Dati e statistiche

21 Giugno 2021

Primi tre mesi del 2021, diminuiscono le liti fiscali

Confermato, nel periodo gennaio-marzo 2021, il calo del numero delle controversie che oppongono Fisco e contribuenti. Rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente, i nuovi ricorsi sono diminuiti del 49%. Salgono del 39% le liti concluse. È quanto emerge dal Rapporto trimestrale sul contenzioso tributario 2021 disponibile online sul sito del Mef accompagnato dalle relative Appendici statistiche.

Sensibile riduzione delle cause ancora in attesa di “verdetto” definitivo a fine marzo 2021. Al 31 marzo 2021 le controversie tributarie pendenti, pari a 313.943, sono diminuite dell’8,73% rispetto al 31 marzo 2020 e anche il confronto con il 31 dicembre 2020 registra una diminuzione del 9,15 per cento.

Sempre meno di frequente, sia in primo che in secondo grado, cittadini e amministrazione finanziaria chiedono l’intervento del giudice per risolvere le loro divergenze. I nuovi contenziosi, nel trimestre in esame, sono stati 25.044, registrando un calo del 48,76% rispetto allo stesso periodo del 2020.
Pace fatta in modo definitivo per 56.652 procedimenti, con un aumento tendenziale del 39,15 per cento.

In particolare, i ricorsi presentati presso le Commissioni tributarie provinciali sono stati 14.630, il 58,85% in meno rispetto al primo trimestre 2020, e i processi conclusi 39.240, ossia il 32,42% in più se confrontati con lo stesso periodo dello scorso anno.
Stesso trend per le Commissioni tributarie regionali: gli appelli presentati nel periodo in osservazione sono stati 10.414, registrando una flessione del 21,85%; le decisioni definitive 17.412, guadagnano il 57,15% dal raffronto con lo scorso anno.

L’analisi statistica, come di consueto, fornisce anche i risultati degli esiti dei contenziosi.
In primo grado, il numero dei giudizi completamente a favore dell’ente sono stati la metà del totale, per un valore complessivo di 1.779,92 milioni di euro. Le ragioni dei contribuenti hanno avuto la meglio nel 27% dei casi, per un valore di 349,21 milioni di euro. Le decisioni con esiti intermedi sono stati il 10%, per un valore complessivo di 348,80 milioni di euro.
Le liti davanti alle Ctr, concluse interamente a favore dell’ente, risultano essere state il 47%, per un valore di 1.224,64 milioni di euro, le pronunce positive per i cittadini sono state circa il 30%, per un valore complessivo di 647,60 milioni di euro. I giudizi in cui nessuna parte ha vinto e ha perso si sono registrati al 7%, per un valore complessivo di 260,75 milioni di euro.

Infine, i dati sul processo telematico: più o meno il 20% dei procedimenti totali sono stati tenuti online, lo svolgimento dell’udienza da remoto in primo grado si attesta al 16%, e in secondo grado al 27% e, soltanto a marzo 2021, la percentuale di svolgimento di udienza a distanza si attesta a circa il 24 per cento.

Condividi su:
Primi tre mesi del 2021, diminuiscono le liti fiscali

Ultimi articoli

Attualità 20 Ottobre 2021

Tax credit servizi digitali 2021, le domande da oggi, 20 ottobre

Al via da oggi, 20 ottobre, e fino alla mezzanotte del 20 novembre 2021 le domande al dipartimento per l’Informazione e l’Editoria per accedere al credito d’imposta riconosciuto alle imprese editrici di quotidiani e periodici per l’acquisizione di servizi digitali.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

Il contratto non lascia dubbi è una permuta di beni pubblici

Il contratto di trasferimento di un immobile dal Demanio, che agisce per conto dello Stato, a un ente territoriale, in attuazione di un accordo di programma quadro, se contiene l’elenco dei beni immobili reciprocamente trasferiti con il relativo valore e presenta gli elementi tipici dell’operazione, può essere considerato una permuta di beni pubblici e beneficiare dei relativi regimi di favore previsti per le imposte di registro, ipo-catastali e bollo.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

I registratori di cassa telematici non sono “iperammortizzabili”

L’interconnessione dei registratori di cassa telematici con il sistema informativo aziendale non comporta, di per sé, l’automatico riconoscimento dell’agevolazione prevista dalla legge di bilancio 2017 (articolo 1, comma 9) e più volte prorogata (articolo 1, comma 30, Bilancio 2018 e articolo 1, comma 60, Bilancio 2019), meglio conosciuta come “iperammortamento”.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

Bonus “Restauro” edifici storici, le istanze partono a febbraio 2022

È pari al 50% delle spese sostenute nel 2021 e 2022 il credito d’imposta previsto per la manutenzione, la protezione o il restauro degli immobili di interesse storico e artistico.

torna all'inizio del contenuto