Attualità

24 Marzo 2017

Spesometro 2016: fino a 3mila euro dettaglianti, tour operator esonerati

Attualità

Spesometro 2016: fino a 3mila euro
dettaglianti, tour operator esonerati

Confermata l’esclusione per amministrazioni pubbliche e autonome. Chi ha già trasmesso i dati al Sistema tessera sanitaria, non è tenuto a inviare di nuovo quelle stesse informazioni

Spesometro 2016: fino a 3mila euro |dettaglianti, tour operator esonerati
In vista dell’appuntamento con la comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini Iva (10 e 20 aprile, rispettivamente per i contribuenti mensili e per quelli non mensili), l’Agenzia delle Entrate anticipa, con un comunicato stampa, i contenuti di un provvedimento di prossima pubblicazione sullo spesometro per l’anno d’imposta 2016.
 
In primis, viene ribadita la dispensa dall’adempimento per le amministrazioni pubbliche e quelle autonome.
Altra conferma riguarda i commercianti al dettaglio, che non avranno l’obbligo di comunicare le operazioni attive effettuate nel 2016 di importo inferiore a 3mila euro, al netto dell’Iva; i tour operator, invece, non dovranno segnalare quelle di importo unitario sotto i 3.600 euro, al lordo dell’imposta.
 
Inoltre, allo scopo di semplificare gli adempimenti di natura tributaria, i soggetti che hanno già trasmesso i dati al Sistema tessera sanitaria ai fini della predisposizione delle dichiarazioni precompilate, compresi gli ultimi chiamati in causa (psicologi, infermieri, ostetriche/i, tecnici sanitari di radiologia eccetera, iscritti ai rispettivi albi professionali), possono non riportare quei dati nel modello polivalente per lo spesometro. Tuttavia, è possibile inserirli (e, quindi, inviarli di nuovo), se ciò risulta più agevole dal punto di vista informatico.
 
Niente comunicazione, infine, delle cessioni di beni e delle prestazioni di servizi effettuate e ricevute nei confronti di operatori economici con sede in Paesi black list. L’obbligo, infatti, è stato eliminato dal Dl 193/2016 (collegato fiscale alla legge di bilancio 2017) a partire dall’anno d’imposta 2016. Anche in questo caso, comunque, se per il contribuente è più comodo continuare a trasmettere quelle informazioni per ragioni di carattere informatico, le stesse potranno essere inserite nel quadro BL o nei quadri FN e SE della Comunicazione polivalente 2017.

r.fo.

pubblicato Venerdì 24 Marzo 2017

Condividi su:
Spesometro 2016: fino a 3mila euro dettaglianti, tour operator esonerati

Ultimi articoli

Normativa e prassi 25 Novembre 2022

E-fattura: obbligatoria, ma non per la società extra-Ue

Con la risposta n. 575 del 25 novembre 2022, l’Agenzia ricorda che, dal 2019, sussiste l’obbligo di fatturazione elettronica, tramite il Sistema di interscambio, per tutte le operazioni effettuate tra soggetti residenti e stabiliti in Italia e di trasmissione telematica dei dati delle fatture emesse e ricevute verso e da operatori Iva.

Analisi e commenti 25 Novembre 2022

I cinquant’anni dell’Iva – 4 Le tappe dello sportello unico

Il commercio elettronico è un fenomeno, parte della più ampia categoria della Digital economy, in costante ascesa, che impone agli operatori economici impegnati in vendite cross border di effettuare gli adempimenti Iva vigenti nel Paese di consumo.

Normativa e prassi 25 Novembre 2022

Compensazioni Iva per il legno, la percentuale per il 2022 non cambia

Fissate con il decreto 10 ottobre 2022, siglato dal ministero dell’Economia e delle Finanze di concerto con il ministero delle Politiche Agricole, alimentari e forestali, pubblicato ieri, 24 novembre, in Gazzetta ufficiale con la serie generale n.

Normativa e prassi 24 Novembre 2022

Emissione e ricezione della e-fattura, regole tecniche allineate alla normativa

Definite le misure per l’emissione e la ricezione delle fatture elettroniche relative a cessioni di beni e prestazioni di servizi effettuate tra soggetti residenti o stabiliti nel territorio dello Stato, tramite sistema di interscambio e quelle per l’invio telematico dei dati delle operazioni transfrontaliere.

torna all'inizio del contenuto