Attualità

6 Giugno 2017

Mercato immobiliare: si rinnovanole pubblicazioni dell’Osservatorio

Nuove e perfezionate metodologie di elaborazione dei dati, nuovi contenuti e nuovo format grafico per i report periodici realizzati e diffusi dall’ufficio Statistiche e studi dell’Omi

Con l’edizione dedicata all’analisi dell’andamento del mercato immobiliare nel primo trimestre del 2017, le statistiche prodotte dall’Osservatorio del mercato immobiliare (Omi) dell’Agenzia delle Entrate cambiano nelle metodologie di elaborazione dei dati, nei contenuti proposti e nel format grafico. Tali novità, scaturite dall’entrata in vigore della norma (articolo 120-sexiesdecies del Dlgs 72/2016) che assegna all’Omi il controllo statistico sul mercato immobiliare residenziale nonché il compito di effettuare le comunicazioni ai fini dei controlli di vigilanza macro-prudenziale, ha reso necessario un ripensamento delle modalità di elaborazione e diffusione dei report periodici prodotti dall’ufficio Statistiche e studi.

La principale novità riguarda la distinzione tra settore residenziale e non residenziale.
A partire da questa uscita le analisi trimestrali saranno, quindi, contenute in due documenti separati: statistiche trimestrali del settore residenziale e statistiche trimestrali del settore non residenziale.
Nella prima saranno analizzati gli andamenti relativi alle abitazioni e alle pertinenze, in maggior parte riconducibili al settore residenziale, mentre nel secondo elaborato le analisi riguarderanno le unità immobiliari riconducibili ai settori terziario – commerciale e produttivo principalmente composte da uffici, negozi, depositi commerciali, capannoni e industrie.
Sarà, inoltre, resa disponibile una dettagliata nota metodologica con le specifiche tecniche utilizzate per la creazione della banca dati nonché i criteri seguiti per l’elaborazione dei dati.

I dati esposti nei citati report trovano, infatti, origine nella creazione di una innovativa e importante banca dati delle compravendite immobiliari. Per ottenere informazioni con il maggior dettaglio possibile, sono stati integrati, in un’unica base dati, archivi amministrativi di grandi dimensioni. L’esercizio di linkage ha visto coinvolti l’archivio della pubblicità immobiliare e la banca dati del catasto edilizio urbano.

Su questa nuova base dati, sono state operate procedure di selezione, incrocio e classificazione delle unità immobiliari oggetto di compravendita, diverse da quelle finora adottate.
In particolare, l’incrocio, tra l’archivio della pubblicità immobiliare e quello del catasto, ha permesso di prendere a riferimento quale informazione sulla tipologia del bene trasferito, non più l’informazione indicata dal notaio nella nota di trascrizione bensì i dati censuari desunti dalla base dati del catasto edilizio urbano.
Ciò ha reso necessario la revisione delle serie storiche finora pubblicate, riesame che non modifica quanto detto finora sull’andamento del mercato ovvero sulle variazioni, ma che impatta, seppure con incidenze contenute, sui livelli assoluti dei volumi di compravendite sino a oggi pubblicati.

Inoltre, grazie al miglioramento della qualità delle informazioni contenute nelle banche dati, frutto delle molteplici operazioni di “bonifica” operate in questi ultimi anni sui contenuti dell’archivio catastale, le statistiche trimestrali contengono anche dati di sintesi sulle superfici degli immobili scambiati, laddove l’informazione è presente in catasto.
Il processo di analisi e il miglioramento della nuova base dati proseguirà e, prossimamente, le informazioni pubblicate saranno arricchite con ulteriori importanti dettagli.

Questa nuova edizione rappresenta, quindi, un’importante tappa del processo di miglioramento del livello di trasparenza delle informazioni sul mercato degli immobili a cui l’Osservatorio del mercato immobiliare ha in questi anni volto particolare attenzione.
 

Condividi su:
Mercato immobiliare: si rinnovanole pubblicazioni dell’Osservatorio

Ultimi articoli

Normativa e prassi 24 Settembre 2022

In Gazzetta il “decreto Aiuti ter”, altre misure contro il caro energia

Articolo Contenuto 1 Bonus energetici alle impreseProrogati temporalmente e potenziati quantitativamente i contributi straordinari alle imprese per l’acquisto di energia e gas, riconosciuti sotto forma di credito d’imposta: per quelle “energivore”, il bonus è pari al 40% delle spese sostenute per la componente energetica acquistata e utilizzata nei mesi di ottobre e novembre 2022 (per il periodo luglio-settembre è stato al 25%); per le “gasivore”, il bonus è pari al 40% della spesa sostenuta per l’acquisto del gas naturale, consumato nei mesi di ottobre e novembre 2022, per usi energetici diversi da quelli termoelettrici (per il terzo trimestre è stato al 25%); per le imprese “non energivore” dotate di contatori con potenza pari almeno a 4,5 kW (in questo caso, è anche ampliata la platea dei beneficiari, in quanto, precedentemente, il limite era fissato a 16,5 kW), il bonus è pari al 30% della spesa sostenuta per l’acquisto della componente energetica utilizzata nei mesi di ottobre e novembre 2022 (per il trimestre luglio-settembre è stato al 15%); per le imprese “non gasivore”, il bonus è pari al 40% della spesa sostenuta per l’acquisto del gas naturale, consumato nei mesi di ottobre e novembre 2022, per usi energetici diversi da quelli termoelettrici (per il terzo trimestre è stato al 25%).

Normativa e prassi 23 Settembre 2022

Spazio a nuovi codici tributo nel modello di pagamento F24

Con le risoluzioni n. 50, 51 e 52 del 23 settembre 2022 pronto un pacchetto di nuovi codici tributi.

Normativa e prassi 23 Settembre 2022

Fine della coppia di fatto, imposta di registro ordinaria

La cessione della propria quota dell’immobile acquistato in comunione con l’agevolazione “prima casa”, effettuata da un membro di una coppia di fatto in favore dell’altro, e non seguita dal riacquisto entro l’anno, comporta la decadenza dall’agevolazione fruita.

Normativa e prassi 23 Settembre 2022

Attività formativa all’estero, l’Iva dipende dall’ “allievo”

Con la risposta n. 469 del 23 settembre 2022, l’Agenzia ribadisce che le prestazioni didattiche e quelle accessorie, effettuate da una società in uno Stato estero in veste di ente ospitante, non sono territorialmente rilevanti in Italia quando rese a favore di un committente privato.

torna all'inizio del contenuto