Normativa e prassi

21 Giugno 2021

New entry nel fondo d’investimento, utilizzo del credito Iva ad ampio raggio

Una società di gestione del risparmio subentrata nella gestione di un fondo che aveva maturato al 31 dicembre 2020 un credito Iva confluito, per volontà delle stesse parti, nelle liquidazioni periodiche della Sgr subentrata, potrà utilizzare tale credito in compensazione già a partire dal 2021, successivamente alla data di ingresso nel fondo.
È quanto precisato dall’Agenzia con la risposta n. 421 del 18 giugno 2021.

L’Agenzia ricorda un precedente documento di prassi (risposta n. 124/2020) con cui era stato chiarito che in caso di sostituzione nella gestione del fondo, la nuova società assume la stessa posizione della Sgr sostituita. Di conseguenza se il subentro avviene nel corso dell’anno il credito Iva maturato fino a quel momento confluisce nella posizione della nuova Sgr alla data di efficacia della sostituzione.
Nel caso in esame, quindi, il subentro avrà valore a tutti gli effetti a partire dal 2021.

Il credito Iva annuale del fondo maturato nell’annualità precedente a quello in cui ha efficacia la sostituzione, precisa ancora l’Agenzia, può rimanere nella disponibilità della sostituita o, in alternativa, confluire nelle liquidazioni periodiche della subentrata. In quest’ultimo caso, non essendo possibile dare autonoma evidenza del credito Iva nel quadro VL, in quanto può essere dichiarato solo il credito complessivamente maturato della Sgr come risultante dalla precedente dichiarazione, è la Sgr subentrante “a dover attestare l’esistenza contabile del credito IVA di spettanza del fondo, mediante la produzione all’ufficio competente, entro il termine previsto dall’articolo 54-bis del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633, di idonea documentazione”, come precisato dal citato documento di prassi.

In sintesi, chiarisce l’Agenzia, il credito Iva maturato dal fondo nel periodo d’imposta precedente potrà essere utilizzato dalla Sgr subentrante anche in compensazione orizzontale (articolo 17 del Dlgs n. 241/1997), non essendo ravvisabile al riguardo alcun impedimento.

Considerando, infine, che la compensazione per importi superiori a 5.000 euro annui può essere effettuata a partire dal decimo giorno successivo a quello di presentazione della dichiarazione o dell’istanza da cui emerge il credito, la Sgr subentrata può utilizzare il credito Iva emergente dall’ultima dichiarazione annuale Iva presentata dalla Sgr sostituita, a partire dal decimo giorno successivo a quello di presentazione di detta dichiarazione, se l’importo supera tale soglia.. In tal caso, il visto di conformità apposto sulla dichiarazione della sostituita, nella quale è stata evidenziata l’eccedenza a credito, sarà efficace anche nel confronti della sostituente.

Condividi su:
New entry nel fondo d’investimento, utilizzo del credito Iva ad ampio raggio

Ultimi articoli

Attualità 20 Ottobre 2021

Tax credit servizi digitali 2021, le domande da oggi, 20 ottobre

Al via da oggi, 20 ottobre, e fino alla mezzanotte del 20 novembre 2021 le domande al dipartimento per l’Informazione e l’Editoria per accedere al credito d’imposta riconosciuto alle imprese editrici di quotidiani e periodici per l’acquisizione di servizi digitali.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

Il contratto non lascia dubbi è una permuta di beni pubblici

Il contratto di trasferimento di un immobile dal Demanio, che agisce per conto dello Stato, a un ente territoriale, in attuazione di un accordo di programma quadro, se contiene l’elenco dei beni immobili reciprocamente trasferiti con il relativo valore e presenta gli elementi tipici dell’operazione, può essere considerato una permuta di beni pubblici e beneficiare dei relativi regimi di favore previsti per le imposte di registro, ipo-catastali e bollo.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

I registratori di cassa telematici non sono “iperammortizzabili”

L’interconnessione dei registratori di cassa telematici con il sistema informativo aziendale non comporta, di per sé, l’automatico riconoscimento dell’agevolazione prevista dalla legge di bilancio 2017 (articolo 1, comma 9) e più volte prorogata (articolo 1, comma 30, Bilancio 2018 e articolo 1, comma 60, Bilancio 2019), meglio conosciuta come “iperammortamento”.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

Bonus “Restauro” edifici storici, le istanze partono a febbraio 2022

È pari al 50% delle spese sostenute nel 2021 e 2022 il credito d’imposta previsto per la manutenzione, la protezione o il restauro degli immobili di interesse storico e artistico.

torna all'inizio del contenuto