Attualità

24 Settembre 2021

E-fatture tra Italia e San Marino, il primo ottobre parte il rodaggio

Venerdì 1° ottobre inizia la fase sperimentale della fatturazione elettronica nell’ambito dei rapporti commerciali tra operatori italiani e sammarinesi. Tale fase, che prevede la possibilità di utilizzare ancora la “carta”, si concluderà il 30 giugno 2022, infatti, dal giorno successivo, la nuova modalità andrà a regime, diventando obbligatoria sia per le cessioni di beni che per le prestazioni di servizi.

Nel frattempo sono stati messi a punto tutti gli elementi – normativi (articolo 12 del decreto “Crescita”, Dm attuativo – vedi articolo  “Fattura elettronica al via tra Italia e San Marino” – e relativo provvedimento – vedi articolo “E-fatture tra San Marino e Italia, pronte le regole tecniche per partire”) e operativi (vedi articolo “E-fatture dirette a San Marino: predisposto il codice di ricezione”) – propedeutici all’inaugurazione della nuova procedura di fatturazione.

L’avvio della fatturazione elettronica tra Italia e San Marino, naturalmente, non incide sul profilo sostanziale degli scambi commerciali tra i due Paesi, in base al quale l’Iva è riscossa nel paese di destinazione, se l’acquirente è un operatore Iva, in quello di partenza, se un consumatore finale.
 

Condividi su:
E-fatture tra Italia e San Marino, il primo ottobre parte il rodaggio

Ultimi articoli

Normativa e prassi 27 Ottobre 2021

È pari al 100% la percentuale per il Cfp riduzione canoni affitto

La percentuale per il calcolo del contributo a fondo perduto per la riduzione del canone di locazione, prevista dall’articolo 9-quater del decreto “Ristori” è pari al 100% del quantum determinato, poiché le richieste pervenute sono inferiori alle risorse finanziarie disponibili.

Normativa e prassi 27 Ottobre 2021

Bonus Mezzogiorno e Zes: spazio ai nuovi ambiti applicativi

Il modello di comunicazione per la fruizione del credito d’imposta per gli investimenti nel Mezzogiorno, nei comuni del sisma del Centro-Italia e nelle zone economiche speciali (Zes) fa posto alle modifiche introdotte dal decreto “Semplificazioni” (articolo 57, comma 1, lettera b), n.

Normativa e prassi 27 Ottobre 2021

I servizi didattici sono senza Iva, se l’ente estero è accreditato al Muir

I servizi tesi alla certificazione delle competenze in lingua inglese, di musica e arti performative, resi a scuole pubbliche italiane, che operano in esenzione Iva, da una Charity educativa ed ente Certificatore internazionale, con sede legale nel Regno Unito, riconosciuto dal Miur, sono esonerati dall’applicazione dell’Iva.

Normativa e prassi 27 Ottobre 2021

Registrazione atti privati, il punto sulla sottoscrizione

Con la risposta n. 14 del 27 ottobre 2021 ad una consulenza giuridica, l’Agenzia delle entrate fa il punto sull’utilizzo delle firme elettroniche per la registrazione di atti privati e in particolare di contratti preliminari di compravendita.

torna all'inizio del contenuto