Normativa e prassi

27 Dicembre 2021

Cfc: chiarimenti e nuovi criteri post consultazione pubblica

Sono online sul sito dell’Agenzia delle entrate la circolare interpretativa n. 18/2021 contenente gli aggiornamenti definitivi sulla riforma della disciplina delle società controllate estere (Controlled foreign companies) e il provvedimento del 27 dicembre 2021, firmati oggi dal direttore Ernesto Maria Ruffini, con i nuovi criteri per determinare in modalità semplificata il requisito dell’effettivo livello di tassazione indicato dall’articolo 167, comma 4, lettera a) del Tuir, cioè la tassazione effettiva dell’utile inferiore al 50% di quella italiana. I chiarimenti definitivi fanno seguito alle osservazioni e alle proposte di modifica ricevute in occasione della consultazione pubblica avviata lo scorso luglio.

Circolare n. 18/E
La circolare di oggi offre una trattazione sistematica delle misure sulle Cfc che tiene conto delle modifiche previste da decreto Atad sul recepimento del pacchetto di norme antielusione varato dalla Commissione europea (Dlgs n. 142/2018) e dei contributi interpretativi forniti in occasione della   consultazione pubblica.
Fra i punti analizzati dal documento di prassi, i requisiti soggettivi e oggettivi, il requisito del controllo il livello di tassazione del controllato estero, la determinazione del livello impositivo estero effettivo confrontato con quello virtuale italiano, il conseguimento della società estera di proventi passive. Chiarimenti arrivano anche sulla circostanza esimente che in linea con la direttiva consente di escludere la tassazione per trasparenza se la società controllata estera svolge un’attività economica sostanziale sostenuta da personale e mezzi, ossia da una struttura che presenti una consistenza economica adeguata all’attività svolta, superando le due circostanze esimenti originariamente previste per la disapplicazione della disciplina. La dimostrazione dell’attuale esimente prevede la disponibilità di un adeguato set documentale da produrre in sede di interpello.
Altri punti di interesse riguardano il meccanismo di determinazione del reddito del soggetto estero e le operazioni straordinarie. Allegate alla circolare le tabelle riepilogative sulle modifiche alla disciplina delle Cfc e sulle disposizioni del Dm 429/2001, oltre ad esempi di documenti utili per dimostrare l’esimente anche nei particolari casi riguardanti le holding.

Provvedimento         
Stesse tematiche nel provvedimento siglato oggi dal direttore dell’Agenzia, con i nuovi criteri per verificare, con modalità semplificate, la congruità della tassazione effettiva estera rispetto a quella virtuale domestica, come indicato dall’articolo 167 comma 4 lettera a) del Tuir. Il provvedimento quindi tiene conto delle novità introdotte nella disciplina sulle Cfc e aggiorna quanto stabilito con il precedente provvedimento del 16 settembre 2016 che si deve ritenere superato. Il primo punto del provvedimento fornisce il significato delle definizioni rilevanti in tema di Cfc, fra cui quello inerente la “disciplina”, la “controllata”, la “tassazione effettiva estera”, la “tassazione virtuale interna”, il “decreto internazionalizzazione” e il “decreto Atad”. Gli altri punti di interesse trattati nel provvedimento riguardano le imposte estere da considerare ai fini della determinazione della tassazione effettiva estera, le imposte italiane da considerare ai fini della determinazione della tassazione virtuale interna, i criteri di determinazione della tassazione effettiva estera e della tassazione virtuale interna.
Viene infine confermata la possibilità di effettuare, in ciascun esercizio, i calcoli connessi alla tassazione effettiva estera e alla tassazione virtuale interna attribuendo rilevanza fiscale ai valori di bilancio della controllata estera o, in alternativa, di attivare il monitoraggio dei valori fiscali di riferimento durante il periodo di possesso della partecipazione di controllo nella entità estera, da effettuarsi attraverso una manifestazione di volontà, non modificabile, nel modello di dichiarazione dei redditi.

Condividi su:
Cfc: chiarimenti e nuovi criteri post consultazione pubblica

Ultimi articoli

Attualità 24 Gennaio 2022

Assegno unico e revisione Irpef: le peculiarità delle due riforme

Il sistema tax-benefit italiano è stato interessato da due importanti riforme, la revisione dell’Irpef e l’introduzione dell’assegno unico e universale per i nuclei familiari con figli minori di 21 anni.

Attualità 24 Gennaio 2022

Il catasto guarda al futuro, in campo tecniche e metodi d’avanguardia

Il 30 settembre 2021 sono entrate in conservazione nuove mappe catastali del comune di Offagna, in provincia di Ancona, prodotte nell’ambito di una iniziativa progettuale di natura sperimentale per la formazione di nuova cartografia catastale.

Normativa e prassi 21 Gennaio 2022

L’esenzione “parziale” dalle imposte ammette la cooperativa al Superbonus

La cooperativa sociale, che riveste contemporaneamente la qualifica di cooperativa di produzione e lavoro, in linea di principio esente dalle imposte sui redditi, la quale ha assoggettato a tassazione la quota dell’utile destinato a riserva legale a partire dall’anno 2012, può accedere al Superbonus, in quanto esente solo parzialmente.

Normativa e prassi 21 Gennaio 2022

Valido il credito d’imposta locazioni per l’affitto del centro commerciale

Può fruire del “bonus affitti” la società che tramite un contratto di locazione stipulato con un Fondo, da lei partecipato, ha a disposizione un immobile sede di un centro commerciale.

torna all'inizio del contenuto