepagato muniti di sistemi automatizzati di telerilevazione dei dati di impianto, di terminali per il pagamento tramite accettatore di banconote, moneta elettronica (bancomat, carte di credito, prepagate, eccetera) e di sistemi informatici per la gestione in remoto dei dati di carico e di scarico delle quantità di carburante
  • le informazioni devono essere trasmesse con cadenza mensile entro l’ultimo giorno del mese successivo a quello di riferimento (pertanto, la prima trasmissione dovrà essere eseguita entro il prossimo 31 agosto)
  • con successivi provvedimenti saranno definiti i termini di avvio graduale per la restante platea di distributori. 

 
I servizi digitali
A disposizione dei soggetti tenuti all’adempimento sono stati predisposti specifici servizi digitali. Gli interessati (o un loro delegato), infatti, utilizzano l’applicazione “Corrispettivi distributori stradali di carburanti” disponibile sul Portale unico dogane (Pud), che comprende i seguenti servizi:

  • “invioDistributoriCarburanti”, per la trasmissione dei file
  • “annullamentoDistributoriCarburanti”, per annullare un file già inviato
  • “interopRservice”, per controllare lo stato dell’invio (o dell’annullamento)
  • “interopService”, per conoscere l’esito dell’operazione. 

Le istruzioni dettagliate per il corretto utilizzo dei servizi sono contenute nel Manuale operativo disponibile sul Pud.
 
Per accedere ai servizi (o per delegare un altro soggetto) gli interessati devono disporre di identità digitale (Spid livello 2 o Cns).
 
I nuovi servizi, già in ambiente di prova dallo scorso 30 aprile, sono immediatamente disponibili in ambiente di esercizio.

pubblicato Venerdì 6 Luglio 2018

Condividi su:
Cessioni di gasolio e benzina:sono operativi i servizi digitali

Ultimi articoli

Attualità 30 Gennaio 2023

Tempi stretti per le spese sanitarie del secondo semestre 2022

Strutture e operatori sanitari, medici, farmacie e veterinari non possono più rimandare.

Normativa e prassi 27 Gennaio 2023

“Tregua fiscale”, l’Agenzia delinea il perimetro applicativo

Dopo la circolare n. 1/2023 con la quale l’Agenzia delle entrate ha fornito i primi chiarimenti relativi alla definizione agevolata delle somme dovute a seguito del controllo automatizzato delle dichiarazioni (vedi articolo “Definizione degli avvisi bonari, tutte le novità sulla misura di favore”), con la circolare n.

Normativa e prassi 27 Gennaio 2023

Versione finale per il 770/2023 e specifiche tecniche per l’Iva

Con due distinti provvedimenti del 27 gennaio 2023, siglati dal direttore dell’Agenzia, sono approvati, in via definitiva, il modello 770, che i sostituti d’imposta dovranno utilizzare per comunicare i dati relativi alle ritenute operate nel 2022, e le specifiche tecniche, che consentiranno l’invio delle dichiarazioni Iva e Iva base, già approvate lo scorso 13 gennaio (vedi articolo “Modelli Iva e Iva base 2023: on line insieme alle istruzioni”).

Normativa e prassi 27 Gennaio 2023

Pensione di invalidità australiana a italiano: è esentasse ovunque

La “Disability support pension” erogata dall’amministrazione australiana a un contribuente in possesso sia della doppia cittadinanza sia della doppia residenza italiana e australiana, vista la natura assistenziale dell’emolumento, non è imponibile nel Paese d’oltreoceano e nemmeno in Italia.

torna all'inizio del contenuto