Normativa e prassi

1 Marzo 2018

Immissione in consumo carburanti:i modelli che assicurano la garanzia

Normativa e prassi

Immissione in consumo carburanti:
i modelli che assicurano la garanzia

Consentono la costituzione di un deposito vincolato in titoli di Stato, di una polizza fideiussoria o di una fideiussione bancaria per estrarre benzina e gasolio senza versare l’Iva

Immissione in consumo carburanti:|i modelli che assicurano la garanzia
L’Agenzia delle entrate ha approvato i modelli per la costituzione della garanzia richiesta dalla legge, nei casi in cui è possibile immettere in consumo da un deposito fiscale, o estrarre da un deposito di un destinatario registrato, benzina e gasolio per autotrazione senza il versamento dell’imposta (provvedimento 1° marzo 2018).
 
Disposizioni per il contrasto alle frodi nel settore degli olii minerali
La legge di bilancio 2018 ha introdotto una serie di norme per il contrasto dell’evasione Iva nel campo dei carburanti (gasolio e benzina) acquistati a livello intracomunitario e stoccati presso depositi fiscalmente riconosciuti (articolo 1, commi da 937 a 944, legge 205/2017).
 
In linea generale, si prevede che per la benzina o il gasolio destinati a essere utilizzati come carburanti per motori, introdotti in un deposito fiscale o in un deposito di un destinatario registrato, l’immissione in consumo o l’estrazione è subordinata al versamento dell’Iva mediante F24, senza possibilità di compensazione (con l’obbligo, peraltro, di indicare i riferimenti del versamento nel documento di accompagnamento).
 
I commi 940 e 941, peraltro, indicano le ipotesi in cui, se in possesso di determinati requisiti di affidabilità o in presenza di un’idonea garanzia, i soggetti che immettono in consumo da un deposito fiscale o estraggono da un deposito di un destinatario registrato benzina e gasolio possono procedere senza dover pagare l’Iva.
 
Con il decreto 13 febbraio 2018 sono state definite le modalità attuative della nuova disciplina (vedi “Carburanti nei depositi fiscali: regole operative per l’estrazione”).
 
In particolare, l’articolo 4 del decreto stabilisce che la garanzia, nei casi in cui essa è richiesta, deve essere prestata sotto forma di:

  • cauzione in titoli di Stato o garantiti dallo Stato, al valore nominale
  • ovvero di fideiussione bancaria o rilasciata da un’impresa commerciale ritenuta solvibile dall’Amministrazione finanziaria
  • ovvero di polizza fideiussoria rilasciata da un’impresa di assicurazione. 
    Per le piccole e medie imprese, la garanzia può essere prestata anche dai consorzi o dalle cooperative di garanzia collettiva fidi iscritti nell’apposito Albo.
    Pei i gruppi di società, con patrimonio superiore a 250 milioni di euro, la garanzia, invece, può essere prestata mediante diretta assunzione della capogruppo o della controllante dell’obbligazione di integrale restituzione della somma da versare all’Amministrazione finanziaria.
     
    I modelli per costituire la garanzia
    Con il provvedimento pubblicato oggi, l’Agenzia delle entrate ha approvato i modelli da utilizzare per la costituzione della garanzia:
  • modello per intermediari/banche per la costituzione di deposito vincolato in titoli di Stato o garantiti dallo Stato
  • modello per società/banche per il rilascio di polizza fideiussoria o fideiussione bancaria. 
    Insieme ai modelli, sono state approvare anche le relative condizioni generali che regolano il rapporto tra il soggetto che rilascia la garanzia, o presso cui è istituito il deposito vincolato, e l’Agenzia delle entrate.
     
    Si ricorda, infine, che la garanzia deve essere:
  • prestata a favore del competente ufficio dell’Agenzia per l’importo corrispondente all’Iva dovuta e per la durata di dodici mesi dalla data di estrazione
  • accettata dall’Agenzia
  • comunicata al gestore del deposito.

pubblicato Giovedì 1 Marzo 2018

Condividi su:
Immissione in consumo carburanti:i modelli che assicurano la garanzia

Ultimi articoli

Normativa e prassi 23 Luglio 2021

Investimenti in beni strumentali, tutti i chiarimenti delle Entrate

Per gli investimenti che danno accesso al credito d’imposta effettuati dal 16 novembre 2020 (data di decorrenza della nuova disciplina introdotta dalla legge di bilancio 2021) al 31 dicembre 2020 (termine finale delle disposizioni previste dalla legge di bilancio 2020), o al 30 giugno 2021 nel caso degli investimenti “prenotati”, cioè con ordine accettato dal venditore e avvenuto pagamento di acconti in misura almeno pari al 20% del costo di acquisizione entro la data del 31 dicembre 2020, gli effetti del nuovo regime sono anticipati, senza attendere il 31 dicembre 2020, termine naturale delle precedenti misure.

Normativa e prassi 23 Luglio 2021

Importazioni e cessioni senza Iva per contrastare il Covid-19

Le modifiche al regime agevolativo per l’importazione in esenzione da Iva e dazi degli strumenti necessari a prevenire e ostacolare la pandemia non hanno mutato la ratio e le finalità della misura.

Normativa e prassi 23 Luglio 2021

Dispositivo cardiaco con monitor, Kit unico con aliquota Iva al 4%

Con la risposta n. 504 del 23 luglio 2021 l’Agenzia delle entrate fornisce dei chiarimenti a una società che commercializza dispositivi medici contro i disturbi cardiovascolari, in merito all’aliquota Iva applicabile alle cessioni dei dispositivi per il monitoraggio da remoto acquistati in un Paese Ue e rivenduti sul territorio nazionale.

Normativa e prassi 23 Luglio 2021

Senza Iva le cessioni di gasolio da un deposito fiscale a un altro

Con la risposta n. 506 del 23 luglio 2021 l’Agenzia chiarisce che il trasferimento da un deposito fiscale a un altro deposito fiscale, in regime di accisa sospesa, di carburanti identificati con determinati codici di nomenclatura doganali (27101245, 27101249, 27101943, 27102011) regolarmente utilizzabili per motori autotrazione rientra sempre nell’ambito applicativo della disciplina di cui all’articolo 1, commi 937-939 della legge di bilancio 2018 (la n.

torna all'inizio del contenuto