Attualità

22 Gennaio 2018

Dichiarazioni per il 2017:on line le bozze di sei modelli

Attualità

Dichiarazioni per il 2017:
on line le bozze di sei modelli

Sono quelle relative alla determinazione del reddito delle persone fisiche e giuridiche, all’imposta regionale sulle attività produttive e alla tassazione di gruppo delle imprese

Dichiarazioni per il 2017:|on line le bozze di sei modelli
In vista della stagione dichiarativa 2018 (periodo d’imposta 2017), l’Agenzia delle entrate ha reso disponibili sul proprio sito le bozze dei modelli Redditi persone fisiche (Pf), Redditi enti non commerciali (Enc), Redditi società di persone (Sp), Redditi società di capitali (Sc), Irap e Consolidato nazionale e mondiale (Cnm), con le relative istruzioni per la compilazione.

I modelli sono stati “aggiornati” alla luce delle modifiche normative relative al 2017.
 
Sono molte, quindi, le novità rispetto alla modulistica dello scorso anno. All’interno di Redditi Pf, ad esempio, trovano posto la nuova disciplina fiscale prevista per le “locazioni brevi” e le nuove disposizioni in materia di premi di risultato e welfare aziendale (innalzato da 2mila euro a 3mila euro il limite dei premi di risultato da assoggettare a tassazione agevolata).
Nello stesso modello è stato introdotto il nuovo quadro LC dedicato alla liquidazione della cedolare secca.
Spazio anche alle percentuali di detrazione più ampie per le spese sostenute per gli interventi antisismici effettuati su parti comuni di edifici condominiali e per gli interventi che comportano una riduzione della classe di rischio sismico (sismabonus) e per alcune spese per interventi di riqualificazione energetica di parti comuni degli edifici condominiali (ecobonus).
 
Per quanto riguarda la determinazione del reddito d’impresa, invece, le principali novità recepite nei relativi modelli dichiarativi riguardano la proroga del super e dell’iper ammortamento e l’aliquota Ires che passa dal 27,5% al 24%.
Inoltre, le modalità applicative del regime di esenzione degli utili e delle perdite delle stabili organizzazioni (branch exemption) di imprese residenti sono state aggiornate alla luce delle indicazioni fornite con il provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate del 28 agosto 2017.
 
In materia di patent box, inoltre, è stato inserito un apposito prospetto che deve essere compilato da coloro che hanno esercitato l’opzione per il regime agevolato avente a oggetto i marchi d’impresa, per indicare il numero dei marchi e l’ammontare del reddito agevolabile.
 
Infine, i modelli sono stati aggiornati per la gestione della nuova modalità di determinazione del reddito d’impresa improntata al “criterio di cassa”.

pubblicato Lunedì 22 Gennaio 2018

Condividi su:
Dichiarazioni per il 2017:on line le bozze di sei modelli

Ultimi articoli

Normativa e prassi 23 Luglio 2021

Investimenti in beni strumentali, tutti i chiarimenti delle Entrate

Per gli investimenti che danno accesso al credito d’imposta effettuati dal 16 novembre 2020 (data di decorrenza della nuova disciplina introdotta dalla legge di bilancio 2021) al 31 dicembre 2020 (termine finale delle disposizioni previste dalla legge di bilancio 2020), o al 30 giugno 2021 nel caso degli investimenti “prenotati”, cioè con ordine accettato dal venditore e avvenuto pagamento di acconti in misura almeno pari al 20% del costo di acquisizione entro la data del 31 dicembre 2020, gli effetti del nuovo regime sono anticipati, senza attendere il 31 dicembre 2020, termine naturale delle precedenti misure.

Normativa e prassi 23 Luglio 2021

Importazioni e cessioni senza Iva per contrastare il Covid-19

Le modifiche al regime agevolativo per l’importazione in esenzione da Iva e dazi degli strumenti necessari a prevenire e ostacolare la pandemia non hanno mutato la ratio e le finalità della misura.

Normativa e prassi 23 Luglio 2021

Dispositivo cardiaco con monitor, Kit unico con aliquota Iva al 4%

Con la risposta n. 504 del 23 luglio 2021 l’Agenzia delle entrate fornisce dei chiarimenti a una società che commercializza dispositivi medici contro i disturbi cardiovascolari, in merito all’aliquota Iva applicabile alle cessioni dei dispositivi per il monitoraggio da remoto acquistati in un Paese Ue e rivenduti sul territorio nazionale.

Normativa e prassi 23 Luglio 2021

Senza Iva le cessioni di gasolio da un deposito fiscale a un altro

Con la risposta n. 506 del 23 luglio 2021 l’Agenzia chiarisce che il trasferimento da un deposito fiscale a un altro deposito fiscale, in regime di accisa sospesa, di carburanti identificati con determinati codici di nomenclatura doganali (27101245, 27101249, 27101943, 27102011) regolarmente utilizzabili per motori autotrazione rientra sempre nell’ambito applicativo della disciplina di cui all’articolo 1, commi 937-939 della legge di bilancio 2018 (la n.

torna all'inizio del contenuto