Normativa e prassi

13 Gennaio 2022

Operazioni a premio con ritenuta, se a usufruirne sono operatori Iva

I premi ricevuti da titolari di partita Iva (piccole e medie imprese e professionisti), per effetto della sottoscrizione di contratti per la fornitura di energia elettrica e gas, rientrano nelle categorie reddituali del reddito d’impresa o di lavoro autonomo, pertanto, agli stessi, in base alle disposizioni contenute nell’articolo 30 del Dpr n. 600/1973, va applicata la ritenuta alla fonte con l’aliquota del 25% e con facoltà di rivalsa per la società promotrice dell’operazione.
Inoltre, prosegue l’Agenzia nella risposta n. 21 del 13 gennaio 2022, avendo possibilità di rivalsa, il sostituto d’imposta può decidere se addebitare la ritenuta oppure sopportarne il costo. In tale ultimo caso, trova applicazione quanto stabilito all’articolo 99, comma 1, del Tuir, secondo cui “le imposte sui redditi e quelle per le quali è prevista la rivalsa, anche facoltativa, non sono ammesse in deduzione”.
Nel caso in attenzione, la ritenuta, non essendo deducibile per il percettore del premio, non lo è neanche per colui che la opera in conseguenza del fatto che lo stesso ha rinunciato alla rivalsa, sia ai fini Ires sia Irap.

Ma veniamo alla questione prospettata. La società istante, parte di un gruppo, nell’ambito della sua attività di impresa, offre e vende contratti di fornitura di energia elettrica e di gas naturale e, per incentivare le vendite, ha deciso di promuovere un’operazione a premi disciplinata da un apposito Regolamento, il quale prevede che, per ogni nuova proposta di contratto sottoscritta, il destinatario avrà diritto a ricevere un premio a scelta (forno a microonde, macchina caffè, purificatore d’aria, eccetera).
L’istante, in particolare, precisa che i destinatari dell’operazione sono piccole e medie imprese e liberi professionisti, cioè titolari di partita Iva, con espressa esclusione di tutte quelle imprese che intrattengono con una o più società del gruppo rapporti contrattuali diversi da quelli della mera fornitura di energia elettrica o gas naturale ad uso consumo e pertanto non finalizzata alla rivendita di tali materie prime (vale a dire soggetti qualificati quali fornitori di prodotti o servizi di qualsiasi natura, consulenti, agenti, grossisti, rivenditori, eccetera).
Tanto in sintesi descritto, l’interpellante vuole sapere se è tenuta a operare la ritenuta alla fonte a titolo di imposta sui premi corrisposti. Inoltre, in caso lo sia e decida di non esercitare la rivalsa prevista dal comma 1, primo periodo, del richiamato articolo 30, se può dedurre il costo sopportato dal proprio reddito d’impresa, sia ai fini Ires che Irap.

L’Agenzia osserva che la norma di riferimento prevede l’applicazione della ritenuta nell’ipotesi in cui i premi siano riconducibili a una delle categorie reddituali previste dall’articolo 6 del Tuir e, poiché gli stessi, così come descritti nella questione prospettatale, sono ricevuti in conseguenza della sottoscrizione di un contratto di fornitura di energia, che i destinatari (Pmi e professionisti) utilizzano nell’ambito della propria attività, deducendone il relativo costo, rientrano nelle categorie reddituali del reddito d’impresa o di lavoro autonomo. Di conseguenza, va applicata la ritenuta con l’aliquota del 25% (articolo 30, secondo comma, Dpr n. 600/1973) con facoltà di rivalsa da parte della società istante.
Avendo tale possibilità, il sostituto d’imposta può decidere se addebitare la ritenuta oppure sopportarne il costo. In tale ultimo caso, trova applicazione, come detto in premessa, quanto stabilito all’articolo 99, comma 1, del Tuir.

La ritenuta in questione, quindi, non è deducibile in capo al soggetto passivo (percettore) e, di conseguenza, non può essere deducibile neanche per colui che opera la ritenuta e che ha rinunciato alla rivalsa. Questo sia ai fini Ires che Irap.

Condividi su:
Operazioni a premio con ritenuta, se a usufruirne sono operatori Iva

Ultimi articoli

Analisi e commenti 27 Gennaio 2022

Il Fisco nella legge di bilancio – 12 Professionista malato, termini sospesi

I liberi professionisti ammalati o infortunati possono temporaneamente saltare gli appuntamenti con il Fisco, purché la forzata astensione dal lavoro duri più di tre giorni.

Normativa e prassi 27 Gennaio 2022

Interventi energetici e antisismici: a ciascuno il suo stato di avanzamento

In un intervento di demolizione di due edifici con conseguente ricostruzione di un’unica unità abitativa, lo stato di avanzamento lavori pari al 30% del lavoro complessivo, che consente la fruizione dell’opzione cessione del credito, di cui l’istante intende beneficiare, deve essere riferito separatamente per ciascuno dei due interventi ammessi al Superbonus (efficientamento energetico e intervento antisismico), fermo restando il rispetto di tutte le altre condizioni previste dalla normativa.

Analisi e commenti 27 Gennaio 2022

Il settore immobiliare visto alla luce dei Big data

Tecniche di Data Mining per estrarre conoscenza dai Big data del settore immobiliare: su questo tema, Maurizio Festa, responsabile dell’ufficio Statistiche e Studi sul mercato immobiliare dell’Agenzia delle Entrate, ha pubblicato un’interessante studio sull’ultimo numero di Territorio Italia.

Normativa e prassi 26 Gennaio 2022

“Disallineamenti da ibridi”; pronti i chiarimenti definitivi

Chiusa la consultazione pubblica relativa a un primo schema di circolare sull’applicazione, alle controlled foreign companies, della disciplina dei “disallineamenti da ibridi” (vedi articolo “Disallineamenti da ibridi; aperta la consultazione pubblica”) introdotta dal decreto “Atad” (articoli 6 e 11 del Dlgs n.

torna all'inizio del contenuto