Normativa e prassi

29 Settembre 2021

Importazioni e Iva assolta in dogana, detrazione al destinatario della merce

Con il principio n. 13 del 29 settembre 2021, l’Agenzia chiarisce che può detrarre l’Iva assolta in dogana, previa registrazione della bolletta doganale nel registro degli acquisti (articolo 25 del decreto Iva) e nel rispetto delle disposizioni previste dall’articolo 19, comma 1, ultimo periodo, dello stesso decreto, solo l’effettivo destinatario della merce importata, utilizzata nell’esercizio della propria attività. Questo perché “il diritto alla detrazione dell’imposta relativa ai beni e servizi acquistati o importati sorge nel momento in cui l’imposta diviene esigibile ed è esercitato al più tardi con la dichiarazione relativa all’anno in cui il diritto alla detrazione è sorto ed alle condizioni esistenti al momento della nascita del diritto medesimo”.

Per gli obblighi di registrazione e dell’esercizio del diritto alla detrazione dell’Iva, le regole a cui sono soggette le bollette doganali sono le stesse di quelle previste per le fatture di acquisto. Di conseguenza, sono validi i chiarimenti contenuti nella circolare n. 1/2018, in cui è stato evidenziato che il dies a quo dal quale decorre il termine per l’esercizio della detrazione coincide con il momento in cui, per il cessionario/committente, si verifica la duplice condizione disposta dalla norma:
a) sostanziale, ossia l’avvenuta esigibilità dell’imposta
b) formale, ossia il possesso di una valida fattura e/o di una bolletta doganale.

In pratica, conclude il principio di diritto, il diritto alla detrazione può essere esercitato nell’anno in cui il soggetto passivo, venuto in possesso del documento contabile, lo annota in contabilità, facendolo confluire nella liquidazione periodica relativa al mese o trimestre del periodo di competenza.

Condividi su:
Importazioni e Iva assolta in dogana, detrazione al destinatario della merce

Ultimi articoli

Normativa e prassi 27 Ottobre 2021

È pari al 100% la percentuale per il Cfp riduzione canoni affitto

La percentuale per il calcolo del contributo a fondo perduto per la riduzione del canone di locazione, prevista dall’articolo 9-quater del decreto “Ristori” è pari al 100% del quantum determinato, poiché le richieste pervenute sono inferiori alle risorse finanziarie disponibili.

Normativa e prassi 27 Ottobre 2021

Bonus Mezzogiorno e Zes: spazio ai nuovi ambiti applicativi

Il modello di comunicazione per la fruizione del credito d’imposta per gli investimenti nel Mezzogiorno, nei comuni del sisma del Centro-Italia e nelle zone economiche speciali (Zes) fa posto alle modifiche introdotte dal decreto “Semplificazioni” (articolo 57, comma 1, lettera b), n.

Normativa e prassi 27 Ottobre 2021

I servizi didattici sono senza Iva, se l’ente estero è accreditato al Muir

I servizi tesi alla certificazione delle competenze in lingua inglese, di musica e arti performative, resi a scuole pubbliche italiane, che operano in esenzione Iva, da una Charity educativa ed ente Certificatore internazionale, con sede legale nel Regno Unito, riconosciuto dal Miur, sono esonerati dall’applicazione dell’Iva.

Normativa e prassi 27 Ottobre 2021

Registrazione atti privati, il punto sulla sottoscrizione

Con la risposta n. 14 del 27 ottobre 2021 ad una consulenza giuridica, l’Agenzia delle entrate fa il punto sull’utilizzo delle firme elettroniche per la registrazione di atti privati e in particolare di contratti preliminari di compravendita.

torna all'inizio del contenuto