Attualità

22 Settembre 2021

Spese sanitarie 1° semestre 2021, comunicazioni entro il 30 settembre

Non sono ancora scaduti i termini per la presentazione dei redditi relativa al 2020 che già si riaccendono i motori per predisporre la precompilata 2022. Entro giovedì 30 settembre dovranno infatti essere trasmessi al Sistema tessera sanitaria i dati delle spese sanitarie e veterinarie sostenute nel primo semestre 2021, ai fini dell’elaborazione dei modelli da parte dell’Agenzia delle entrate.

Il termine semestrale, stabilito, in via transitoria per il 2020 e il 2021, dal decreto Mef 29 gennaio 2021, che ha modificato il precedente del 19 ottobre 2020, è stato prorogato, per quest’anno, dal 31 luglio al 30 settembre 2021 con il decreto Mef 23 luglio 2021 consentendo agli operatori, considerate le difficoltà legate alla pandemia, di effettuare con più tranquillità i necessari aggiornamenti tecnici dei software (“Slitta dal 31 luglio al 30 settembre l’invio dati delle spese sanitarie 2021”).
Dal prossimo anno si entra a regime e le comunicazioni dovranno essere trasmesse con cadenza mensile, di conseguenza, le informazioni relative alle prestazioni dovranno essere inviate entro la fine del mese successivo (vedi articolo “Trasmissione spese sanitarie, riscritto il calendario 2020 e 2021”).
Il periodo utile per la trasmissione va determinato in base al criterio di cassa, quindi, deve essere considerata la data del pagamento anche se precedente all’emissione della ricevuta.

I soggetti che operano nel settore sanitario e veterinario chiamati a collaborare con il Fisco per la predisposizione della precompilata sono stati individuati e implementati a più riprese con distinti provvedimenti legislativi (Dlgs n. 175/2014; decreti Mef 1° settembre 2016, 22 marzo 2019, 22 novembre 2019 e 16 luglio 2021).
In via generale, devono comunicare i dati sulle spese sostenute dai loro pazienti:

  • le strutture sanitarie (accreditate al Ssn, autorizzate non accreditate e quelle appartenenti alla Sanità militare)
  • farmacie e parafarmacie
  • medici chirurghi e odontoiatri
  • professionisti sanitari (psicologi, veterinari, infermieri, tecnici radiologi, ostetrici e gli ottici, e dal 2019 gli iscritti ai nuovi albi professionali in base decreto del ministero della Salute del 13 marzo 2018 e gli iscritti all’albo dei biologi).

La scadenza del 30 settembre per la trasmissione dei dati relativi al primo semestre 2021 non riguarda gli ultimi arrivati nella platea dei soggetti obbligati, ossia i professionisti indicati nel decreto Mef 16 luglio 2021 che da quest’anno dovranno far conoscere le informazioni necessarie a inserire le detrazioni relative agli oneri sanitari nella precompilata. Quest’ultimi potranno inviare al Sts le notizie relative al 2021 con un’unica comunicazione da trasmettere entro il 31 gennaio 2022 (vedi articolo “Invio dati per la precompilata: individuate le ulteriori categorie”).
Sono, in pratica, i soggetti iscritti agli elenchi speciali ad esaurimento, previsti dal decreto 9 agosto 2019 del ministro della Salute, istituiti presso gli ordini dei tecnici sanitari di radiologia medica e delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione. Si tratta di operatori che pur svolgendo attività sanitarie non avevano i requisiti sufficienti (ad esempio la laurea) per l’iscrizione ai nuovi albi ma con titolo ritenuto precedentemente idoneo per lo svolgimento dell’attività.
Il nuovo appuntamento per la trasmissione dei dati sulle spese sanitarie e veterinarie al Sts è per il 31 gennaio 2022 quando, in via generale, dovranno partire le comunicazioni relative alle prestazioni effettuate dal 1° luglio 2021. Entro tale data i soggetti dei suddetti albi a esaurimento, dovranno invece trasmettere le informazioni relative a tutto il 2021.

Condividi su:
Spese sanitarie 1° semestre 2021, comunicazioni entro il 30 settembre

Ultimi articoli

Normativa e prassi 27 Ottobre 2021

È pari al 100% la percentuale per il Cfp riduzione canoni affitto

La percentuale per il calcolo del contributo a fondo perduto per la riduzione del canone di locazione, prevista dall’articolo 9-quater del decreto “Ristori” è pari al 100% del quantum determinato, poiché le richieste pervenute sono inferiori alle risorse finanziarie disponibili.

Normativa e prassi 27 Ottobre 2021

Bonus Mezzogiorno e Zes: spazio ai nuovi ambiti applicativi

Il modello di comunicazione per la fruizione del credito d’imposta per gli investimenti nel Mezzogiorno, nei comuni del sisma del Centro-Italia e nelle zone economiche speciali (Zes) fa posto alle modifiche introdotte dal decreto “Semplificazioni” (articolo 57, comma 1, lettera b), n.

Normativa e prassi 27 Ottobre 2021

I servizi didattici sono senza Iva, se l’ente estero è accreditato al Muir

I servizi tesi alla certificazione delle competenze in lingua inglese, di musica e arti performative, resi a scuole pubbliche italiane, che operano in esenzione Iva, da una Charity educativa ed ente Certificatore internazionale, con sede legale nel Regno Unito, riconosciuto dal Miur, sono esonerati dall’applicazione dell’Iva.

Normativa e prassi 27 Ottobre 2021

Registrazione atti privati, il punto sulla sottoscrizione

Con la risposta n. 14 del 27 ottobre 2021 ad una consulenza giuridica, l’Agenzia delle entrate fa il punto sull’utilizzo delle firme elettroniche per la registrazione di atti privati e in particolare di contratti preliminari di compravendita.

torna all'inizio del contenuto