Normativa e prassi

23 Luglio 2021

Importazioni e cessioni senza Iva per contrastare il Covid-19

Le modifiche al regime agevolativo per l’importazione in esenzione da Iva e dazi degli strumenti necessari a prevenire e ostacolare la pandemia non hanno mutato la ratio e le finalità della misura. Di conseguenza, la società che importa tali beni per conto di un soggetto legittimato all’applicazione del beneficio può cedere gli stessi strumenti a quest’ultimo senza pagare l’Iva. È quanto chiarisce la risposta n. 507 del 23 luglio 2021.
 
A chiedere delucidazioni è una società che opera nel campo delle apparecchiature biomedicali. Tra l’altro, si occupa dell’importazione in Italia degli strumenti destinati a contrastare l’emergenza epidemiologica da Covid-19 (comma 1, articolo 124, Dl “Rilancio”).
 
Tra i provvedimenti adottati per facilitare la circolazione dei beni necessari a ostacolare la diffusione della pandemia, un tassello importante è rappresentato dalla decisione della Commissione Ue n. 2020/491 del 3 aprile 2020 a cui è collegata anche la determinazione direttoriale delle dogane e dei monopoli n. 107042/RU dello stesso giorno. La decisione ha introdotto un regime di esenzione dai dazi doganali e dall’Iva per le importazioni dei beni in questione effettuate dai soggetti elencati alla lettera c) del documento e al punto 1 punto della decisione direttoriale, o dai soggetti che per questi operano (in pratica, autorità, enti e amministrazioni pubbliche).
L’agevolazione, originariamente in vigore per il periodo 30 gennaio-31 luglio 2020, a causa del perdurare dell’emergenza sanitaria è stata prorogata al 30 aprile 2021 con la successiva decisione Ue n. 2020/1573.
L’istante, alla luce della proroga, chiede se è confermata la possibilità di applicare il regime di esenzione anche alle successive cessioni effettuate nei confronti dei soggetti legittimati all’agevolazione, riguardanti gli stessi beni, come precedentemente chiarito con la circolare n. 11/2020.
 
La lista delle merci definita Unione europea, precisa l’Agenzia, non è tassativa e gli Stati membri possono integrarla secondo le esigenze specifiche. Per l’Italia, l’Adm, con la circolare n. 19/2020, ha incrementato il numero dei beni ammessi al beneficio.
L’amministrazione finanziaria ripercorre gli altri provvedimenti della Commissione e delle Dogane che nel tempo sono intervenuti sull’argomento e osserva che, in definitiva, nonostante le proroghe e le altre modifiche apportate, la ratio e le finalità del beneficio non sono cambiati rispetto all’origine, né sono mutati i presupposti di accesso all’esenzione e i soggetti ammessi, come ha chiarito la circolare n. 43/2020 delle Dogane.
 
In sintesi, per risolvere il dubbio dell’istante è corretto fare riferimento alla circolare n. 11/2020 richiamata nell’interpello. Il documento di prassi ha chiarito che la formulazione della decisione Ue è ampia è dà rilievo alla destinazione dei beni importati più che alla loro natura e al soggetto che effettua l’operazione. Possono beneficiare dell’esenzione, conferma, non solo i soggetti legittimati, ma anche chi agisce per loro conto. “Inoltre” chiariva la circolare “al ricorrere delle medesime condizioni previste dalla citata decisione, si ritiene che il regime di esenzione IVA possa essere applicato anche nei rapporti tra l’importatore e i soggetti espressamente richiamati dall’articolo 1, comma 1, lettera c), della predetta decisione della Commissione europea (c.d. soggetti legittimati), purché il suddetto trasferimento abbia ad oggetto i medesimi beni importati “per loro conto” e tali beni siano destinati dai soggetti legittimati ad uno degli utilizzi previsti dall’articolo 1, comma 1, lettera a) della più volte citata decisione”.
 
L’Agenzia ritiene, in conclusione, che l’istante possa applicare l’esenzione Iva alle importazioni realizzate su incarico dei soggetti legittimati, anche su implicito mandato, e alle successive cessione nei confronti di questi ultimi, secondo le regole e i termini fissati nella decisione Ue n. 2020/491 e nella circolare n. 11/2020 dell’Agenzia delle entrate.

Condividi su:
Importazioni e cessioni senza Iva per contrastare il Covid-19

Ultimi articoli

Normativa e prassi 22 Settembre 2021

L’assembla condominiale approva: Superbonus a chi si accolla le spese

Se l’assemblea approva, le spese per gli interventi effettuati sulle parti comuni del “condominio misto”, che ospita alloggi di privati e di una Pa, potranno essere sostenute dai condomini interessati che in sede assembleare, esprimendo parere favorevole, manifestano l’intenzione di accollarsi l’intero importo e che beneficeranno della detrazione al 110 per cento.

Attualità 22 Settembre 2021

Spese sanitarie 1° semestre 2021, comunicazioni entro il 30 settembre

Non sono ancora scaduti i termini per la presentazione dei redditi relativa al 2020 che già si riaccendono i motori per predisporre la precompilata 2022.

Normativa e prassi 22 Settembre 2021

Aliquota Imu all’11,4%, anche senza delibera 2021

Se la maggiorazione dell’aliquota Imu dello 0,08% è stata espressamente confermata dalle delibere consiliari ininterrottamente dal 2015 al 2019, in qualità di maggiorazione Tasi, e per il 2021 il Comune non ha adottato alcuna deliberazione in materia, vengono convalidate automaticamente tutte le aliquote approvate per il 2020, compresa anche quella maggiorata dell’1,14%, risultante dall’applicazione della maggiorazione dello 0,08 per cento.

Normativa e prassi 22 Settembre 2021

Flusso telematico delle delibere, dal Df chiarimenti sul timing

Con la risoluzione n.7/DF del 21 settembre 2021, il dipartimento delle Finanze fornisce chiarimenti in tema di decorrenza dell’obbligo di utilizzare il formato elettronico individuato dal decreto interministeriale del 20 luglio 2021, ai fini della trasmissione telematica al ministero dell’Economia e delle Finanze delle delibere regolamentari e tariffarie relative alle entrate tributarie dei comuni, delle province e delle città metropolitane (vedi articolo “Invio telematico delle delibere, in un decreto le specifiche tecniche”).

torna all'inizio del contenuto