Dati e statistiche

15 Giugno 2021

Meno ricorsi e più liti pendenti, online il Contenzioso tributario 2020

Liti pendenti e risolte in primo e secondo grado di giudizio, nuovi ricorsi, valore delle contestazioni, attività delle Commissioni tributarie. È online, sul sito del Mef, la Relazione annuale dello stato del contenzioso tributario 2020 messo a confronto con i dati dell’anno precedente. Anche in questo caso, osservano dal ministero, i numeri registrati risentono delle misure anti-Covid. La sensibile riduzione dei ricorsi presentati, ad esempio, è dovuta, in primo luogo, alla sospensione delle attività di controllo nel periodo emergenziale.

Diminuiscono le nuove controversie, aumenta il numero di quelle non risolte
A fine 2020, i contenziosi tra Fisco e contribuenti ancora in piedi sono aumentati del 2,8% rispetto al 2019 (345.295 al 31 dicembre 2020).
Andamento inverso per le nuove controversie, pari a 151.317, in calo, complessivamente, del 20%. In discesa soprattutto i ricorsi in primo grado di giudizio, che perdono il 23,6%, gli appelli scendono del 9 per cento. Il dato, come già detto, è conseguente allo stop dei controlli deciso a causa della pandemia.
Giù del 37,8% le cause risolte (141.751), – 40,3% nel primo grado e -30,3% nel secondo grado. Anche questa volta, la riduzione, dicono dal Mef, è connessa alla sospensione delle attività definitorie disposte nel corso del 2020.

Valori e periodi di giacenza
La Relazione riporta il dettaglio delle percentuali dei contenziosi pendenti secondo il periodo di giacenza e il loro valore. In particolare, il valore complessivo delle liti aperte supera i 42,1 miliardi di euro, il 62,8% (216.868 unità) aspetta di essere definita da meno di 2 anni, il 30,4% (104.936 unità) è in giacenza da un periodo compreso tra 2 e 5 anni e solo il 6,8% (23.491 unità) aspetta da più di 5 anni.

I nuovi ricorsi
Le contestazioni tra uffici del Fisco e contribuenti presentate al giudice per la prima volta nel 2020 hanno un valore di oltre 17 miliardi di euro, per un valore medio di circa 113mila euro a controversia. Il valore complessivo, rispetto ai nuovi ricorsi presentati nel 2019, è diminuito del 25,2% (-5,8 miliardi di euro).
L’analisi “ravvicinata” del report evidenzia che i contenziosi inferiori o uguali a 50mila euro sono circa l’83,8% in primo grado e il 72% in appello, per valori corrispondenti rispettivamente a circa 685 e 323 milioni di euro.
Poche le controversie che superano il milione di euro: l’1,3% in primo grado, il 2,6% in secondo grado, per un valore, rispettivamente, di 6,4 e 5,2 miliardi di euro.

I numeri delle decisioni definitive
Nel 2020, pace fatta, definitivamente, con il Fisco, per un valore che si avvicina a 16 miliardi di euro, mentre il dato medio della singola controversia decisa è di circa 111mila euro.
I contenziosi conclusi in primo grado, inferiori o uguali a 50mila euro, sono stati l’84% del totale (per un ammontare di circa 575 milioni di euro), soltanto l’1,2% (per un totale di circa 5,2 miliardi di euro) quelli superiori a 1 milione di euro.
I dati relativi al secondo grado mostrano che sono 72,1% le liti definite che valgono meno di 50mila euro (per un totale di circa 318 milioni di euro), mentre le definizioni superiori a 1 milione di euro riguardano solo il 2,3% dei casi (per un totale di circa 5,6 miliardi di euro).

I risultati di fine “partita”
Gli enti impositori escono più di frequente “vincenti” dal confronto con il contribuente. Gli esiti sono completamente a loro favore nel 49% dei casi in primo grado di giudizio e per il 48,5% nel secondo grado. I contribuenti la spuntano nel 27,4% dei giudizi in primo grado e nel 30,8% in secondo grado. Il giudizio intermedio raggiunge percentuali pari al 10,9% in primo grado e all’8,6% in secondo grado.

Tempi più lunghi
L’analisi statistica, infine, focalizza l’attenzione sulla durata dei processi tributari. I procedimenti del 2020, in primo grado, sono andati avanti per 631 giorni (pari a 1 anno e 9 mesi): +23 giorni rispetto al 2019 e -58 giorni rispetto al 2018. In secondo grado la durata media si attesta a 1.055 giorni evidenziando un aggravamento pari a 148 giorni rispetto al 2019 e a 198 giorni rispetto al 2018.

Condividi su:
Meno ricorsi e più liti pendenti, online il Contenzioso tributario 2020

Ultimi articoli

Normativa e prassi 18 Ottobre 2021

Investimenti 4.0, in “trasferta” o in comodato, ma il bonus c’è

La ditta che investe in beni strumentali nuovi per sterilizzare le attrezzature del dentista usufruisce del tax credit introdotto dalla legge di bilancio 2020 anche se utilizza gli strumenti presso hub da lei istituiti in luoghi diversi dalla propria sede.

Normativa e prassi 18 Ottobre 2021

“Disallineamenti da Ibridi”: Aperta la consultazione pubblica

Disponibile in consultazione sul sito dell’Agenzia fino al 19 novembre 2021 lo schema di circolare che fornisce i chiarimenti sulla disciplina dei “Disallineamenti da Ibridi” contenuta nel decreto legislativo di recepimento della direttiva antielusione Atad (articoli da 6 a 11 del Dlgs n.

Normativa e prassi 18 Ottobre 2021

Firma digitale con marca temporale: la data dell’attestazione è certa

Con la risposta n. 725 del 18 ottobre 2021, è stato chiarito che lo strumento della firma digitale corredata da marca temporale, se rispondente ai requisiti previsti dalle norme e dalle regole tecniche vigenti, è idoneo a garantire la certezza della data di emissione, da parte dell’ente di certificazione accreditato, dell’attestato di conformità.

Analisi e commenti 18 Ottobre 2021

Prima casa under 36 – 1 Focus sul requisito Isee

La circolare n. 12/2021, firmata dal direttore dell’Agenzia delle entrate, Ernesto Maria Ruffini, ha fornito, tra gli altri, chiarimenti in merito all’Isee quale requisito soggettivo, di carattere strettamente economico, previsto dall’articolo 64, comma 6 del Dl n.

torna all'inizio del contenuto