Attualità

9 Giugno 2021

Impi: entro il 16 giugno provvisoriamente allo Stato

Si avvicina la scadenza per il pagamento dell’imposta immobiliare sulle piattaforme marine (Impi) istituita dall’articolo 38 del collegato fiscale alla legge di Bilancio 2020, il Dl n. 124/2019 in sostituzione di ogni altra imposta immobiliare locale ordinaria (vedi articolo “Collegato fiscale – 8: arriva l’Impi, l’imposta per le piattaforme marine”).

Con un comunicato stampa pubblicato sul proprio sito il ministero dell’Economia e delle Finanze, nel ricordare che il versamento va effettuato entro il prossimo 16 giugno, fa presente che per ragioni tecniche non sono stati ancora individuati i Comuni destinatari del gettito e che quindi il versamento del tributo andrà effettuato direttamente allo Stato applicando l’aliquota del 10,6 per mille.

L’imposta si applica agli immobili che costituiscono strutture emerse destinate alla coltivazione di idrocarburi e site entro i limiti del mare territoriale, come individuato dall’articolo 2 del codice della navigazione e va versata tramite il modello F24 con indicazione del codice tributo “3970” istituito ad hoc con la risoluzione n. 77/2020 (vedi articolo ““3970”: arriva il codice tributo per il versamento dell’Impi”).

Infine, il Mef precisa che in seguito all’individuazione dei Comuni destinatari del gettito seguirà l’emanazione del decreto ministeriale con cui si provvederà ad attribuire agli stessi enti il gettito spettante.

Indicazioni puntuali sull’applicazione dell’imposta, ricordiamo, sono state fornite con la risoluzione n. 8/Df del 16 dicembre 2020, che ha chiarito aspetti relativi alla corretta individuazione del presupposto oggettivo e degli elementi che compongono la piattaforma marina da considerare per la determinazione della base imponibile, nonché all’obbligo di presentare la dichiarazione, con quali modalità ed entro quali termini (vedi articolo “Primi chiarimenti Mef sull’Impi: individuazione e determinazione“).

Condividi su:
Impi: entro il 16 giugno provvisoriamente allo Stato

Ultimi articoli

Normativa e prassi 16 Agosto 2022

Soggetta a Iva l’attività in Italia anche con iscrizione all’Aire

La costituzione nel territorio italiano del domicilio fiscale, pur in presenza della residenza in un Paese terzo, come il Regno Unito, non impedisce di considerare la cittadina italiana, chiaramente intenzionata ad avviare la sua unica attività professionale, quale soggetto passivo Iva alla stregua di un qualsiasi altro residente.

Normativa e prassi 16 Agosto 2022

Cambi delle valute estere: online le medie di luglio 2022

È in Rete, sul sito dell’Agenzia delle entrate, il provvedimento del 16 agosto del direttore dell’Agenzia, con il quale sono accertate le medie dei cambi delle valute estere per il mese di luglio 2022, calcolati a titolo indicativo dalla Banca d’Italia sulla base di quotazioni di mercato.

Analisi e commenti 16 Agosto 2022

Il rilascio del falso “visto leggero” è sanzionabile penalmente

Al fine di contrastare i fenomeni “patologici” collegati alle compensazioni di crediti inesistenti e alle indebite cessioni di credito d’imposta non spettanti, e al fine di garantire ai contribuenti il corretto adempimento degli obblighi tributari e, conseguentemente, agevolare l’amministrazione finanziaria nei successivi controlli, il legislatore tributario, con il decreto legislativo n.

Normativa e prassi 12 Agosto 2022

Rilascio obbligatorio delle frequenze, l’indennizzo è contributo in c/capitale

Con la risposta n. 427 del 12 agosto 2022, l’Agenzia chiarisce che il contributo percepito nell’anno corrente dalla società e previsto ex lege per la rottamazione obbligatoria delle frequenze inerenti al servizio televisivo digitale terrestre va qualificato come sopravvenienza attiva e, essendo ricompreso nell’articolo 88, comma 3, lettera b) del Tuir, concorre alla determinazione del reddito nell’esercizio in cui è stato incassato e nei successivi, ma non oltre il quarto.

torna all'inizio del contenuto