Normativa e prassi

22 Giugno 2017

Sentenze subito esecutive:arrivano i modelli per la garanzia

Normativa e prassi

Sentenze subito esecutive:
arrivano i modelli per la garanzia

Sono tre e vanno usati per la polizza fideiussoria (o fideiussione bancaria), l’assunzione di obbligazione da parte della capogruppo e per la costituzione di deposito vincolato

Sentenze subito esecutive:|arrivano i modelli per la garanzia
Approvati i modelli da utilizzare per prestare la garanzia per l’esecuzione delle sentenze di condanna a favore del contribuente.
È quanto stabilito dal decreto 18 maggio 2017 del Mef, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale di ieri.
L’adozione dei modelli si inserisce nel percorso di attuazione del principio di immediata esecutività delle sentenze di condanna al pagamento di somme in favore del contribuente (articolo 69, Dlgs 546/1992), introdotto nel nostro ordinamento nell’ambito della riforma del contenzioso tributario alla luce dei principi per la revisione del sistema fiscale indicati dalla legge delega 23/2014.
 
Il legislatore, peraltro, nel prevedere l’immediata esecutività delle sentenze, ha stabilito altresì che il pagamento di somme (diverse dalle spese di lite) per importi superiori a 10mila euro può essere subordinato dal giudice, anche tenuto conto delle condizioni di solvibilità dell’istante, alla prestazione di idonea garanzia, il cui costo è anticipato dal contribuente e grava sulla parte soccombente all’esito definitivo del giudizio.
 
Lo scorso 13 marzo è stato pubblicato il decreto Mef 22/2017 che disciplina il contenuto della garanzia, la sua durata e il termine entro il quale la stessa può essere escussa quando l’inerzia del contribuente, in riferimento alla restituzione delle somme garantite, si è protratta per un periodo di tre mesi (vedi “Immediata esecutività delle sentenze: in Gazzetta le regole per la garanzia”).
Il decreto prevede, inoltre, che la garanzia deve essere redatta “in conformità ai modelli approvati con decreto del direttore generale delle finanze” (articolo 1, comma 4).
 
Il decreto pubblicato ieri approva, dunque, i tre modelli da utilizzare per la prestazione della garanzia:

  • modello di polizza fideiussoria o fideiussione bancaria
  • modello per l’assunzione di obbligazione di pagamento da parte della capogruppo o controllante

modello per la costituzione di deposito vincolato in titoli di Stato o garantiti dallo Stato.

Gennaro Napolitano

pubblicato Giovedì 22 Giugno 2017

Condividi su:
Sentenze subito esecutive:arrivano i modelli per la garanzia

Ultimi articoli

Normativa e prassi 24 Settembre 2022

In Gazzetta il “decreto Aiuti ter”, altre misure contro il caro energia

Articolo Contenuto 1 Bonus energetici alle impreseProrogati temporalmente e potenziati quantitativamente i contributi straordinari alle imprese per l’acquisto di energia e gas, riconosciuti sotto forma di credito d’imposta: per quelle “energivore”, il bonus è pari al 40% delle spese sostenute per la componente energetica acquistata e utilizzata nei mesi di ottobre e novembre 2022 (per il periodo luglio-settembre è stato al 25%); per le “gasivore”, il bonus è pari al 40% della spesa sostenuta per l’acquisto del gas naturale, consumato nei mesi di ottobre e novembre 2022, per usi energetici diversi da quelli termoelettrici (per il terzo trimestre è stato al 25%); per le imprese “non energivore” dotate di contatori con potenza pari almeno a 4,5 kW (in questo caso, è anche ampliata la platea dei beneficiari, in quanto, precedentemente, il limite era fissato a 16,5 kW), il bonus è pari al 30% della spesa sostenuta per l’acquisto della componente energetica utilizzata nei mesi di ottobre e novembre 2022 (per il trimestre luglio-settembre è stato al 15%); per le imprese “non gasivore”, il bonus è pari al 40% della spesa sostenuta per l’acquisto del gas naturale, consumato nei mesi di ottobre e novembre 2022, per usi energetici diversi da quelli termoelettrici (per il terzo trimestre è stato al 25%).

Normativa e prassi 23 Settembre 2022

Spazio a nuovi codici tributo nel modello di pagamento F24

Con le risoluzioni n. 50, 51 e 52 del 23 settembre 2022 pronto un pacchetto di nuovi codici tributi.

Normativa e prassi 23 Settembre 2022

Fine della coppia di fatto, imposta di registro ordinaria

La cessione della propria quota dell’immobile acquistato in comunione con l’agevolazione “prima casa”, effettuata da un membro di una coppia di fatto in favore dell’altro, e non seguita dal riacquisto entro l’anno, comporta la decadenza dall’agevolazione fruita.

Normativa e prassi 23 Settembre 2022

Attività formativa all’estero, l’Iva dipende dall’ “allievo”

Con la risposta n. 469 del 23 settembre 2022, l’Agenzia ribadisce che le prestazioni didattiche e quelle accessorie, effettuate da una società in uno Stato estero in veste di ente ospitante, non sono territorialmente rilevanti in Italia quando rese a favore di un committente privato.

torna all'inizio del contenuto