Normativa e prassi

15 Novembre 2017

Con F24, in tesoreria o alla posta:a dicembre, l’accisa è mobile

Normativa e prassi

Con F24, in tesoreria o alla posta:
a dicembre, l’accisa è mobile

Due diverse date di scadenza che dipendono dalla modalità scelta per il pagamento del tributo. È quanto previsto dal Dm del ministero dell’Economia pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale di ieri

Con F24, in tesoreria o alla posta:|a dicembre, l’accisa è mobile
In cassa entro il prossimo 18 dicembre per il pagamento, tramite F24, senza possibilità di compensare eventuali crediti, dell’accisa sull’alcole etilico, sulle bevande alcoliche e prodotti energetici diversi dal gas naturale, dal carbone, dalla lignite e dal coke, immessi in consumo dal 1° al 15 dicembre 2017.
 
Possono aspettare, invece, fino al 27 dicembre, i produttori che scelgono di effettuare gli stessi versamenti direttamente in tesoreria o tramite conto corrente postale.
 
A stabilire modalità e termini di versamento, come previsto dall’articolo 3, comma 4, del Testo unico 504/1995, il decreto Mef 31 ottobre 2017, pubblicato sulla Gazzetta ufficiale di ieri.

pubblicato Mercoledì 15 Novembre 2017

Condividi su:
Con F24, in tesoreria o alla posta:a dicembre, l’accisa è mobile

Ultimi articoli

Normativa e prassi 7 Febbraio 2023

Aggiornato il modello Iva 74-bis, va presentato dal 2023

Debutta il nuovo modello Iva 74-bis riservato ai curatori della liquidazione giudiziale e ai commissari liquidatori per dichiarare le operazioni effettuate nella frazione d’anno antecedente la dichiarazione di liquidazione.

Normativa e prassi 7 Febbraio 2023

Imprese energivore neocostituite. Per il bonus criterio di calcolo forfetario

Le imprese cosiddette “energivore” che autoconsumano l’energia prodotta, anche neocostituite, possono accedere al “credito d’imposta prodotti energetici” facendo riferimento ad un parametro  forfetario nella verifica dell’incremento del costo medio utilizzando i valori correlati all’acquisto del combustibile usato per la produzione di energia.

Normativa e prassi 7 Febbraio 2023

Il regime delle accise fa posto a destinatari e speditori certificati

Dall’evoluzione normativa che ha interessato il regime generale delle accise, spiccano due nuovi attori, il “destinatario certificato” e lo “speditore certificato”, introdotti dalla direttiva (Ue) 2020/262 e recepiti dall’ordinamento nazionale con il Dlgs n.

Analisi e commenti 7 Febbraio 2023

Tregua fiscale 5: conciliazione agevolata delle liti fiscali pendenti

La procedura (articolo 1, commi 206-212, legge 197/2022) riguarda le vertenze in cui è parte l’Agenzia delle entrate e prevede la sottoscrizione di un accordo conciliativo fuori udienza, fruendo della riduzione potenziata delle sanzioni (un diciottesimo del minimo edittale) e della possibilità di dilazionare il pagamento del dovuto in venti rate trimestrali.

torna all'inizio del contenuto